Guida

Penny Stock: Cosa sono e come funzionano

Sempre più investitori decidono oggi di voler iniziare a fare trading online con le Penny Stock. Vediamo allora più nel dettaglio che cosa sono e come funzionano, cercando di capire quali sono le possibilità per sfruttarle nel migliore dei modi.

Dobbiamo partire dal presupposto che le Penny Stock non sono uno strumento d’investimento facile da trovare all’interno delle piattaforme di trading. Infatti, molto spesso una Penny Stock si può trovare fuori dagli Exchange dei mercati principali, solitamente ad un prezzo che può risultare essere relativamente molto basso. Ovviamente ciò è correlato ad una capitalizzazione di mercato anch’essa molto bassa.

Questi titoli azionari vengono considerati dagli esperti come degli asset estremamente rischiosi e speculativi. La causa principale è la mancanza di liquidità, che potrebbe dunque causare diverse problematiche. Un esempio? Degli spike estremamente rischiosi, spread molto ampi o una regolamentazione a dir poco limitata. Andiamo più nel dettaglio.

Penny Stock: cosa sono

Penny Stock cosa sono e come funzionano

Penny Stock cosa sono e come funzionano

Partiamo dalle basi e cerchiamo di definire cosa sono le Penny Stock. È importante, prima di tutto, tenere bene a mente che parliamo di tipologie d’investimento adatte solo ad investitori con un’altissima tolleranza al rischio. Tipicamente, infatti, le Penny Stock hanno un’altissimo livello di volatilità e di conseguenza le loro oscillazioni sono molto forti. Questo significa che non dovrebbero essere scelte dai deboli di cuore.

Considerando dunque l’altissimo rischio che si corre durante l’investimento all’interno delle Penny Stocks, gli investitori dovrebbero prima di tutto prendere le necessarie precauzioni. Per esempio, un investitore dovrebbe prima di tutto avere caricato un ordine di stop loss predeterminato. Il tutto, ancor prima di aprire la posizione a mercato. Un altro step fondamentale nel mondo degli investimenti e ancor più nel mondo delle Penny Stock è cercare di effettuare una corretta previsione di Borsa. Infine l’investitore dovrà essere pronto ad uscire dal mercato in maniera reattiva, nel caso in cui il titolo dovesse muoversi nella direzione opposta.

La forte volatilità delle Penny Stock

L’elevato rischio insito nelle Penny Stock non ha impedito loro, in passato, di vivere dei movimenti a dir poco esplosivi. Queste situazioni hanno spesso dato vita a facili entusiasmi, che hanno rappresentato la rovina di molti investitori avventati. Capiamo quindi che rimane di fondamentale importanza avere delle aspettative realistiche nel momento in cui entriamo in questo segmento. Solitamente i guadagni all’interno del mercato azionario necessitano mesi oppure anni per materializzarsi. Insomma, un investitore che vorrà trasformare $100 in $50.000 nel giro di una settimana, con moltissime probabilità rimarrà deluso. Infatti nella realtà non è così che funzionano le cose.

Le Penny Stock solitamente fanno parte di aziende in fase di sviluppo, con risorse e contanti limitati. In altre parole quindi, comprare Penny Stocks rappresenta in linea generale un investimento ad altissimo rischio. Il modo migliore per proteggersi è quello di fare trading con le Penny Stocks che sono contenute all’interno dell’American Stock Exchange (AMEX) oppure sul NASDAQ. Il motivo risiede nel fatto che questi Exchange sono rigorosamente regolamentati, pertanto l’investitore sottosta ad una forma di tutela che gli permette di operare in maniera tranquilla.

Occorre assolutamente evitare di fare trading con le Penny Stocks che non si trovano all’interno di un Exchange principale, e di conseguenza in un mercato over-the-counter (OTC). I rischi sarebbero davvero eccessivi, oltre a quello già alto dato dal rischio della Borsa stessa.

Cosa rende le Penny Stocks così rischiose?

Nel momento in cui andiamo ad analizzare in maniera obiettiva questo tipo di investimento, emergono principalmente quattro fattori che rendono le Penny Stock estremamente più rischiose rispetto ai titoli azionari classici, quelli di tipo Blue Chip: ecco quali.

Mancanza di informazioni disponibili per il pubblico

Dalle nostre analisi passate è emerso in maniera piuttosto netta che la chiave per qualsiasi strategia di investimento che miri ad essere profittevole è quella di acquisire sufficienti informazioni, tangibili al punto da permettere di prendere decisioni responsabili.

