Azioni

Comprare azioni Visa: quotazione, analisi e previsioni

In questa guida analizzeremo come comprare azioni Visa.

Visa è una società di sistemi di pagamento con sede negli Stati Uniti, che facilita i trasferimenti di fondi elettronici a livello globale. Visa fornisce protezione dalle frodi, servizi di transazione transfrontaliera, servizi di elaborazione e sicurezza dei pagamenti in oltre 200 paesi e territori.

🥇 Azienda Visa
📈 Borsa NYSE
🎯 Ticker V
⭕ Isin US92826C8394

In questa guida scopriremo insieme:

  • La storia dell’azienda
  • Il modello di business
  • I competitors
  • Le previsioni sull’andamento del titolo

Tra le varie piattaforme di investimento che permettono di Comprare azioni Visa, il Broker di CFD eToro è sicuramente la più conveniente e ricco di funzionalità. Nell’articolo andremo a vedere più nel dettaglio il perché.

Clicca qui per comprare subito le azioni Visa

Azioni Visa Quotazione e prezzo in tempo reale

In questa scheda è possibile visualizzare in tempo reale la quotazione del titolo Visa al NYSE col ticker V.

Dati finanziari Visa:

  • Capitalizzazione: 459,16 Mrd
  • Entrate: 6,56 Mrd
  • Reddito operativo: 4,36 Mrd
  • Flusso di cassa netto: -1,48 Mrd
  • Disponibilità liquide: 16,49 Mrd

Come comprare azioni Visa

Quando si decide di acquistare delle azioni si possono utilizzare diversi intermediari, vediamo quali sono i principali:

  • Il conto titoli bancario è il più vecchio dei sistemi per comprare azioni ed è offerto praticamente da qualsiasi istituto bancario tradizionale. Il servizio è costoso e non alla portata di tutti: ci sono commissioni da pagare e serve un capitale di diverse migliaia di euro da investire.
  • I Broker CFD ci permettono di acquisire contratti derivati dalle azioni Visa, senza pagare commissioni, con capitali esigui (100 o 200 euro) e la possibilità di investire anche sul ribasso del titolo con la “vendita allo scoperto”.

Vediamo le caratteristiche principali dei CFD:

  • Listini molto ricchi, comprensivi di azioni, valute, materie prime, indici, etf, criptovalute, ecc. L’ideale per diversificare il portafoglio.
  • Leva finanziaria, una sorta di “moltiplicatore” che permette di investire capitali importanti con depositi molto più piccoli.
  • Possibilità di vendita allo scoperto, quindi investire sia al rialzo che al ribasso.
  • Piattaforme professionali con ordini condizionali, take profit, stop loss e indicatori di Borsa.
  • Investimenti a partire da 100/200 euro. I depositi minimi sono infinitamente più bassi rispetto al miglior conto titoli disponibile.

Dove comprare azioni Visa?

Abbiamo visto i vantaggi degli investimenti con i CFD rispetto al tradizionale acquisto bancario, ma i Broker non sono tutti uguali. E’ preferibile utilizzare quelli più seri, con gli strumenti più adatti al Trading azionario, vediamo i principali.

1. eToro

Con più di 10 milioni di utenti iscritti, eToro è la piattaforma di Trading più diffusa al mondo ed è in continua crescita. 

Ecco come appare il CFD legato al titolo Visa V nel software di Trading di eToro:

comprare azioni visa con etoro

Chi preferisce esercitarsi senza utilizzare denaro reale, almeno inizialmente, può sfruttare il conto Demo gratuito offerto da eToro.

Registrati qui e accedi al conto Demo di eToro

XTB

Questo Broker offre una delle soluzioni di investimento online più moderne e rapide. XTB, come i Broker appena recensiti, permette d’investire sui mercati senza pagare commissioni con una piattaforma molto intuitiva e ricca di strumenti professionali.

Inoltre, con un deposito minimo di soli 10 euro, è il Broker con il deposito minimo più basso di tutto il settore. L’offerta di asset è davvero ricca ed è possibile entrare a mercato anche con posizioni da 1 euro solamente.

La semplicità d’utilizzo ha reso XTB una delle piattaforme online più apprezzate sia dai Trader più esperti che dai neofiti, per i quali XTB ha creato un corso di Trading, scaricabile gratuitamente da tutti gli iscritti.

