Guida

Schema Ponzi: Cos’è e come funziona?

In questa guida scopriremo cos’è e come funziona uno schema Ponzi.

L’origine di questi “schemi Ponzi” risale all’inizio del secolo scorso, ma questo sistema è ancora oggi molto diffuso. Sarà quindi utile leggere questa guida per imparare a riconoscere questi schemi di investimento ed evitarli.

🎯 Metodo Schema Ponzi
📌 Funzionamento Truffa piramidale
🚀 Creatore Charles Ponzi
❓ Opinioni Negative

CONSIGLIO: Se siamo alla ricerca di investimenti passivi che possano generare un potenziale rendimento per il nostro denaro, suggeriamo di registrarci su Capex e di investire in alcuni dei migliori fondi della piattaforma.

Possiamo chiedere aiuto al gestore che ci è stato assegnato per guidarci facilmente nel mondo degli investimenti reali. Questo è l’unico modo per investire il nostro denaro senza il rischio di essere truffati, facendo trading su piattaforme serie e certificate:

Clicca qui per aprire un conto gratuito su Capex.

Che cos’è uno schema Ponzi?

Uno schema Ponzi è un’operazione di investimento fraudolenta in cui l’operatore, un individuo o un’organizzazione, paga i rendimenti ai suoi investitori con il nuovo capitale versato all’operatore dai nuovi investitori, anziché con i profitti ottenuti da fonti legittime.

Lo schema prende il nome da Charles Ponzi, divenuto famoso per aver utilizzato questa tecnica nel 1920. Tuttavia, schemi simili sono stati utilizzati almeno dal 1890.

Charles Ponzi è stato un imprenditore italo-americano che ha acquisito notorietà per le sue operazioni di investimento fraudolente all’inizio del XX secolo. Ha promesso agli investitori un ritorno del 50% in 45 giorni o del 100% in 90 giorni, utilizzando il denaro dei nuovi investitori per pagare quelli esistenti. Il suo schema alla fine fallì, con perdite di 20 milioni di dollari per i suoi investitori (equivalenti a 282 milioni di dollari in dollari odierni).

Come funziona uno schema Ponzi?

In uno schema Ponzi, l’operatore sollecita gli investimenti con la promessa di rendimenti o dividendi insolitamente elevati. Possono affermare di avere informazioni interne o utilizzare documenti falsi per ingannare gli investitori.

Gli investitori possono vedere un ritorno sul loro investimento iniziale che può attrarre altri investitori e consentire all’operatore di “pagare” questi rendimenti con il denaro raccolto da nuovi investitori. Tuttavia, lo schema finisce per collassare quando non riesce più ad attrarre un numero sufficiente di nuovi investitori o quando un gran numero di investitori tenta di ritirare i propri fondi.

Caratteristiche di uno schema Ponzi

Ecco alcune delle caratteristiche tipiche di uno schema Ponzi:

  • Promette rendimenti elevati con un rischio minimo o nullo.
  • I rendimenti vengono pagati ai vecchi investitori con il denaro dei nuovi investitori, anziché con i profitti.
  • Forte affidamento sull’attrazione di nuovi investitori
  • Mancanza di un’attività commerciale legittima sottostante
  • Difficoltà di prelievo dei fondi

È importante conoscere queste caratteristiche per evitare di cadere vittima di uno schema Ponzi. Se qualcosa sembra troppo bello per essere vero, probabilmente lo è. È inoltre importante effettuare ricerche approfondite su qualsiasi opportunità di investimento e non investire più denaro di quanto ci si possa permettere di perdere.

Ricordate sempre che se un’offerta garantisce rendimenti elevati con pochi rischi, è probabile che si tratti di una truffa.

Come riconoscere uno schema Ponzi?