Per i titoli che vantano soltanto una micro-capitalizzazione, come le Penny Stock, le informazioni sono molto più difficili da trovare. Le società quotate su piccoli Exchange infatti non sono tenute a depositare presso la Securities and Exchange Commission (SEC). Di conseguenza, non sono quindi sottoposte a scrutinio o regolamentazione pubblica come le azioni che sono presenti presso la Borsa di New York.

Inoltre, molte delle informazioni disponibili sugli stock di micro-capitalizzazione non provengono da fonti credibili. Il motivo è semplice: essendo un mercato soggetto ad alti livelli di speculazione, le informazioni messe in giro possono influenzare notevolmente l’andamento delle azioni. Di conseguenza, l’obiettivo degli speculatori è quello di provare a indirizzare i trend di mercato in funzione dei propri interessi e, in un terreno così poco regolamentato, le informazioni false sono all’ordine del giorno.

Mancanza di standard minimi

I titoli azionari all’interno di OTCBB (Over-The-Counter Bulletin Board) non hanno bisogno di soddisfare standard minimi per essere contenuti all’interno di un Exchange. Questo è proprio uno dei motivi per i quali questi titoli azionari si trovano all’interno di questi Exchange.

Una volta che l’azienda non è più in grado di mantenere la propria posizione all’interno di uno di questi Exchange di altissimo livello, si rivolge quindi a quelli più piccoli. Mentre la OTCBB richiede che le aziende compilino i documenti rispettando la SEC, i piccoli Exchange non hanno nemmeno uno di questi requisiti.

Mancanza di uno storico

Gran parte delle Penny Stock fanno riferimento a due tipologie di azienda: da una parte troviamo quelle che hanno dimensioni talmente piccole da non riuscire a imporsi sui mercati principali, dall’altra invece troviamo i titoli di aziende appena nate.

Si capisce facilmente quindi come, con queste caratteristiche, l’investitore non abbia a disposizione uno storico finanziario di queste aziende sul quale poter stilare delle previsioni che siano verosimili. Il problema si ripropone quando decidiamo di investire in Startup (come si è visto anche per molte Penny Stock italiane), le quali spesso non potranno avere uno storico. Come potrai facilmente immaginare, la mancanza di informazioni storiche rende estremamente difficile determinare il potenziale di un titolo, aumentando sensibilmente la componente di rischio insita in questo tipo di investimento.

Scarsa liquidità

Quando i titoli azionari non hanno abbastanza liquidità, vengono a galla subito due principali problemi. Il primo è la possibilità che risulti (a dir poco) impossibile vendere il titolo azionario. Nel caso in cui dovesse esserci infatti un bassissimo livello di liquidità, potrebbe risultare estremamente difficile trovare un compratore per un titolo azionario. Addirittura, potrebbe essere richiesto di abbassare il proprio prezzo fino a quando il possibile compratore non dovesse considerarlo “attraente”.

Come se ciò non bastasse, i livelli di bassa liquidità rappresentano un rischio nel momento in cui vengono utilizzati come “arma” dagli investitori meno etici. Da dinamiche che si sono verificate in maniera piuttosto frequente è emerso come una bassa liquidità sarebbe in grado di fornire opportunità per alcuni trader, in modo da consentir loro di manipolare i prezzi del titolo.

Penny Stock: ecco tutti gli svantaggi

Abbiamo analizzato nei paragrafi precedenti quelli che sono i rischi legati alle caratteristiche strutturali di questo tipo di investimenti. Ora vogliamo approfondire ulteriormente la valutazione, prendendo in considerazione alcune pratiche specifiche che riguardano il mondo delle Penny Stock.

Ecco allora una lista dei principali svantaggi a cui si va incontro decidendo di operare con questo tipo di titoli.

La mancanza di protezione

Le Penny Stock non offrono una reale protezione intermedia tra venditori e investitori. Questo significa che nessun ente di regolamentazione può intervenire in favore dell’investitore in caso di truffe.

Ciò rappresenta un primo motivo per cui, in linea di massima, è fortemente sconsigliato l’investimento diretto in Penny stock. Grazie all’evoluzione dei mercati finanziari, oggi possiamo contare su strumenti telematici che permettono a tutti di investire in maniera sicura, anche su titoli storicamente incerti e poco regolamentati.

Come è possibile? La strategia migliore oggi è negoziare il titolo della società prescelta con i contratti CFD. In questo modo, ci appoggeremo ad un Broker sicuro e regolamentato, che garantirà il corretto svolgimento delle transazioni e ci metterà al riparo da truffe.

