Azioni

Comprare azioni Porsche | Guida completa

Porsche AG è una casa automobilistica di origini tedesche, che ha la sede principale a Stoccarda, nel quartiere Zuffenhausen.

La sua storia ha ufficialmente inizio il 25 aprile del 1931 a Stoccarda, grazie alla fondazione dello studio di progettazione e ingegneria Dr.Ing. h.c.F. Porsche GmbH.

Il suo fondatore è Ferdinand Porsche, ingegnere e imprenditore austriaco naturalizzato tedesco.

Un marchio senza tempo, sinonimo di eleganza e qualità, simbolo di un mondo elitario e di una ricchezza senza tempo.

Il gruppo è una società per azioni, in cui le partecipazioni dei soci sono rappresentate da titoli trasferibili, ovvero le azioni.

Automobili per pochi eletti, che fanno sognare milioni di appassionati in tutto il mondo. Il brand può contare su circa 27mila dipendenti (dato aggiornato al 2018) e la crescita registrata negli ultimi anni ingolosisce una ricca platea di investitori.

In questa guida introduttiva, andremo ad analizzare alcuni aspetti della storia del marchio tedesco e le varie possibilità di investimento sulla prolifica società.

In Italia, una piattaforma leader del settore permette di investire in maniera intelligente su Porsche: è eToro.

Di seguito una lista dei migliori Broker per azioni sui quali negoziare il titolo Porsche:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 200€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: obrinvest
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Ebook gratuito
  • Segnali di Trading
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    75,80% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro
    Piattaforma: plus500
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: iqoption
    Deposito Minimo: 10€
    Licenza: Cysec
  • Deposito min: 10eur
  • Conto Demo gratuito
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: avatrade
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Copy trading
  • Attivo dal 2006
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Azioni Porsche Quotazione in tempo reale

    Storia aziendale di Porsche

    La Porsche AG è nata il 25 aprile del 1931, a Stoccarda, grazie a un’idea di Ferdinand Porsche, brillante ingegnere e imprenditore austriaco, naturalizzato tedesco.

    Ben presto inizierà a dare il suo importante contributo anche il figlio, Ferdinand Anton Porsche, detto Ferry.

    Il 17 gennaio del 1934, su richiesta di Hitler, Mr Porsche redige la progettazione e la costruzione di un’auto popolare, che sarà destinata a fare la storia: nasce così la prima Volkswagen.

    Già dal 1938 padre e figlio iniziarono a mettersi al lavoro per ideare un veicolo dalle prestazioni elevate, ma a causa delle innumerevoli vicissitudini legate al periodo bellico, uscirà solo nel 1948, a Gmünd in Kärnten, in Austria, dove era stata spostata la sede principale e fondata la Porsche-Werk Gmünd.

    Questa è la nascita del celebre modello 356, la prima automobile prodotta in serie con il marchio Porsche, sia in versione coupé che cabrio. Dal 1951 la produzione è stata nuovamente e interamente trasferita a Stoccarda.

    Nel 1951 Ferdinand muore e in quell’anno la Porsche conquista la sua prima vittoria di classe alla 24ore di Le Mans.

    La 550 Spyder fa il suo ingresso nella scuderia nel 1953, con una potenza e un motore impressionanti per quel periodo.

    Un modello che passerà alla storia per i successi sportivi, ma anche e soprattutto per il fatale incidente che è costato la vita di James Dean, nel 1955.

    Dal 1963 in avanti, il gruppo crea alcune delle più iconiche vetture del secolo, che entrano di diritto nella storia: la 911, creata da Butzi, figlio di Ferry e, negli anni a seguire la 930, la 997, la 959, la Boxster, la Cayman, la Carrera GT, la Cayenne, la Panamera e tanti altri.

    Il 5 luglio 2012, la Volkswagen trova un accordo finanziario per acquisire il rimanente 50,1%  del capitale Porsche, per un totale di 4,46 miliardi di euro.

    Dal 1 agosto dello stesso, dunque, l’intero capitale è nelle mani del gruppo Volkswagen.

    In sostanza, ciò che rende molto interessante l’azienda, non è solo la prestigiosa produzione di vetture, ma anche tutto il merchandising che vi gira attorno.

    Tramite la controllata Porsche Design, l’azienda disegna accessori per auto, ma anche abbigliamento sportivo, orologi, portachiavi, occhiali, profumi e oggettistica varia, che riscuotono molto successo.