Per scaricare il corso gratuito di XTB clicca qui

 

Come comprare azioni Visa

Quando si decide di acquistare delle azioni si possono utilizzare diversi intermediari, vediamo quali sono i principali:

  • Il conto titoli bancario è il più vecchio dei sistemi per comprare azioni ed è offerto praticamente da qualsiasi istituto bancario tradizionale. Il servizio è costoso e non alla portata di tutti: ci sono commissioni da pagare e serve un capitale di diverse migliaia di euro da investire.
  • I Broker CFD ci permettono di acquisire contratti derivati dalle azioni Visa, senza pagare commissioni, con capitali esigui (100 o 200 euro) e la possibilità di investire anche sul ribasso del titolo con la “vendita allo scoperto”.

Quando si pensa di Comprare azioni Visa, si pensa direttamente ad investire sul rialzo del titolo, ossia acquistare oggi sperando di rivendere un domani ad un prezzo superiore, ma se le nostre previsioni fossero al ribasso?

Per investire anche al ribasso si possono usare i CFD (Contratti per differenza), che permettono di vendere allo scoperto, quindi di vendere il CFD Visa e riacquistarlo in futuro puntando sul calo del prezzo.

Vediamo le caratteristiche principali dei CFD:

  • Listini molto ricchi, comprensivi di azioni, valute, materie prime, indici, etf, criptovalute, ecc. L’ideale per diversificare il portafoglio.
  • Leva finanziaria, una sorta di “moltiplicatore” che permette di investire capitali importanti con depositi molto più piccoli.
  • Possibilità di vendita allo scoperto, quindi investire sia al rialzo che al ribasso.
  • Piattaforme professionali con ordini condizionali, take profit, stop loss e indicatori di Borsa.
  • Investimenti a partire da 100/200 euro. I depositi minimi sono infinitamente più bassi rispetto al miglior conto titoli disponibile.

Dove comprare azioni Visa?

Abbiamo visto i vantaggi degli investimenti con i CFD rispetto al tradizionale acquisto bancario, ma i Broker non sono tutti uguali. E’ preferibile utilizzare quelli più seri, con gli strumenti più adatti al Trading azionario, vediamo i principali.

eToro

Con più di 10 milioni di utenti iscritti, eToro è la piattaforma di Trading più diffusa al mondo ed è in continua crescita. 

Ecco come appare il CFD legato al titolo Visa V nel software di Trading di eToro:

comprare azioni visa con etoro

Chi preferisce esercitarsi senza utilizzare denaro reale, almeno inizialmente, può sfruttare il conto Demo gratuito offerto da eToro.

Registrati qui e accedi al conto Demo di eToro

XTB

Questo Broker offre una delle soluzioni di investimento online più moderne e rapide. XTB, come i Broker appena recensiti, permette d’investire sui mercati senza pagare commissioni con una piattaforma molto intuitiva e ricca di strumenti professionali.

Inoltre, con un deposito minimo di soli 10 euro, è il Broker con il deposito minimo più basso di tutto il settore. L’offerta di asset è davvero ricca ed è possibile entrare a mercato anche con posizioni da 1 euro solamente.

La semplicità d’utilizzo ha reso XTB una delle piattaforme online più apprezzate sia dai Trader più esperti che dai neofiti, per i quali XTB ha creato un corso di Trading, scaricabile gratuitamente da tutti gli iscritti.

Per scaricare il corso gratuito di XTB clicca qui

Comprare azioni Visa: La storia

La storia di Visa inizia nel 1958, quando Bank of America ha dato il via al suo programma BankAmericard a Fresno, in California.

Inizialmente, la società aveva in programma di fornire il sistema in tutto lo stato ma, nel 1965, Bank of America iniziò a sottoscrivere accordi di licenza con delle banche al di fuori della California. Negli anni seguenti, numerose banche nazionali autorizzarono il sistema di carte da Bank of America.

Alla fine degli anni ’60, Dee Hock, uno dei capi di un gruppo di banche licenziatarie BankAmericard, suggerì che le banche creassero un’associazione.

L’associazione delle banche avrebbe funto da joint venture, consentendo ai membri di ottenere i vantaggi di un sistema di pagamenti centralizzato e allo stesso tempo di competere equamente a proprio vantaggio. Hock divenne il primo presidente dell’associazione.

Nel 1970, Bank of America passò il controllo di BankAmericard alle varie banche emittenti BankAmericard, che comprendevano la NBI di recente costituzione, o National BankAmericard, Inc.

L’NBI agiva come una società indipendente che gestiva, promuoveva e sviluppava il sistema BankAmericard negli Stati Uniti.

