Guida

Vendere allo scoperto: Che cos’è e a cosa serve

Ecco una guida chiara e dettagliata su come vendere allo scoperto.

Termine molto in voga negli ambienti finanziari, non sempre è compreso dai Trader principianti. Noi di InvestireInBorsa ci proponiamo di spiegarlo con chiarezza, poiché nel mondo della finanza la vendita allo scoperto è uno strumento davvero importante per ottimizzare i nostri profitti.

Assumere una posizione scopertista (o short) sui mercati finanziari vuol dire effettuare un’operazione finanziaria che consiste nel vendere un titolo che non possediamo, al fine di ottenere un profitto dal suo prezzo più basso.

L’Asset avrà perso valore, ma il rendimento complessivo dell’operazione finanziaria sarà positivo per coloro che hanno “Shortato”, ovvero venduto allo scoperto.

Come è possibile tutto ciò? Grazie a strumenti finanziari certificati e regolamentati che si chiamano CFD (Contratti Per Differenza). Scopriamo tutto nei prossimi paragrafi!

come vendere allo scoperto

Cos’è la vendita allo scoperto

Vendere allo scoperto significa mettere in atto una strategia di investimento che specula sul calo del prezzo di un Asset. I Trader possono utilizzare la vendita allo scoperto fini speculativi, mentre i Gestori possono utilizzarla come copertura all’interno del loro portafoglio.

Nella vendita allo scoperto una posizione viene aperta prendendo in prestito azioni di un titolo o altra attività che l’investitore ritiene perderà valore. L’investitore vende quindi queste azioni prese in prestito ad acquirenti disposti a pagare il prezzo di mercato.

Prima che le azioni prese in prestito debbano essere restituite, il trader scommette che il prezzo continuerà a diminuire e potrà acquistarle a un costo inferiore. Il rischio di perdita su una vendita allo scoperto è teoricamente illimitato poiché il prezzo di qualsiasi attività può salire all’infinito.

Come funziona la vendita allo scoperto

A livello pratico, per vendere allo scoperto il Trader apre una posizione prendendo in prestito azioni, di solito da un broker-dealer, cercando di trarre profitto da una loro discesa di prezzo prima di restituirle al prestatore.

Come aprire una posizione Short

Per aprire una posizione corta, il Trader deve avere un conto a margine e dovrà pagare gli interessi sul valore delle azioni prese in prestito. Inoltre, le autorità hanno fissato valori minimi per l’importo che deve essere mantenuto dal conto a margine (margine di mantenimento).

Se il valore del conto di un investitore scende al di sotto del margine di mantenimento, sono necessari più fondi o la posizione potrebbe essere chiusa dal broker.

Come chiudere una posizione Short

Per chiudere una posizione corta, Il Trader riacquista le azioni sul mercato, si spera a un prezzo inferiore a quello in cui ha preso in prestito il titolo, e le restituisce al prestatore o al broker. I trader devono tenere conto degli interessi addebitati dal broker o delle commissioni addebitate sulle negoziazioni.

L’apertura e la chiusura degli scambi possono essere effettuate tramite le normali piattaforme di trading con la maggior parte dei broker. Ecco che il processo di negoziazione diventa molto più semplice.

In altre parole, tutti i Broker specializzati offrono un prezzo Bid ed uno Ask per negoziare azioni. Sarà quindi possibile “comprare” o “vendere” con un semplice click!

Ecco un esempio:

vendere allo scoperto esempio pratico

Vogliamo vendere allo scoperto? Benissimo, basterà cliccare su Vendi per attivare una posizione Short e guadagnare dal ribasso dell’Asset: pratico ed efficace!

Pro e contro della vendita allo scoperto

Ecco un elenco completo di tutti i vantaggi (e degli svantaggi) derivanti dalla scelta di vendere allo scoperto.

Pro

  • Possibilità di alti profitti
  • Richiede poco capitale iniziale
  • Possibili investimenti con leva

Contro

  • Perdite potenzialmente illimitate
  • Conto a margine necessario
  • Interessi sul margine sostenuti (non con i CFD)

Esempio pratico di Vendita allo scoperto

Solitamente ogni volta che un’azienda vive momenti difficili o rilasci trimestrali inferiori alle attese, ecco che diventa conveniente vendere allo scoperto. Le opportunità, ogni giorno, ne sono migliaia.

La lista di esempi sarebbe lunghissima, tuttavia proponiamo un caso che è rimasto negli annali della finanza: il caso Volkswagen.

Nel corso degli anni le azioni del gruppo di Stoccarda sono cresciute di pari passo con le vendite delle automobili, sempre più richieste in tutto il mondo. Poi, nel 2015, scoppia la bufera denominata Dieselgate.

In sostanza, i vertici del Gruppo Volkswagen avevano truccato i dati relativi l’inquinamento dei loto motori diesel. Il risultato? Un’onda di vendite allo scoperto sul titolo lo ha fatto sprofondare da circa $250 fino a $98, nel giro di pochi giorni.