    Non solo: l’azienda ha all’attivo un periodico, Christophorus e un club, che riunisce milioni di appassionati da tutto il mondo.

    L’attuale CEO è il tedesco Oliver Blume, che ha preso il posto di Matthias Muller in un momento particolare, in cui Porsche ha deciso di investire più di 1,1 miliardi di euro nei suoi siti produttivi locali.

    La scelta della piattaforma è di grande importanza quando si tratta di acquistare azioni di una società. Anche in questo caso, è opportuno seguire i seguenti consigli:

    • Scegliere piattaforme senza commissioni fisse
    • Operare con i contratti CFD
    • Esercitarsi su un conto Demo gratuito

    Andiamo ad analizzare ora uno dei migliore broker online, per acquistare in tutta sicurezza le azioni Porsche.

    Come comprare azioni Porsche

    In passato, se si volevano comprare azioni Porsche, si doveva necessariamente andare in banca. Ciò comportava un certo dispendio di soldi e tempo.

    Con l’introduzione dei CFD la situazione è completamente cambiata.

    I contratti per differenza offrono ai trader molte opzioni, che non sono possibili con gli investimenti tradizionali.

    I CFD sono diventati gli strumenti con cui gli investitori online negoziano materie prime, indici, azioni e valute, consentendo una maggiore flessibilità rispetto al trading tradizionale.

    • Se le azioni Porsche salgono, si apre un CFD rialzista, guadagnando su ogni Pip di rialzo
    • Se le azioni Porsche scendono, si apre un CFD ribassista, guadagnando su ogni Pip di ribasso.

    Possiamo, quindi, guadagnare in ogni caso, anche se il titolo scende!

    Come puoi vedere il funzionamento dei CFD è semplice ma soprattutto molto vantaggioso.

    Dove comprare azioni Porsche

    Ci sono molte piattaforme di trading online che mettono a disposizione i contratti CFD.

    In Italia il miglior broker che ci permette di negoziare le azioni di Porsche senza commissioni è eToro.

    Una piattaforma che consente di fare trading online di azioni da mercati popolari, come USA e Germania, a spread bassi.

    Inoltre eToro per la sua semplicità e intuitività può essere un ottimo punto di partenza per chi vuole iniziare a fare trading e a conoscere i mercati finanziari, grazie anche al copy trading.

    Si tratta di una funzionalità che permette di investire copiando le strategie dei trader professionisti.

    Scopriamo insieme come negoziare e comprare le azioni Porsche su eToro:

    comprare azioni Porsche

    Le condizioni che offre questa piattaforma sono davvero vantaggiose e garantiscono la possibilità di negoziare con spread stretti, senza commissioni e con un’esecuzione fidata.

    Per cominciare a fare trading sulle azioni di Porsche non devi fare altro che andare su eToro e creare un nuovo conto!

    Di seguito il link:

    Apri qui un conto eToro per negoziare le azioni Porsche

    Comprare azioni Porsche

    Comprare azioni Porsche conviene?

    Per capire se comprare azioni Porsche conviene davvero dobbiamo analizzare attentamente tutti i dati disponibili su questa azienda.

    Modello di Business

    Porsche AD, leader nel settore automobilistico di lusso, è una S.p.A., ovvero una società per azioni, di capitali, dotata di personalità giuridica e di un’autonomia patrimoniale perfetta, in cui le partecipazioni dei soci sono rappresentate da titoli trasferibili, ovvero dalle azioni.

    Dal 2012, dopo svariati anni di travagliate vicende finanziarie e di falliti tentativi di acquisizione del capitale VAG da parte di Porsche, la Volkswagen ha acquisito il restante 50,1% del capitale, che ad oggi è interamente nelle sue mani.

    Il suo volume d’affari deriva principalmente dalla vendita di automobili, ma anche dalla prestazione di servizi, come per esempio gli accessori per i veicoli e il finanziamento delle vendite.

    Nel 2018 Porsche ha fatturato quasi 29 miliardi di dollari, affermandosi come leader indiscusso del settore, basti pensare che, nello stesso anno, Ferrari si è fermata ad un fatturato di 4 miliardi.

    Nel 2019, grazie ad una crescita del 54% del brand value, cioè del valore economico originato da immagine e reputazione, Porsche raggiunge il valore di 29 miliardi di dollari pari a circa il 23% dell’intero valore di impresa.