È importante essere consapevoli delle caratteristiche sopra descritte e indagare a fondo su qualsiasi opportunità di investimento. Ecco come riconoscere uno schema Ponzi:

  • Tassi di rendimento molto elevati: sebbene gli investimenti comportino di solito un certo livello di rischio e possano avere alti e bassi, i tassi di rendimento estremamente elevati raggiunti in modo costante dovrebbero far scattare un campanello d’allarme.
  • Investimenti non registrati: gli schemi Ponzi spesso operano senza titoli registrati o licenze adeguate.
  • Pressione a investire rapidamente: i gestori di schemi Ponzi possono cercare di spingere i potenziali investitori a prendere decisioni rapidamente, senza dare loro il tempo di indagare a fondo.
  • Difficoltà a ricevere i pagamenti: gli investitori possono avere difficoltà a ritirare i propri fondi o a ricevere i pagamenti promessi dall’operatore. Questo potrebbe essere un segno che il trader sta utilizzando il denaro dei nuovi investitori per pagare quelli più vecchi, piuttosto che i profitti derivanti da un’attività di trading legittima. È importante fidarsi del proprio istinto ed evitare qualsiasi opportunità di investimento che sembri sospetta.

Inoltre, tenersi aggiornati sugli schemi Ponzi può aiutare a riconoscerli ed evitarli.

Quali sono gli schemi Ponzi più famosi?

  • Bernie Madoff: alcuni dei più famosi schemi Ponzi sono la frode di Bernie Madoff da 65 miliardi di dollari, lo schema di Allen Stanford da 7 miliardi di dollari e la truffa di Tom Petters da 3,65 miliardi di dollari. Tutti questi schemi promettevano agli investitori rendimenti elevati con rischi minimi o nulli, che alla fine si sono tradotti in perdite massicce per coloro che hanno investito. Si stima che gli schemi Ponzi rappresentino una perdita totale di circa 10 miliardi di dollari ogni anno.
  • OneCoin: è uno schema Ponzi che sostiene di essere una criptovaluta. È stata fondata nel 2014 ed è stata promossa come un modo per ottenere profitti facili e veloci attraverso il reclutamento di nuovi membri e l’investimento in pacchetti OneCoin. Tuttavia, non esiste alcuna prova dell’esistenza della presunta tecnologia blockchain di OneCoin ed è stata denunciata dalle autorità di regolamentazione finanziaria e dai governi di tutto il mondo come una truffa.
  • Generation Zoe: un altro schema Ponzi che opera sotto le spoglie di una società di marketing multilivello. Promette alti rendimenti attraverso l’investimento nelle sue “monete Zoe” e il reclutamento di nuovi membri, ma è stata chiusa dalle autorità di diversi Paesi per aver operato come schema piramidale fraudolento.

Esquema Ponzi: Tutorial

Ecco un breve tutorial su che cos’è, come funziona e come riconoscere uno schema Ponzi

Note finali

Come abbiamo visto, è importante essere cauti e fare ricerche approfondite prima di investire in qualsiasi opportunità, soprattutto se promette rendimenti elevati con pochi rischi. Diffidate di schemi che si basano molto sull’attrazione di nuovi investitori e non hanno una chiara fonte di rendimento legittimo. Se sospettate uno schema Ponzi, segnalatelo alle autorità ed eviterete di perdere il vostro denaro duramente guadagnato.

Leggi anche: 

FAQ

Come si riconosce uno schema Ponzi?

Le autorità di vigilanza hanno identificato alcune caratteristiche che tipicamente indicano uno schema finanziario fraudolento. Se un’opportunità di investimento (1) garantisce un rendimento specifico, (2) garantisce tale rendimento entro un determinato periodo di tempo e (3) non è registrata presso la CNMV, questi sono identificatori di frode.

Qual è un esempio di schema Ponzi?

Esempio molto semplice: John promette un rendimento del 10% al suo amico Iker. Iker dà a Juan 1.000 dollari con l’aspettativa che il valore dell’investimento sarà di 1.100 dollari in un anno. John promette poi una restituzione del 10% alla sua amica Marina. Lei accetta di dare a John 2.000 dollari. Con 3.000 dollari in mano, John può rendere felice Iker pagandogli 1.100 dollari. Inoltre, affinché questo piano funzioni, Adam deve continuamente raccogliere denaro da un nuovo cliente per pagare quelli vecchi.

Il nostro voto
Clicca per lasciare un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Lascia un Commento

hello world