Azioni e Borse

Azioni Tesla: prezzo, dividendo e quotazione in tempo reale

All’interno di questa guida scopriremo il mondo delle Azioni Tesla, del titolo in banca TSLA e di molte altri dati fondamentali e curiosità dell’azienda diretta dall’amministratore delegato Elon Musk.

TSLA (Tesla) (clicca qui per grafici e quotazioni in tempo reale) non è solo uno scienziato, ingegnere elettrico, inventore e fisico serbo che è il padre dei motori elettrici, della corrente alternata e della distribuzione elettrica polifase.

Tesla è anche il nome dell’azienda fondata dal visionario Elon Musk, che produce veicoli e automobili elettriche ed anche sistemi di immagazzinamento dell’energia (le batterie).

Si tratta di un’azienda un’azienda quotata al NASDAQ con il simbolo di TSLA; nel lontano 2013, l’azienda registrò il suo primo anno in profitto della storia. Vediamo quindi capire come investire in Azioni Tesla, dando anche uno sguardo al dividendo e quotazione in tempo reale.

Azioni Tesla Quotazione Prezzo in Tempo Reale

Questo è il titolo di Tesla in tempo reale. Per conoscere più informazioni clicca su “Visualizza Dettagli Completi”.

Migliori piattaforme per investire in Azioni Tesla

Broker Caratteristiche Deposito Recensioni Apertura conto
Social Trading, CopyTrading 500 dollari Recensione >>Iscriviti<<
24 Option Notifiche di trading gratis. Formazione 1 a 1 200 dollari Recensione >>Iscriviti<<
Iq Option Demo gratuita illimitata, deposito minimo 10 euro 10 dollari Recensione >>Iscriviti<<
Markets.com Facilissima da usare, demo gratis, corsi gratis 100 dollari Recensione >>Iscriviti<<

Cos’è Tesla

Tesla è stata fondata nel 2003 da un gruppo di ingegneri che volevano dimostrare che le persone non avevano bisogno di impegnarsi per la guida elettrica – che i veicoli elettrici potevano essere migliori, più veloci e più divertenti da guidare rispetto alle auto a benzina.

Oggi, Tesla costruisce non solo veicoli completamente elettrici, ma anche prodotti di stoccaggio e generazione di energia pulita infinitamente scalabili.

Obiettivi Tesla

Tesla ha un obiettivo molto chiaro, continuare a lavorare fino a che il mondo inizierà a smettere di contare sui combustibili fossili, muovendosi verso un futuro a emissioni zero, meglio è.

Tesla Roadster 1 La Prima Automobile di Tesla

Tesla Roadster 1 La Prima Automobile di Tesla

Quando venne lanciata nel 2008, la Roadster ha svelato la tecnologia all’avanguardia delle batterie e il powertrain elettrico di Tesla.

La Model S

Da lì, Tesla ha progettato da zero la prima berlina completamente elettrica premium al mondo – Model S – che è poi diventata la migliore auto della sua categoria, in ogni categoria. La combinazione di sicurezza, le prestazioni e l’efficienza, Model S ha cambiato le aspettative di tutto il mondo per l’auto del 21° secolo con la più lunga autonomia per un veicolo elettrico, aggiornamenti OTA del software che lo rendono migliore nel corso del tempo, e di registrare un tempo di accelerazione da 0 a 60 miglia orarie in soli 2,28 secondi.

La Model X

Nel 2015, Tesla ha ampliato la sua linea di prodotti con la model X, il veicolo SUV più sicuro, più veloce e più capace della storia che detiene valutazioni di sicurezza a 5 stelle in ogni categoria. A

La Model 3

A completare poi il “piano segreto” del CEO Elon Musk, nel 2016, Tesla ha introdotto Model 3, un veicolo per la produzione di massa, elettrico ad un prezzo leggermente inferiore di Model 3 (si pensava 35 mila ma invece è stato poi commercializzato a prezzi superiori ai 50 mila euro) che ha cominciato la produzione nel 2017.

Poco dopo, Tesla ha presentato il camion più sicuro, Tesla Semi – che è stato progettato per far risparmiare ai proprietari almeno $ 200.000 su un milione di miglia solo in base ai costi del carburante.

Altri Prodotti

Come abbiamo accennato precedentemente, Tesla produce anche prodotti per la ricarica in casa ed ufficio, e installa ogni anno nuovi Supercharger, che è il network di stazioni per ricaricare gratuitamente in poco tempo la propria macchina.

La profittabilità

L’obiettivo del CEO Elon Musk, è quello di diventare finalmente profittevole (si pensa entro il 2019, in quanto Tesla è sempre stata in perdita nei suoi 15 anni di vita) un costruttore indipendente, e di vendere auto elettriche a prezzi competitivi per i consumatori. La model 3 infatti, ha un prezzo di circa 35 mila euro (incentivi esclusi). Tesla si sta impegnando anche molto per la costruzione di batterie domestiche (Powerwall) e servizi per le aziende come il Powerpack.

