Strategie

Analisi Tecnica Borsa: Come funziona e tutti i segreti

Investire sui mercati finanziari richiede molto studio, tanta applicazione ed una buona conoscenza dell’analisi tecnica.

Un buon trader non è quello che agisce solo per intuito, magari chiudendo in qualche ora stratosferiche operazioni di guadagno, per poi perdere tutto soltanto qualche giorno dopo.

Al contrario, un buon analista tecnico si riconosce per avere delle basi solide e un ottimo modo di padroneggiare la materia, aspetti essenziali per realizzare dei profitti.

Per fare ciò, bisogna comprendere che l’elaborazione dei dati è fondamentale per predire la corretta tendenza dei mercati. Ecco che ci viene in aiuto l’analisi tecnica, una disciplina basilare per prevedere l’andamento dei prezzi dei titoli.

analisi tecnica

Cos’è l’Analisi Tecnica

Come possiamo definire l’analisi tecnica? Sicuramente come un insieme di regole e di elementi da considerare per studiare i grafici, il tutto con la finalità di prevedere l’andamento futuro di un Asset.

Le origini di questa disciplina risalgono agli inizi del ‘900, per mano del celebre Charles Dow, un giornalista finanziario che ha dato il nome al celebre Dow Jones. Secondo le sue analisi, i prezzi tendevano a replicare uno schema definito e consolidato, basato su tre importanti aspetti:

  1. Esistenza dei Trend
  2. Il prezzo sconta tutto
  3. La storia si ripete

A differenza dell’analisi fondamentale basata su modelli intrinsecamente legati all’economia reale, l’analisi tecnica prende come riferimento lo studio dettagliato dei grafici. La finalità è quella di prevedere quale potrà essere l’andamento dei prezzi degli asset, a seguito di una attenta elaborazione dei dati in possesso.

Il concetto su cui si basa l’analisi tecnica è piuttosto semplice: i dati a nostra disposizione saranno in grado di offrire tutti gli strumenti adatti per compiere una corretta previsione. A tal riguardo, sarà molto utile prendere dimestichezza con indicatori e pattern di prezzo.

Gli investitori che operano basandosi su questa metodologia, infatti, osservano i grafici ed una volta individuata la corretta figura (o pattern) entrano a mercato. 

Le tre aree fondamentali dell’Analisi Tecnica

L’analisi tecnica sui mercati finanziari si divide in 3 aree fondamentali, da conoscere per un Trading profittevole. Ecco le tre tipologie di analisi:

  • Grafica
  • Candlestick
  • Algoritmica

Scopriamo insieme le loro caratteristiche, necessarie per impostare una corretta strategia di trading capace di generare profitti con buona costanza.

Analisi Grafica

Questo tipo di analisi basato sul grafico ha come obiettivo quello di individuare il futuro andamento del prezzo grazie al semplice studio delle sue movimentazioni.

Si tratta di una disciplina molto vasta che racchiude in se numerose sottocategorie, su tutte l’individuazione delle zone di supporto e resistenza, basilari per la Price Action. Ricordiamo che i trader che usano l’analisi grafica per i propri criteri operativi vengono detti Chartisti.

Analisi Candlesticks

L’analisi che sfrutta le candele giapponesi è detta candlesticks. Questo tipo di indagine è molto oggettiva ma si presta sempre ad interpretazioni quando i pattern non sono perfettamente corrispondenti ai modelli teorici di riferimento. Per pattern si intendono figure che vengono a formarsi proprio con le candlesticks. 

Tra i Pattern più conosciuti troviamo il testa e spalle oppure i semplici triangoli, noti per dare conferme di inversione o continuazione del Trend in essere.

Analisi Algoritmica

Anche l’analisi algoritmica è una branca dell’analisi tecnica molto vasta ed interessante. Conoscere i principali indicatori ed oscillatori tecnici è il primo passo da fare per qualsiasi principiante.

Partendo da questa base sarà possibile avere gli strumenti basilari per la costruzione di specifici trading system. Cosa sono? Si tratta di modelli di trading automatico basati proprio sul corretto settaggio dei principali indicatori.

Confronto tra Analisi Tecnica e Analisi Fondamentale

Iniziamo subito con la prima differenza: l’analisi tecnica offre un timing di entrata a mercato migliore rispetto all’analisi fondamentale. Ovvio, se utilizziamo un giusto timing possiamo quindi utilizzare uno Stop Loss molto ristretto e di conseguenza rischiare di perdere un capitale ridotto. 

Vediamo adesso le principali differenze tra le due metodologie di analisi.

Flessibilità

L’analisi tecnica è più flessibile rispetto alla fondamentale, in quanto offre la possibilità di adattarsi ai cambiamenti (anche repentini) del grafico. Non ci sarà da attendere sviluppi macroeconomici, quindi le operazioni di Trading saranno molto più immediate.

Il prezzo sconta tutto

Come abbiamo già accennato, nei grafici sono già compresi tutti i fattori più importanti: notizie ad alto impatto, dati economici, situazione politico e sociale di uno Stato. In questo caso si ha il vantaggio di concentrarsi solo sul grafico ed operare solo sulla base del movimento del prezzo.

Si tratta quindi di un approccio molto pratico che non tiene in considerazione le -cause- di una movimentazione.

Reperibilità di informazioni

Con l’analisi fondamentale molte notizie sono difficili da reperire. La difficoltà riguarda in particolare un investitore comune che non ha accesso a portali come Reuters, tra gli altri.

Senza dimenticare il Timing di entrata: può capitare che al momento di entrare a mercato la News sia già vecchia, offrendo quindi indicazioni fuorvianti per la nostra operatività.

analisi tecnica

Conclusioni

In questa guida abbiamo definito l’analisi tecnica come uno strumento fondamentale per ogni trader. Conoscerla a fondo è di grande importanza per ottenere profitti a medio e lungo termine.

Spesso contrapposte, nella realtà analisi tecnica e fondamentale si integrano perfettamente. Sempre più Trader adottano metodologie operative che tengono conto di entrambe le discipline.

Il percorso più corretto per un principiante è quello di studiare, fare pratica e poi iniziare ad investire con poco capitale. Questi 3 passi possono essere svolti con successo attraverso le migliori piattaforme di Trading, professionali e certificate a livello Europeo.

Ecco la tabella dove iscriversi (senza costi) ed iniziare a mettere in pratica le nozioni di analisi tecnica con $50.000 virtuali a disposizione:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 200€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: forextb
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Ebook gratuito
  • Segnali di Trading
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: plus500
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: iqoption
    Deposito Minimo: 10€
    Licenza: Cysec
  • Deposito min: 10eur
  • Conto Demo gratuito
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: avatrade
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Copy trading
  • Attivo dal 2006
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Cos’è l’analisi tecnica?

    In riferimento ai mercati finanziari, è la disciplina che studia i grafici con la finalità di prevederne l’andamento.

    Quali sono i 3 principi dell’analisi tecnica?

    Come scritto da Charles Dow, i 3 punti cardine sono: il mercato si muove per trend, il prezzo sconta tutto, la storia si ripete.

    Il nostro voto
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Lascia un Commento

    hello world