Azioni

Come investire in Startup? Guida passo a passo

In questa guida scopriremo come investire in startup senza commettere errori, imparando a scegliere le aziende migliori e a utilizzare le giuste piattaforme di investimento.

Molti investitori guardano alle startup per costruire un portafoglio potenzialmente redditizio. Ecco perché vale la pena di conoscere i pro e i contro di questo settore attraverso la nostra guida completa e aggiornata. Iniziamo subito con una tabella di informazioni generali:

🎯 Aziende Startup
💸 Quotazione IPO
🔥 Rischio Alto
💰 Capitale iniziale €200

SUGGERIMENTO: Per investire immediatamente nelle migliori azioni innovative, la piattaforma consigliata è senza dubbio eToro. Si tratta di un broker sicuro e regolamentato con un gran numero di società negoziabili, nessun costo fisso e un investimento minimo di soli 100 dollari:

Clicca qui per investire in startup con eToro

Cosa sono le startup?

Le startup sono aziende appena avviate e non ancora affermate sul mercato. Hanno idee uniche e grandi obiettivi, ma hanno bisogno di sostegno finanziario per decollare. Esistono diversi tipi di startup, tra cui quelle basate sulla tecnologia e quelle con obiettivi creativi come la moda o l’arte.

Le startup non solo corrono dei rischi, ma richiedono anche un alto livello di investimenti da parte di investitori che credono nella loro visione di crescita e di successo. Molti investitori vedono nell’investimento in startup un modo interessante per ottenere ottimi rendimenti, soprattutto perché la maggior parte delle nuove aziende fallisce entro i primi anni di attività, ma quelle che restano sul mercato si caratterizzano per ROI elevati.

Investire in startup significa fare un calcolo sul potenziale successo di una nuova società e stabilire se vale la pena di investire il proprio denaro in essa.

Come investire nelle startup?

Come si investe nelle startup? Esistono diverse piattaforme per investire nelle startup, tra cui i canali di investimento tradizionali, come i fondi di venture capital, e i meccanismi di investimento alternativi, come il crowdfunding.

Per investire con successo nelle startup, è importante valutare il loro potenziale di crescita e di successo, capire quali tipi di rischi possono comportare e ricercare le diverse piattaforme disponibili per scegliere quella più adatta ai propri obiettivi. Vediamo tutti i passaggi necessari:

  1. Registratevi per aprire un conto su eToro. Per iniziare sono sufficienti il nome e l’indirizzo e-mail. È possibile iscriversi anche tramite Facebook o Google+.
  2. Finanziate l’account tramite carta di credito, PayPal o bonifico bancario, se è già stato impostato tramite il pannello di controllo. Per ulteriori informazioni sulle opzioni di finanziamento e altri dettagli importanti, consultare la pagina informativa di eToro.
  3. Una volta finanziato il vostro conto, andate alla scheda “Mercato” della piattaforma eToro e cliccate sul link “Startup“. In questo modo si accede a un elenco di startup in cui è possibile investire, con il loro prezzo di mercato attuale e il motivo per cui sono considerate investimenti interessanti. Potrete anche vedere quale percentuale di ogni società è disponibile per l’investimento.
  4. Scegliete quali sono le startup in cui volete investire, tenendo conto di quanto denaro volete spendere e limitandovi in modo appropriato con limiti di stop-loss per non rischiare troppo denaro o entusiasmarvi troppo per i potenziali rendimenti senza considerare il rischio.
  5. Una volta scelti gli investimenti, cliccate sul pulsante “Acquista” per ogni startup per completare l’acquisto e iniziare a fare trading.

Ricordate che si tratta di un investimento a lungo termine, quindi sfruttate la funzione CopyTrader di eToro per copiare automaticamente gli altri investitori che hanno scelto queste società come il loro miglior investimento. In questo modo, anche se non avete esperienza di investimenti in startup o non avete il tempo di fare tutte le ricerche necessarie, sarà comunque utile negoziare con questa strategia di investimento.

Clicca qui per investire in startup con eToro

Le migliori piattaforme per investire in startup

Esistono diverse piattaforme a disposizione degli investitori interessati alle startup, tra cui i canali di investimento tradizionali come i fondi di venture capital e l’equity crowdfunding. Alcune delle piattaforme di investimento per startup più popolari sono:

  • AngelList: una piattaforma online che aiuta gli imprenditori a identificare potenziali investitori, a trovare fonti di finanziamento e a connettersi con persone affini nella comunità delle startup.
  • Kickstarter: una delle principali piattaforme di crowdfunding che consente agli utenti di pubblicare campagne di raccolta fondi per qualsiasi cosa, dall’arte ai prodotti tecnologici.
  • Fundable: una piattaforma di crowdfunding online progettata specificamente per le startup che cercano investimenti di avviamento per decollare e trasformare le loro aziende in imprese di successo.
  • WeFunder: uno dei primi portali di equity crowdfunding negli Stati Uniti, WeFunder offre un’ampia gamma di opportunità di investimento per investitori di ogni dimensione e livello di esperienza.