Coloro che hanno investito Short ne hanno tratto grandi benefici!

Rischi della vendita allo scoperto

Oltre al rischio precedentemente menzionato di perdere denaro in un trade dall’aumento del prezzo di un titolo, la vendita allo scoperto presenta ulteriori rischi che gli investitori dovrebbero considerare.

Utilizzare denaro preso in prestito

Quando vendi allo scoperto, apri un conto a margine, che ti consente di prendere in prestito denaro dalla società di intermediazione usando il tuo investimento come garanzia.

Proprio come quando si va a lungo sul margine, è facile che le perdite sfuggano di mano perché è necessario soddisfare il requisito minimo di mantenimento del 25%. Se il tuo conto scivola al di sotto di questa soglia, sarai soggetto a una “chiamata a margine” e costretto a mettere altro denaro o liquidare la tua posizione.

Tempi sbagliati

Anche se una società è sopravvalutata, potrebbe presumibilmente impiegare parecchio prima che il prezzo delle sue azioni scenda. Nel frattempo, sei vulnerabile agli interessi e alla chiamata a margine.

Rischi normativi

Talvolta le autorità di regolamentazione possono imporre divieti sulle vendite allo scoperto in un settore specifico o persino nel vasto mercato per evitare il panico e pressioni di vendita ingiustificate. Tali azioni possono causare un improvviso aumento dei prezzi delle azioni, costringendo il venditore allo scoperto a coprire posizioni corte con enormi perdite.

Ciò non succede con i CFD che essendo derivati non devo sottostare alla regolamentazione del titolo sottostante.

vendere allo scoperto

I migliori Broker per vendere allo scoperto

Come abbiamo visto, per vendere allo scoperto è sufficiente scegliere un broker che utilizza i contratti CFD. Si tratta dello strumento finanziario che permette di entrare “short” a mercato e guadagnare per ogni pips di ribasso.

Nel trading online non esiste una piattaforma di trading che sia migliore delle altre in termini assoluti, ma qui di seguito elenchiamo i migliori broker che permettono la Vendita allo scoperto in sicurezza e senza costi fissi.

eToro

Questo è il broker con il maggior numero di utenti al mondo, circa 13 milioni. eToro è autorizzato a livello Europeo grazie alla regolamentazione CySec.

La piattaforma di questo broker è davvero molto semplice da utilizzare ma comprensiva di tutti gli strumenti professionali necessari ad operare su ogni mercato. Compresa, ovviamente, la possibilità di Vendere allo scoperto.

Inoltre eToro permette di replicare le operazioni dei migliori trader presenti sulla piattaforma. Questo sistema si chiama Copy Trading e funziona scegliendo i trader più profittevoli presenti nella piattaforma.

Il Copy Trading permette di replicare in automatico le operazioni effettuate da questi Top Trader. Sono i professionisti migliori presenti su eToro e le loro performance spesso sono a doppia cifra. Questo sistema può essere testato anche con un conto Demo gratuito.

Registati su eToro per testare la vendita allo scoperto anche in demo

ForexTB

ForexTB è attivo sul territorio italiano dal 2012, anch’esso è un broker autorizzato e registrato in Europa alla CySec. Questo broker offre un corso di trading gratuito in formato ebook che spiega le basi del trading in maniera semplice e con esempi chiari.

Inoltre ForexTB offre agli investitori dei preziosi segnali di trading gratuiti, elaborati dalla prestigiosa Trading Central. Si tratta di un servizio che fornisce affidabili e precise indicazioni operative su tutti i mercati.

Chi non si sente pronto ad investire denaro reale può utilizzare un conto demo gratuito ed illimitato per poter valutare con calma e senza rischi la piattaforma a disposizione.

Prova a Vendere allo scoperto su ForexTB cliccando qui

Conclusioni

In questa guida abbiamo offerto una chiara panoramica su come vendere allo scoperto e sul conseguente significato di entrare -short- a mercato.

Vendere allo scoperto è un’operazione finanziaria da mettere in pratica attraverso i contratti CFD, derivati non soggetti a limitazioni normative (come lo stop alle vendite) e senza costi legati ad interessi sul “prestito di azioni”.

Lo short selling è molto utile ma è un’operazione da eseguire con cautela, meglio prima esercitarsi sui conti demo di eToro e ForexTB.

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 200€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: forextb
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Ebook gratuito
  • Segnali di Trading
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Come fare per vendere allo scoperto?

    La modalità più pratica ed economica consiste nell’apertura di un CFD Short, direttamente sulla nostra piattaforma di Trading. Basterà cliccare su “vendi” per attivarlo.

    Quali sono i rischi derivanti dal vendere allo scoperto?

    Su tutti, ritrovarsi senza margine a disposizione sul conto trading e sbagliare previsione, con il titolo che inizierà a salire.

    Il nostro voto
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Lascia un Commento