    Sì è confermata così leader assoluto della Brand Finance Luxury & Premium 50 del 2019, la classifica dei brand ordinati per valore del trademark.

    • Il business

    Un business, quello di Porsche, che fa brillare il colosso tedesco anche in borsa: nonostante il calo delle vendite inevitabile nel periodo legato al Covid-19, le previsioni per l’azienda sono positive e il panorama di medio periodo conferma  la tendenza rialzista,

    • I Partner

    Porsche deve la sua fortuna anche ai suoi numerosi partner. I principali sono:

    Il potenziale del gruppo tedesco specializzato in auto di lusso e da corsa è evidente e sotto gli occhi di tutti, i titoli possono quindi interessare molti trader, desiderosi di inserirli nel loro portafoglio borsistico.

    Previsioni

    Il valore delle azioni Porsche cambia a seconda di diversi fattori come, per esempio, l’uscita di un nuovo modello e l’andamento della concorrenza.

    Per quanto riguarda il lancio di nuovi modelli, Porsche si muove con una strategia molto precisa, con un posizionamento stabile nel mercato dei veicoli elettrici, attraverso la produzione di auto elettriche, condivise, autonome e connesse.

    Recentemente, il gruppo ha acquisito il Porsche Design Group, marchio ideato da Ferdinand Alexander Porsche nel 1972, per portare l’innovazione delle sue vetture anche su altri oggetti della vita di tutti i giorni.

    Le azioni della Porsche sono molto interessanti, poiché presentano una forte volatilità sul mercato.

    Suggeriamo di monitorare i principali indicatori di questo mercato, ovvero: lo sviluppo e la ricerca tecnologica, l’uscita di nuovi modelli, il posizionamento rispetto alla concorrenza e l’andamento delle gare sportive.

    Il gruppo gode di un’ottima reputazione e ha una storia lunga e ben consolidata dietro alle spalle, caratteristiche sempre molto apprezzate dagli investitori.

    Dividendo

    Il 19 maggio è la data del rapporto Q1 del 2021. Il dividendo dell’anno scorso è stato pagato il 7 di ottobre 2020 e il prossimo è previsto per il 29 di giugno 2,21 € a azione.

    Competitors

    Porsche è una delle aziende specializzate nella progettazione e nella produzione di automobili di lusso tra le più prestigiose al mondo.

    In questo settore, dunque, affronta una concorrenza poco numerosa, ma molto agguerrita: riuscire a strappare una fetta di clienti ad un colosso del settore equivale a incrementare il fatturato di milioni di euro.

    Conosciamo ora i principali competitors, questione indispensabile e da tenere sotto controllo, se si vogliono acquistare azioni del gruppo Porsche.

    Infatti, a seconda dell’evoluzione dei risultati di talune aziende, la quotazione delle azioni Porsche può scendere o salire.

    • Ferrari
    • Bentley
    • Aston Martin
    • Jaguar
    • Lamborghini
    • Maserati
    • Bugatti
    • McLaren

    Tutti brand di assoluta importanza, che muovono le fette di mercato elitarie, richiamando una clientela attenta e selezionata.

    Conclusioni

    Questa guida vuole essere uno spunto per acquisire informazioni e nozioni utili per comprare azioni sulla piattaforma eToro

    Il gruppo Porsche ha saputo, nei decenni, costruirsi un nome nel settore del lusso automobilistico, diventando un vero e proprio punto di riferimento per la clientela di alto livello.

    Ha saputo raggiungere una certa autorità anche nel mondo delle corse automobilistiche, campo in cui è considerato il più forte di tutti, grazie alla qualità dei suoi veicoli.

    Ricordiamo, inoltre, un altro punto di forza, ovvero la numerosa cerchia di fan che, sebbene non siano tutti clienti, concorrono al mantenimento della popolarità del marchio.

    Apri qui un conto gratuito su eToro.

    Quando è stata fondata Porsche?

    Porsche è stata fondata il 25 aprile del 1931 da Ferdinand Porsche, a Stoccarda.

    Qual è il fatturato Porsche?

    I dati disponibili parlano di un fatturato pari a 28,7 miliardi di euro (2020).

    Chi è il CEO Porsche?

    Il CEO è il manager tedesco Oliver Blume.

    Dov’è possibile acquistare le azioni Porsche?

    In Italia le azioni Porsche sono disponibili su eToro.

    Il nostro voto
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Lascia un Commento

    hello world