Il Pump and Dump

Un altro lato oscuro è rappresentato dal cosiddetto “Pump and Dump”. In cosa consiste? Si tratta a grandi linee di un metodo di speculazione indotta, che può essere definito tranquillamente come un vero e proprio raggiro ai danni di investitori poco accorti.

La truffa di solito funziona nel modo seguente. I truffatori decidono di investire in un titolo azionario, creando aspettativa in modo da attirare altri investitori disposti a comprare le azioni. Il movimento di acquisto (fittizio) infatti dà vita alla prospettiva di ampi guadagni, inducendo gli acquirenti a pensare di poter fare l’affare del secolo.

I truffatori in questo modo gonfiano artificiosamente il valore dei titoli ed infine se ne sbarazzano. Gli investitori raggirati resteranno alla fine con un pugno di mosche in mano.

La difficile monetizzazione

Un altro svantaggio relativo all’acquisto diretto di Penny Stock consiste, come anticipato, nella bassa liquidità che caratterizza questo settore. In questo caso, il vero problema nasce nel momento in cui si decide di vendere questo tipo di azione. In un ambiente come quello in cui vengono negoziate le Penny Stock, infatti, si rischia seriamente di non trovare nessuno disposto a comprare il titolo. Di conseguenza, o si attende rischiando di far abbassare ulteriormente il prezzo oppure si tiene il titolo in portafoglio per mesi se non per anni.

Anche in questo caso, l’investitore che decide di operare appoggiandosi ad un Broker regolamentato non andrà incontro a questo problema. Infatti acquistando il CFD del titolo il nostro interlocutore sarà il Broker stesso. Quando decideremo di liquidare il titolo, ci basterà cliccare su “vendi” per monetizzare i nostri profitti garantiti dal Broker.

Arrivati a questo punto, abbiamo nominato più volte la possibilità di sfruttare i CFD. Le opportunità di investimento però non finiscono qui, perché i Broker che permettono di fare trading online mettono a disposizione dei propri utenti numerosi strumenti per operare in maniera sicura. Analizziamo allora i vantaggi di una piattaforma regolamentata come eToro mettendola a confronto con il trading con le Penny Stock.

Penny Stock Vs. Copy Trading: quale il migliore?

Penny Stock o CopyTrading

Agli albori del web l’acquisto o la vendita di qualsiasi strumento finanziario implicava dover telefonare direttamente al proprio Broker e parlare direttamente con l’operatore. A sua volta il Broker avrebbe dunque chiamato il proprio operatore di rappresentanza sul trading floor (la Borsa) o un market maker che avrebbe eseguito l’operazione a vostro nome.

L’intero processo avrebbe potuto dunque richiedere pochi minuti per arrivare anche ad alcuni giorni (a seconda di quanto reattivo e disponibile sarebbe stato il proprio Broker).

Il social trading e il crowdsourcing: è il futuro?

Non sorprendentemente, per gli investitori privati, trattare in questo modo è risultato essere in passato molto costoso, oltre che dispendioso in termini di tempo e con svariati rischi. Anni fa, infatti, l’idea di fare trading sui mercati finanziari era praticamente impossibile. A causa del processo manuale e macchinoso richiesto, i Broker erano interessati solo a trattare con clienti ben capitalizzati, con conti del valore di milioni di dollari. Per i comuni mortali dunque, fare trading era quindi praticamente impossibile.

L’evoluzione però ha permesso di rendere il trading accessibile a tutti. Con il termine investimenti sociali si fa riferimento alla possibilità di commerciare sfruttando il tempo di altre persone, le strategie di altre persone e l’esperienza di altre persone. In altre parole, è possibile avere la propria squadra di professionisti che lavora per noi. Non solo: che lavorano per noi gratuitamente.

Come è possibile? La parola chiave è Copy Trading. Partendo dalle meccaniche di base del Social Trading, eToro ha creato il proprio sistema di investimenti automatici, ne ha espanso le potenzialità ed è attualmente è l’unico Broker in grado di offrire una soluzione del genere.

Tutti i vantaggi del Copy Trading

Prima di entrare nel dettaglio il mondo del Copy Trading, vediamo cos’è eToro nel dettaglio.

eToro è un Broker online, ma non è come tutti gli altri, perché offre ciò che descrive come una “piattaforma di social trading” (leggi le opinioni e recensioni complete qui). La rete openbook di eToro (il social network) è una porta d’accesso al portafoglio e alla cronologia di tutti i trader, che sono quindi disponibili per tutti sulla pagina del profilo. Per avere un’idea generale, basta immaginarsi eToro come il Facebook della finanza.

