Strategie

Analisi Tecnica: Cos’è, utilizzo e principi fondamentali

L’analisi tecnica è una disciplina di trading utilizzata per valutare gli investimenti da fare e per identificare le tendenze dei prezzi nel grafico.

Gli analisti tecnici ipotizzano che alla base di tutto c’è la necessità di analizzare il movimento dei prezzi nel passato. Tali variazioni sono considerate degli indicatori molto utili per determinare l’andamento futuro del prezzo. 

Spesso l’analisi tecnica viene contrapposta all’analisi fondamentale, una disciplina che si concentra sui dati finanziari ed economici piuttosto che sull’evoluzione dei prezzi. Nella realtà, sono due metodologie che bisogna studiare ed applicare insieme, in quanto l’una è la perfetta integrazione dell’altra.

Un suggerimento iniziale? Possiamo studiare i principi dell’analisi tecnica all’interno della Capex Academy, un centro formativo composto da materiale didattico, webinar e video on demand, perfetto per imparare la basi di questa disciplina. Basterà completare la registrazione (gratuita) per iniziare subito a studiare:

Clicca qui se vuoi studiare subito l'analisi tecnica con la Capex Academy

Cos’è l’Analisi Tecnica

L‘analisi tecnica è una metodologia impiegata per identificare le opportunità di trading sulla base di dati statistici e tendenza, quali il movimento dei prezzi e il volume. Questa disciplina si concentra sull’analisi del prezzo, quindi ha un carattere marcatamente grafico.

A differenza dell’analisi fondamentale basata su modelli intrinsecamente legati all’economia reale, l’analisi tecnica prende come riferimento lo studio dettagliato dei grafici. Ecco che i dati a nostra disposizione saranno in grado di offrire tutti gli strumenti adatti per compiere una corretta previsione di borsa. A tal riguardo, sarà molto utile prendere dimestichezza con indicatori e pattern di trading

Gli strumenti di analisi tecnica, su tutti volumi e volatilità, sono utilizzati per esaminare i modi in cui la domanda e l’offerta di un Asset influiscono sui cambiamenti di prezzo. Tutto si basa sul presupposto che il movimento passato dei prezzi può rappresentare un preciso indicatore dei movimenti futuri del prezzo stesso.

Principi di analisi tecnica

Le origini dell’analisi tecnica risalgono agli inizi del ‘900, per mano del celebre Charles Dow, un giornalista finanziario che ha dato il nome al celebre Dow Jones. Secondo le sue analisi, i prezzi tendevano a replicare uno schema definito e consolidato, basato su tre importanti principi:

  • Il mercato sconta tutto: gli analisti tecnici credono che tutto, dai fondamentali di un’azienda ai fattori di mercato in generale, sia già espresso nel titolo. Questo comporta degli errori di borsa abbastanza comuni tra i principianti, i quali comprano ai massimi e vendono ai minimi.
  • Il prezzo si muove in cicli: anche nei movimenti di mercato all’apparenza casuali, i prezzi mostrano delle tendenze che possiamo riscontrare in epoche passate. Quindi, è molto più probabile che il prezzo di un Asset continui a seguire una tendenza passata piuttosto che muoversi in modo casuale. La maggior parte delle strategie di trading tecnico si basano su questo presupposto.
  • La storia si ripete: la natura ripetitiva dei movimenti di prezzo viene spesso attribuita alla psicologia del mercato, volubile ad emozioni quali paura o euforia. I modelli dei grafici servono proprio ad analizzare questi movimenti di prezzo avuti nel passato per prevedere le tendenze future. 

Spesso l’analisi tecnica viene utilizzata per generare segnali di trading a breve termine, tuttavia può anche essere molto utile per valutare la forza di un Asset nel mercato, in un orizzonte temporale più ampio. Queste informazioni aiutano gli analisti a migliorare la loro capacità previsionale.

Oggi l’analisi tecnica si è evoluta fino ad includere centinaia di modelli sviluppati ed ottimizzati in anni di continua ricerca.

Clicca qui per aprire subito un conto Demo e fare pratica sui mercati finanziari

Utilizzo dell’analisi tecnica

La metodologia dell’analisi tecnica può essere applicata su qualsiasi Asset con uno storico robusto, di almeno 5 anni. Avere accesso a questi dati storici è un aspetto fondamentale per realizzare questa analisi con successo.

I settori dove l’analisi tecnica è molto popolare sono il Forex, le azioni ed il mercato delle materie prime. Di recente anche le criptovalute iniziano ad essere analizzate con questo principio. Ovviamente gli analisti di professioni utilizzano anche altre metodologie per completare l’analisi preliminare all’investimento.

Dal momento che alla base dell’analisi tecnica c’è la previsione dei prezzi in relazione l’incrocio tra domanda e offerta, sono numerosi i mercati dove possono investire basandoci su questi principi. Per la cronaca, alcuni investitori considerano l’analisi tecnica semplicemente come lo studio delle forze della domanda e dell’offerta che si riflettono nei movimenti dei prezzi di mercato di un titolo. Un’approssimazione poco fedele alle realtà.

Certo, l’analisi del prezzo è alla base di questa disciplina, tuttavia sono numerosi i fattori che entrano in gioco, tra indicatori, oscillatori e pattern di trading.

Indicatori di analisi tecnica

A proposito di indicatori, è importante specificare quali sono gli indicatori di borsa maggiormente analizzati nell’analisi tecnica.

In tutto il settore troviamo centinaia di sistemi creati appositamente per prevedere con efficacia i mercati. Alcuni si concentrano sulle tendenze del mercato, altri sulla forza del trend ed altri ancora offrono strumenti (candele, canali etc etc) per fotografare il momento.