Bank of America, nel frattempo, ha continuato a rilasciare e supportare le licenze internazionali stesse. Nel 1972, le licenze erano state concesse in 15 paesi e nel 1974 fu istituita la società multinazionale IBANCO per gestire il programma globale BankAmericard.

BankAmericard diventa Visa

Nel 1976 i direttori di IBANCO decisero di unire le numerose reti internazionali in un’unica rete globale. Tuttavia, in molti paesi, c’era esitazione a emettere una carta associata a Bank of America, sebbene la connessione fosse piuttosto tenue. Di conseguenza, NBI ha cambiato il nome BankAmericard in Visa USA nel 1976, mentre IBANCO sarebbe diventato Visa International.

Dee Hock ha inventato il nome Visa, che ha ritenuto immediatamente riconoscibile in molte culture e lingue, suggerendone l’accettazione universale. Oggi Visa sta per Visa International Service Association.

Visa ha aderito alla rete PLUS ATM nel 1986, offrendo ai suoi titolari di carte un facile accesso ai contanti. Alla fine degli anni ’80, un numero maggiore di banche aveva iniziato a offrire carte di debito per consentire ai titolari di conti bancari di accedere direttamente al proprio denaro.

Nel 2006 Visa è diventata un’associazione di proprietà congiunta di oltre 20.000 istituti finanziari, con membri in tutto il mondo. Le 1,46 miliardi di carte Visa in circolazione generano oltre 4,3 trilioni di dollari in vendite e sono accettate in oltre 160 paesi.

Visa Modello di Business

Il modello di business di Visa è piuttosto complesso, ma cercheremo di spiegarlo in maniera semplice e chiara.

L’azienda fornisce soluzioni di pagamento alle banche che aderiscono al suo sistema, queste ultime utilizzano Visa per creare servizi di carte di credito e di debito ai suoi clienti.

Non è dunque Visa che opera per i clienti stessi, ma fornisce un network di pagamenti a ciclo aperto, gestendo, in sostanza, gli scambi di informazioni tra le banche.

Per quanto riguarda le banche, esse vengono suddivise in:

  • Acquirenti, che si occupano di gestire le relazioni con i commercianti
  • Emittenti, che emettono le carte per i clienti

Tra i servizi offerti da Visa troviamo inoltre:

  • La gestione del rischio
  • I servizi di fidelizzazione
  • I servizi di informazione
  • La gestione delle dispute
  • Il trattamento dei debiti degli emittenti

In sostanza, il guadagno per il gruppo deriva dalle commissioni relative alle transazioni, che sono a carico dei commercianti, in particolare dal volume dei pagamenti, dalle transazioni e dagli ulteriori servizi offerti.

Il suo modello di business si basa su di una piattaforma multi side, che provoca effetti di rete che si intersecano tra di loro: più utilizziamo Visa, più il metodo di pagamento verrà accettato e viceversa.

Dettagli Visa

Comprare azioni Visa conviene?

Esistono molti motivi per cui comprare azioni Visa sia conveniente. Certo, le azioni vengono negoziate a prezzi alti, ma i margini di profitto operativi sono superiori al 65%. Visa è in grado di utilizzare tali profitti per investire in acquisizioni ad alta crescita come l’affare Plaid, restituendo nel contempo ingenti somme di denaro ai proprietari delle azioni.

Solo durante il primo trimestre, la società ha restituito $ 3 miliardi agli azionisti tramite il suo dividendo (attualmente con un rendimento dello 0,6% all’anno) e riacquisti di azioni. È stato inoltre annunciato un nuovo programma di riacquisto di azioni da $ 10 miliardi, che equivale al 2,2% dell’attuale capitalizzazione di mercato di $ 445 miliardi di Visa.

Azioni Visa Competitors

Scopriamo ora quali sono i 7 più importanti competitors di Visa:

Quotazione azioni Visa

Il settore dei pagamenti digitali rimarrà in crescita probabilmente finché la sua diffusione globale non supererà l’uso del contante in tutto il mondo. Questo vale per il nome più grande di tutti: Visa (NYSE: V), che ha registrato un altro quarto di rialzo dopo aver terminato il decennio dalla crisi finanziaria del 2008-2019 .

Nonostante le sue enormi dimensioni, il leader dei pagamenti digitali sta ancora gestendo l’espansione a due cifre e prevede che la tendenza continuerà per il prossimo futuro. Questo titolo merita di essere una partecipazione fondamentale per investitori di ogni tipo.