L’arrivo in Borsa di TESLA

Il 29 Gennaio del 2010, Tesla iniziò la procedura di arrivo in borsa con una richiesta alla SEC, con un IPO sottoscritta da Goldman Sachs, Morgan Stanley, J. P. Morgan, e Deutsche Bank Securities. Nel Maggio del 2010, Tesla annunciò una partnership con Toyota, he acquistò 50 milioni di azioni di Tesla tramite una vendita privata. I CEO di tutte e due le aziende hanno affermato la loro intenzione di “cooperare nello sviluppo di veicoli elettrici, parti, e sistemi di produzione e supporto ingegneristico”.

L’IPO di Azioni Tesla

Durante il 29 giugno 2010, Tesla Motors ha annunciato la sua offerta pubblica iniziale al Nasdaq. 13.300.000 azioni ordinarie sono state emesse al pubblico ad un prezzo di US $ 17.00 per azione. L’IPO ha raccolto ben 226 milioni di dollari per la società. È stata la prima casa automobilistica americana ad andare in borsa, dopo la Ford Motor Company che ebbe la sua IPO nel 1956, e entro il 2014 Tesla ha raggiunto un valore di mercato pari alla metà di quella di Ford.

Nel mese di novembre del 2013, le azioni di Tesla sono scese più del 20 per cento, dopo la notizia di un incendio della Model S. In totale i proprietari affetti da questo problema sono stati 3, e tutti e tre i proprietari hanno ordinato una nuova Model S. Nei mesi successivi Tesla ha sviluppato un sistema di protezione della batteria a costo zero per la Model S. Non è stato preso nessun ulteriore intervento normativo, anche se ci sono stati alcuni incidenti e più recentemente, nel gennaio 2016 una Model S ha preso fuoco in una stazione Supercharger norvegese.

Nonostante il calo, Tesla era ancora il top performer sull’indice Nasdaq 100 nel 2013. Tesla ha cercato di vendere 40.000 veicoli elettrici in tutto il mondo nel 2014, aggiungendo la Cina, Hong Kong, Giappone, e Australia alla lista dei paesi dove esporta automobili, ma ha poi ridotto la sua previsione sulle vendite fino a 33.000 unità per il 2014 nel mese di novembre 2014.

Perché investire in Tesla

Come avete avuto modo di capire, l’IPO di Tesla fu di soli 17 dollari per azione, e adesso i prezzi sono cresciuti esponenzialmente:

azioni tesla

Tesla ha ormai catturato l’attenzione di tutti gli investitori che desiderano investire nel settore elettrico, in special modo adesso che Tesla non costruisce solo automobili, ma anche la Powerwall, la batteria perfetta per immagazzinare energia, magari creata attraverso i pannelli solari, senza dover pagare la bolletta dell’Enel.

È quindi chiaro che stiamo parlando di un’azienda che risulta essere diversificata, che produce macchine sempre più avveniristiche e si sta espandendo anche nel mondo delle batterie domestiche (PowerWall) e il solare (grazie a SolarCity, azienda recentemente acquisita).

Per quanto riguarda le automobili, i nuovi modelli X e 3 stanno avendo un grande successo, ed i prezzi iniziano ad essere sempre più “umani”. Tesla potrebbe iniziare a produrre automobili per il mercato di massa, a dei prezzi ragionevoli molto presto (la Model 3 venne promessa a 35 mila euro e poi però commercializzata intorno ai 50 mila, ma è comunque un bel passo avanti rispetto ai 100 mila della S). Ma questo non è tuttavia ancora il momento, Tesla è ancora la “Apple delle automobili” in special modo per i prezzi.

C’è quindi un grande potenziale per gli investitori, che potranno avere dei grossi guadagni se Tesla continuerà su questa strada. Tuttavia, la tecnologia è molto innovativa, ma ancora non sappiamo se le batterie e i veicoli di Tesla riusciranno ad essere durevoli nel tempo. Tesla deve inoltre lavorare molto sulla produzione di massa per iniziare a macinare profitti, l’azienda infatti non è ancora profittevole, ma nella Silicon Valley si sa, non è poi così tanto essere profittevoli, ma conta di più avere delle grandi idee per il futuro, e la Model 3 e la Powerwall sono dei prodotti di massa che molto probabilmente, garantiranno un futuro assicurato a Tesla da qui a 10 anni.

Come investire in azioni Tesla con i CFD

Investire Comprare in Azioni Tesla con eToro

Investire Comprare in Azioni Tesla con eToro

Fare trading, comprare o investire sulle azioni Tesla è molto semplice e veloce con i CFD (i contratti per differenza). Basta registrarsi sul broker eToro, che consente il trading di azioni Tesla. Puoi aprire un conto di trading con eToro cliccando su questo link sicuro. Sarà sufficiente poi caricare sul proprio conto il quantitativo di denaro che si vuole utilizzare, con il proprio conto corrente, carta di credito, Neteller, Skrill e tutti gli altri metodi di pagamento accettati.