Dire quindi che il Social Trading ed il Copy Trading siano meglio delle Penny Stock non è esatto. Tuttavia, possiamo affermare con certezza che è più sicuro, funziona davvero ed è totalmente regolamentato. Il Copy Trading viene fatto, come abbiamo affermato in precedenza, attraverso la piattaforma di trading di eToro, che garantisce un ecosistema che opera sotto la vigilanza dei principali organi italiani ed europei ed è strutturalmente sicuro.

Per prendere confidenza con questa tecnologia ti consigliamo un conto di eToro Demo, richiedibile in modo gratuito e senza vincoli. La piattaforma di trading eToro può essere considerata come una delle opportunità più vantaggiose ed incredibili disponibili all’interno del mondo del trading online

Aprire un conto demo con eToro non costa assolutamente nulla, e la piattaforma è la stessa che si troverà nella versione Reale.

Registrati gratuitamente con il conto Demo di eToro

Come registrarsi su eToro

Come abbiamo visto, le Penny Stock non sono affidabili. La soluzione ideale per investire e generare rendimenti relativamente semplici e senza conoscenze pregresse è l’utilizzo di una piattaforma che consenta di fare trading automatico.

La procedura di iscrizione all’interno della piattaforma di eToro per un account Demo è estremamente semplice. Infatti, riceverai un conto automaticamente non appena registrerai i tuoi dati all’interno della pagina di registrazione.

Non appena ti iscrivi, un account di pratica a tuo nome viene attivato automaticamente. Non preoccuparti, l’account di pratica è gratuito e non è vincolante. È usato più come una forma di pubblicità di eToro, per farti testare il potenziale del loro servizio e prendere confidenza con tutti gli strumenti presenti.

Vediamo allora i passaggi necessari per registrarti e accedere al tuo account di pratica eToro.

  1. Clicca su questo link
  2. Verifica che nell’URL sia presente il nostro codice di affiliazione numero 10277 (attenzione, l’URL può diventare molto lungo e puoi scorrere per trovare il nostro codice personale).
  3. Completa l’apertura del conto Demo o Reale.
  4. Una volta che hai effettuato i controlli sull’URL, ciò che devi fare è compilare il modulo di registrazione con Username, Password e Mail. In alternativa, puoi anche usare la registrazione tramite Facebook, per una procedura più veloce.

Penny stock: Conclusioni

Le Penny Stock possono essere quindi considerate un investimento il cui vantaggio primario è il prezzo d’ingresso estremamente basso ed una potenzialità di crescita molto alta. Tuttavia, il gioco non ne vale assolutamente la candela. Insomma, non rientrano di certo tra i migliori investimenti che si possano fare nonostante nel film con Jordan Belfort (interpretato da Di Caprio) si possa evincere il contrario.

Investire all’interno di questo mercato significa accollarsi i soliti rischi che abbiamo appena elencato. Devono essere preferite quindi società che non risultano essere sconosciute, ma invece quelle che risultano avere dei bilanci positivi e stabili.

Noi di Investire In Borsa non vogliamo quindi assolutamente promuovere il mercato delle Penny Stock, in quanto questo mercato risulta essere totalmente privo di qualsiasi tipo di sicurezza e/o regolamentazione. Anche perché, come alternative regolamentate e certificate, abbiamo eToro che con il suo Social trading è avanti anni luce in termini di sicurezza e rendimento nei confronti delle Penny Stock e, con una strategia accorta, può permettere anche di arrivare a vivere con il trading.

Domande frequenti sulle Penny Stock

Cosa sono le Penny Stock?

Con questo termine si fa riferimento ad azioni dal valore nominale molto basso (un penny circa) e che possono comunque essere acquistate per fini speculativi.

Conviene puntare sulle Penny Stock?

Se la storia insegna qualcosa, la risposta è no. Un conto è investire in startup promettenti, un altro è puntare su società sconosciute e soggette a speculazione.

Quali sono i rischi delle Penny Stock?

Su tutte l’eccessiva speculazione e la tecnica del Pump and Dump usata per fini speculativi ed ingannevoli.

Quale alternativa alle Penny Stock?

Sicuramente puntare su realtà aziendali giovane ma dal grande potenziale, un pò come successo in passato con Spotify, ad esempio.

Il nostro voto
Clicca per lasciare un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Lascia un Commento