Ecco quali sono gli indicatori di Borsa maggiormente analizzati dagli analisti:

Dove trovare questi (ed altri) indicatori? Nella piattaforma Metatrader, la più completa in assoluto e perfetta per studiare i principi di analisi tecnica. Di seguito un link per registrarsi gratuitamente e scaricare subito la MT4 senza nessun costo, per fare pratica su conto demo:

Clicca qui per registrarti e scaricare subito la piattaforma Metatrader 4

Le tre aree fondamentali dell’Analisi Tecnica

L’analisi tecnica sui mercati finanziari si divide in 3 aree fondamentali. Scopriamo insieme le loro caratteristiche, necessarie per impostare una corretta strategia di trading:

  1. Analisi Grafica: questo tipo di analisi basato sul grafico ha come obiettivo quello di individuare il futuro andamento del prezzo grazie al semplice studio delle sue movimentazioni. Si tratta di una disciplina molto vasta che racchiude in se numerose sottocategorie, su tutte l’individuazione delle zone di supporto e resistenza, basilari per la Price Action. Ricordiamo che i trader che usano l’analisi grafica per i propri criteri operativi vengono detti Chartisti.
  2. Analisi Candlestick: questa analisi utilizza le candele giapponesi per determinare l’andamento del prezzo. Pur essendo molto oggettiva, si presta ad interpretazioni differenti quando i pattern non sono perfettamente corrispondenti ai modelli teorici di riferimento. Tra i Pattern più conosciuti troviamo il testa e spalle oppure i semplici triangoli, noti per dare conferme di inversione o continuazione del Trend in essere.
  3. Analisi Algoritmica: si tratta di una branca dell’analisi tecnica molto vasta ed interessante. Conoscere i principali indicatori ed oscillatori di trading è il primo passo da fare. Partendo da questa base sarà possibile avere gli strumenti basilari per la costruzione di specifici trading system. Cosa sono? Si tratta di modelli di trading automatico basati proprio sul corretto settaggio dei principali indicatori.

Analisi Tecnica Vs. Analisi Fondamentale

Queste due scuole di pensiero sembrano essere agli estremi: come per ogni filosofia entrambe hanno sostenitori e detrattori. Vediamo meglio di cosa trattano. 

L’analisi fondamentale offre un metodo di valutazione degli asset, cercando di misurarne il valore intrinseco. Gli analisti fondamentali studiano di tutto: economia, bilanci aziendale, scenari macroeconomici ed altro ancora. 

L’analisi tecnica differisce dall’analisi fondamentale in quanto il prezzo e il volume delle azioni sono gli unici criteri di riferimento. Ecco perché gli analisti tecnici non cercano di misurare il valore intrinseco di un asset, ma usano i grafici azionari per identificare prezzi e tendenze future.

Vediamo adesso le principali differenze tra le due metodologie di analisi.

  • Flessibilità: l’analisi tecnica è più flessibile rispetto alla fondamentale, in quanto offre la possibilità di adattarsi ai cambiamenti (anche repentini) del grafico. Non ci sarà da attendere sviluppi macroeconomici, quindi le operazioni di Trading saranno molto più immediate.
  • Prezzo: nei grafici sono già compresi tutti i fattori più importanti, ne consegue che in questo caso si ha il vantaggio di concentrarsi solo sul grafico ed operare sulla base dei movimenti del prezzo. Si tratta quindi di un approccio molto pratico che non tiene in considerazione le cause ma solo gli effetti.
  • Informazioni: con l’analisi fondamentale molte notizie sono difficili da reperire. La difficoltà riguarda in particolare un investitore comune che non ha accesso a portali come Reuters, tra gli altri. Senza dimenticare il Timing di entrata: può capitare che al momento di entrare a mercato la News sia già vecchia, offrendo quindi indicazioni fuorvianti per la nostra operatività.

Clicca qui per aprire subito un conto Demo e fare pratica sui mercati finanziari

analisi tecnica

Conclusioni

In questa guida abbiamo definito l’analisi tecnica come uno strumento fondamentale per ogni trader. Conoscerla a fondo è di grande importanza per ottenere profitti a medio e lungo termine.

Spesso contrapposte, nella realtà analisi tecnica e fondamentale si integrano perfettamente. Sempre più Trader adottano metodologie operative che tengono conto di entrambe le discipline. Il percorso più corretto per un principiante è quello di studiare, fare pratica e poi iniziare ad investire con poco capitale. Questi 3 passi possono essere svolti con successo attraverso le migliori piattaforme di Trading, professionali e certificate a livello Europeo.

Ecco la tabella dove iscriversi (senza costi) ed iniziare a mettere in pratica le nozioni di analisi tecnica con denaro virtuale su conto demo:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 50€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: xtb
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Demo Gratuita
  • Corso Gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: capex
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma MT5
  • Zero commissioni
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: plus500
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: markets
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Trend dei Traders
  • Sicura e affidabile
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    72,30% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro
    Piattaforma: avatrade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Copy trading
  • Attivo dal 2006
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    FAQ

    Cos’è l’analisi tecnica?

    In riferimento ai mercati finanziari, è la disciplina che studia i grafici con la finalità di prevederne l’andamento.

    Quali sono i 3 principi dell’analisi tecnica?

    Come scritto da Charles Dow, i 3 punti cardine sono: il mercato si muove per trend, il prezzo sconta tutto, la storia si ripete.

    Il nostro voto
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Lascia un Commento

    hello world