In definitiva, la migliore piattaforma per investire in startup dipenderà dai vostri obiettivi individuali e dalle vostre preferenze di investitori. Ricercando e valutando le opzioni disponibili, potete trovare gli investimenti azionari in startup più adatti a voi e iniziare a far crescere il vostro portafoglio oggi stesso.

Leggi anche: Comprare azioni.

Qual è il ciclo di vita di una startup?

Non esiste un unico “ciclo di vita” per le startup, poiché ogni startup sperimenta il proprio viaggio dalle prime fasi di sviluppo al successo o al fallimento finale. Tuttavia, ci sono diverse fasi chiave che la maggior parte delle startup attraversa durante la crescita e la costruzione della propria attività. Questi includono:

  1. Ideazione: questa fase iniziale prevede l’ideazione di una nuova idea o concetto per un prodotto o servizio che non è stato precedentemente esplorato sul mercato. Può essere un compito difficile, ma è anche essenziale per garantire le giuste basi per il successo aziendale.
  2. Pianificazione aziendale: una volta elaborata un’idea innovativa, dovrete creare un piano aziendale dettagliato che illustri come trasformerete la vostra idea in realtà. In genere si tratta di condurre ricerche di mercato e di sviluppare un modello finanziario per valutare la redditività dell’impresa.
  3. Raccolta fondi: raccogliere i finanziamenti necessari è una delle sfide più grandi che la maggior parte delle startup deve affrontare e può comportare la ricerca di investimenti da parte di società di venture capital o altri investitori, la richiesta di sovvenzioni o prestiti pubblici o persino il crowdfunding attraverso piattaforme online come Kickstarter.
  4. Esecuzione del progetto: una volta ottenuto il finanziamento per la vostra startup, è il momento di mettere in pratica il vostro piano aziendale creando il vostro prodotto o servizio e facendo crescere la vostra base di clienti attraverso le attività di marketing. Questa fase prevede anche la sperimentazione e il miglioramento continui dei prodotti o dei servizi, mentre si lavora per raggiungere la redditività.
  5. Lancio sul mercato: con la crescita e l’espansione della base di clienti, si arriva alla cosiddetta fase di scalata. Ciò comporta l’aumento della produzione, l’assunzione di personale aggiuntivo e l’esplorazione di nuovi canali di vendita per incrementare i ricavi e ottenere un vantaggio competitivo sul mercato.
  6. Fusioni&acquisizioni: una delle fasi finali che la maggior parte delle startup sperimenta è l’uscita, quando si raggiunge un certo punto in cui gli investitori ritengono che ci sia un potenziale di ulteriore crescita o che siano disponibili strategie di uscita, come un’acquisizione o una fusione. D’altro canto, alcune startup non superano questa fase e finiscono per chiudere.

In generale, il ciclo di vita di una startup può essere lungo e difficile, ma se vi impegnate a portare avanti la vostra idea imprenditoriale e avete il sostegno degli investitori lungo il percorso, alla fine potrete avere successo.

investire in startup

Come scegliere le migliori startup per investire?

Nella scelta delle migliori startup in cui investire, ci sono diverse considerazioni da tenere in considerazione. Alcuni dei più importanti sono:

  • Potenziale di crescita: il motivo principale per cui si investe in azioni di startup è il loro elevato potenziale di crescita e la loro capacità di generare rendimenti sostanziali nel tempo. È quindi importante esaminare i piani attuali e futuri di una società per lo sviluppo e l’espansione dei prodotti, nonché le sue prospettive finanziarie.
  • Team di gestione: oltre a considerare come una startup può far crescere la propria attività, è fondamentale analizzare anche il team di gestione che c’è dietro. Questo include l’identificazione di persone che hanno esperienza nella crescita di aziende di successo nel loro settore o in settori simili, se applicabile, e la determinazione se hanno le competenze e le capacità necessarie per avere successo.
  • Proposta di valore: una startup avrà successo solo se avrà una forte proposta di valore che differenzi i suoi prodotti o servizi da quelli dei concorrenti. Ciò può comportare l’offerta di prezzi più convenienti, di un migliore servizio clienti, di una qualità superiore o di caratteristiche innovative che rispondano alle esigenze e alle preferenze dei clienti.
  • Fonti di finanziamento: un’altra considerazione importante quando si investe in startup è la loro capacità di generare un flusso di cassa sufficiente a sostenere i futuri piani di crescita e sviluppo. In genere si tratta di raccogliere fondi attraverso società di venture capital, angel investor o piattaforme di crowdfunding come Kickstarter, in contrapposizione alle banche tradizionali e ad altre opzioni di finanziamento come prestiti pubblici o sovvenzioni.
  • Concorrenza: infine, è importante capire come le start-up competono con gli attori consolidati del mercato, comprese le grandi aziende e le altre start-up. Ciò può comportare la valutazione dei loro punti di forza e di debolezza relativi in termini di prodotti tipicamente nuovi.