Azioni Tesla 2018: le novità

Abbiamo recentemente rilasciato un nuovo articolo di approfondimento all’interno del nostro sito internet, news che tratta le difficoltà e le sfide che l’azienda di Elon Musk sta affrontando.

Il 2018 è stato un anno estremamente difficile per il CEO Elon Musk, il quale è stato coinvolto nel bel mezzo di numerose controversie, come le critiche dopo aver accusato di pedofilia uno dei soccorritori dei bambini intrappolati nella grotta in Thailandia.

Inoltre, il tweet dello scorso agosto, dove mostrava l’intenzione di rendere l’azienda privata, hanno fatto scattare l’indagine della SEC, l’ente di regolamentazione USA. Questa investigazione potrebbe portare il CEO dell’azienda a venire allontanato in futuro.

Se diamo uno sguardo all’andamento delle azioni, possiamo notare come le azioni Tesla siano crollate a seguito delle dichiarazioni di Musk, per poi riprendersi dopo la seconda metà di settembre, toccando il minimo di 250 dollari.

Secondo un articolo pubblicato recentemente sul New York Times, un esperto ha precisato quanto segue:

… Peter Henning, professore di giurisprudenza alla Wayne State University, ha dichiarato che il tweet di Mr. Musk è “divulgazione incompleta”, aggiungendo che se la SEC dovesse perseguire un caso di frode, le conseguenze potrebbero essere gravi.

“La penalità che spaventa tutti è il possibile ban dall’azienda”, ha affermato Henning. “Se la SEC dovesse sentenziare che Musk, con il suo Tweet, ha ingannato gli investitori, potrebbe venire allontanato dalla sua posizione presso l’azienda.”

Nonostante sia un CEO “problematico”, il possibile addio di Musk a Tesla porterà ad un calo dell’appeal di TSLA, che ha sempre contento sull’estro e genialità di Musk.

Mr. Musk deve anche fare i conti con una causa degli azionisti che contestano l’acquisizione di SolarCity da parte di Tesla, Solarcity è un’azienda specializzata in pannelli solari.

Tesla deve inoltre tentare di ricostituire i ranghi esecutivi e stabilizzare la produzione della Model 3, cercando di risolvere la grandissima volatilità dell’azienda.

Per approfondite, continua qui a leggere: Azioni Tesla (TSLA) Analisi Fondamentale e Tecnica Settembre 2018

Elon Musk: chi è il genio di Tesla

Elon Musk Azioni Tesla

Elon Musk Azioni Tesla

Sicuramente la prima persona che il nome Tesla evoca non è solo Nikola, il genio vissuto 2 secoli fa; ma anche Elon Musk, l’amministratore delegato di Tesla, Space X e The Boring Company.

Elon Reeve Musk, è un magnate ed investitore. Possiede passaporto Sud Africa, Canada, USA. È il CEO, Fondatore e Progettista di SpaceX; co-fondatore, CEO e Progettista di Tesla, Inc; co-fondatore e CEO di Neuralink; e co-fondatore di PayPal. Nel dicembre 2016, si piazzò al ventunesimo posto della classifica Forbes degli uomini più potenti. Ad agosto 2018 ha un patrimonio di 20.2 miliardi di dollari e si trova al 46esimo posto tra le persone più ricche al mondo.

Nato a Pretoria, Sud Africa, Musk ha iniziato a programmare già alla tenera età di 10 anni. Si trasferì poi a 17 anni per frequentare la Queen’s University. Successivamente si trasferì due anni dopo alla University of Pennsylvania, dove prese la laurea in economia dalla Wharton School e una laurea in fisica.

Ha poi iniziato il suo Ph.D. in fisica applicata e materiali scientifici alla Stanford University nel 1995 ma abbandonò dopo due giorni per iniziare la sua carriera imprenditoriale. Cofondò zip2, un’azienda software.

Musk ha quindi fondato X.com, una banca online. Si è fuso con Confinity nel 2000 e più tardi quell’anno è diventato PayPal, che è stato acquistato da eBay per $ 1,5 miliardi nell’ottobre 2002.

Nel maggio 2002, Musk ha fondato SpaceX, un’azienda produttrice di servizi aerospaziali e di servizi di trasporto spaziale, di cui è amministratore delegato e lead designer. Ha contribuito a finanziare Tesla, Inc., un produttore di veicoli elettrici e pannelli solari, nel 2003, e ne è diventato il CEO e il progettista. Nel 2006, ho ispirato la creazione di SolarCity, una società di servizi di energia solare che è ora una controllata di Tesla, e opera come presidente. Nel 2015, Musk ha co-fondato OpenAI, una società di ricerca senza fini di lucro che mira a promuovere l’intelligenza artificiale amichevole. Nel luglio 2016, ho co-fondato Neuralink, una società di neurotecnologie focalizzata sullo sviluppo di interfacce cervello-computer, ed è il suo CEO. Nel dicembre 2016, Musk ha fondato The Boring Company, una società di infrastrutture e costruzione di gallerie.

Sull'autore

Redazione

Lascia un Commento