Durante l’anno fiscale 2019 (i 12 mesi chiusi al 30 settembre 2019), le entrate di Visa e gli utili rettificati sono cresciuti rispettivamente dell’11% e del 18%, con un aumento del 13% e del 21% delle due metriche durante il quarto trimestre.

La società ha effettuato cinque piccole acquisizioni da dicembre 2018 fino all’estate del 2019, che hanno contribuito a migliorare i risultati. Il 2019 è stato una sfida poiché la crescita economica globale si è raffreddata a causa delle tensioni politiche e delle controversie commerciali, che hanno ridotto l’attività delle transazioni.

Il tempo di recupero economico è continuato nell’ultimo trimestre dell’anno civile 2019 (che corrisponde al primo trimestre fiscale 2020 di Visa) e ha avuto un piccolo tributo sulla pagella, ma non è stato sufficiente a eliminare la traiettoria a doppia cifra della rete di pagamenti globali.

Azioni Visa dividendo

La società Visa rilascia ai suoi azionisti un dividendo annuale. Il dividendo ha un rendimento di circa lo 0,61%. Visa paga circa il 22% delle sue entrate come dividendo agli azionisti.

DATA DIVIDENDO DIVIDEND YIELD
10.11.2021 0.375 0.70%
12.08.2021 0.32 0.54%
13.05.2021 0.32 0.58%
11.02.2021 0.32 0.62%
12.11.2020 0.32 0.60%

Azioni Visa Previsioni

Le azioni Visa vengono quotate sul mercato NYSE della Borsa di New York ed integrano il calcolo dell’indice Dow Jones, non del Nasdaq, che abbraccia più che altro titoli tecnologici e meno bancari e finanziari.

Nonostante rendimenti solidi e costanti, alcuni dicono che il titolo Visa sia sopravvalutato. Dopo oltre un decennio di guadagni incessanti, le azioni vengono scambiate per 37,6 volte i guadagni finali di 12 mesi e 27,7 volte i guadagni futuri attesi a un anno.

Tuttavia, incorporato in quei multipli con alti guadagni c’è il motivo per cui le azioni sono comunque un buon acquisto.

Si prevede che la crescita delle entrate dell’intero 2020 acceleri a un tasso a doppia cifra, così come gli utili, con una previsione del tasso di crescita dal 12% al 14%. Entrambe le ipotesi escludono qualsiasi impatto positivo dall’acquisizione di $ 5,3 miliardi della società Fintech Plaid annunciata all’inizio di gennaio.

In parole povere, Visa, così come le rivali Mastercard ed American Express, è uno dei migliori titoli mega-cap in circolazione, ed è sulla buona strada per raggiungere i titani della tecnologia come Apple e Microsoft nel club di valutazione da trilioni di dollari.

Con un altro inizio anno promettente, comprare azioni Visa è certamente un buon investimento per il futuro.

Conclusioni

Storicamente, non c’è mai un brutto momento per comprare azioni Visa: il gigante dell’elaborazione dei pagamenti è una forza dominante negli Stati Uniti, con oltre la metà del volume degli acquisti nella rete del paese.

L’acquisizione di Visa Europe nel 2016 ha notevolmente aumentato la sua rete commerciale globale e la società ha la capacità di continuare ad aumentare la propria quota di mercato all’estero anche in aree come il Medio Oriente e l’Africa, che stanno migliorando l’accesso bancario e creditizio.

Comprare azioni Visa con i CFD è sicuramente una grande opportunità speculativa per il futuro, soprattutto nell’ambito dei pagamenti digitali dove anche aziende come Nexi sono all’avanguardia. Per farlo con gli strumenti più efficaci, è meglio testare i conti Demo dei migliori Broker che abbiamo recensito e scegliere il più adatto alla nostra strategia d’investimento.

eToro ed XTB permettono di fare pratica senza rischiare denaro con un conto Demo accessibile da questi link:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 50€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: xtb
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Demo Gratuita
  • Corso Gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

     

    Comprare azioni Visa conviene?

    Il titolo visa è in crescita costante da oltre 10 anni (dalla sua IPO nel 2008) ed è tuttora un’ottima opportunità d’investimento a breve e lungo termine.

    Il miglior Broker per investire su Visa?

    La piattaforma più adatta ad investire sul titolo Visa è eToro che offre anche la possibilità di fare investimenti automatici col Copy Trading.

    Il nostro voto
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Lascia un Commento

    hello world