Le startup stanno diventando sempre più popolari, inoltre sempre più giovani imprenditori cercano finanziamenti per le loro nuove imprese.

Investire in startup: Pro e contro

Investire in startup presenta diversi vantaggi, come la possibilità di ottenere rendimenti elevati e commissioni ridotte. Tuttavia, ci sono anche degli svantaggi associati all’investimento in startup che gli investitori dovrebbero conoscere prima di impegnarsi finanziariamente.

Pro

  • Permette di attingere a idee nuove e innovative. Che si tratti di una startup che lavora su un nuovo tipo di tecnologia o che crea un prodotto completamente nuovo, ci sono innumerevoli opportunità per gli investitori che riconoscono queste grandi idee e vogliono essere coinvolti fin dall’inizio.
  • Strategia di investimento potenzialmente redditizia, soprattutto se la società scelta cresce rapidamente dopo l’investimento iniziale. Molte startup offrono agli utenti quote di partecipazione nelle loro aziende come incentivo, il che significa che gli investitori possono ricevere un grande ritorno quando l’azienda diventa pubblica o viene acquisita da un’altra impresa. Tuttavia, è importante ricordare che la maggior parte delle startup fallisce nei primi anni di attività, quindi non investite tutto il vostro denaro in una volta sola.
  • Può essere più conveniente di altre strategie di investimento. Molte startup utilizzano campagne di crowdfunding o peer-to-peer per raccogliere fondi, e queste piattaforme spesso applicano commissioni più basse rispetto ai fondi di venture capital tradizionali.
  • Offre l’opportunità di vivere un’esperienza a fianco dei fondatori della società in cui si investe. Poiché molti fondatori di startup lavorano a lungo per pochi soldi durante i primi anni di formazione, gli investitori hanno l’opportunità di partecipare a ogni fase della crescita dell’azienda e di assistere in prima persona ai suoi successi, ai suoi fallimenti e ai trionfi finali.

Contro

  • Si tratta di una strategia di investimento ad alto rischio che potrebbe non funzionare come previsto inizialmente. Come già detto, le start-up possono fallire nei primi anni di attività, quindi è importante valutare attentamente l’impatto potenziale se l’investimento si rivela non redditizio.
  • Può essere costoso perché la maggior parte degli investitori è tenuta a pagare commissioni e tasse sui profitti ottenuti da questi investimenti. Anche se una società non è immediatamente redditizia, alla fine dell’anno gli investitori dovranno pagare le tasse sulla loro quota di utili della società.
  • Investire nelle start-up richiede molto tempo ed energia, poiché molti imprenditori lavorano a lungo per un reddito modesto durante i primi anni. Anche se non avete necessariamente a che fare fisicamente con la startup stessa, in qualità di investitori dovrete monitorare i progressi dell’azienda e sapere quando ritirare il vostro investimento se l’azienda non sta andando bene.

Nel complesso, investire in startup presenta molti vantaggi e svantaggi. La scelta di questo tipo di strategia d’investimento dipende da diversi fattori, come la vostra situazione finanziaria, la vostra tolleranza al rischio, i vostri limiti di tempo e il vostro interesse per l’imprenditorialità.

Investire in Startup: Tutorial

Note finali

In questa guida abbiamo scoperto come investire in startup e come scegliere le aziende migliori.

Non resta che attivare un conto eToro e costruire un portafoglio di investimento con i migliori titoli emergenti, ecco la tabella per registrarsi gratuitamente:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 50€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Leggi anche:

    FAQ

    Conviene investire in startup?

    Si tratta di investimenti dall’elevatissimo potenziale di guadagno, che presentano al tempo stesso una buona dose di rischio per la natura incerta dell’azienda stessa. Di conseguenza, investire in startup conviene, se studiamo attentamente l’investimento da fare.

    Dove è possibile investire in startup?

    eToro mette a disposizione dei propri iscritti diversi strumenti per investire in startup in modo professionale, all’interno di una piattaforma di investimento rapida e completa.

    Il nostro voto
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 2 Media: 5]

    Lascia un Commento

    hello world