Strategie

Pivot Point: Cosa sono, come si calcolano e strategie

Ecco una guida completa e puntuale sulla nota strategia Pivot Point, molto in voga tra traders professionisti ed amatoriali.

Grazie alla semplicità di utilizzo ed alle performance che riesce a garantire, in tantissimi scelgono di impostare il loro Trading System proprio sulla base dei Pivot Point. Con l’ausilio di altri indicatori, il risultato finale sarà potenzialmente molto proficuo.

🥇 Strategia Pivot Point
🎯 Indicatore Punti di svolta
📈 Orizzonte temporale Breve periodo
👍 Piattaforma Metatrader

🔽SUGGERIMENTO🔽

In questa guida ti presenteremo una panoramica generale dei Pivot Point. Se vuoi approfondire questa tematica, ti consigliamo di scaricare fin da subito l’eBook gratuito di LiquidityX. Qui troverai una vasta gamma di consigli degli esperti su come utilizzare al meglio questa strategia e diversi esempi pratici. Si tratta di un’ottima risorsa per tutte le tipologie di trader, anche i più principianti, grazie ad un linguaggio chiaro e coinciso. Se vuoi imparare ad utilizzare al meglio i Pivot Point fin da subito, ecco il link per scaricare l’eBook:

Clicca qui per scaricare l'eBook gratuito di LiquidityX

Strategia Pivot Point: Cos’è?

Non lasciarti ingannare da questo strano nome perché la strategia di Trading basata sui Pivot Point può essere meno complicata di quello che pensi.

Nello specifico, la strategia di Pivot Point è una tecnica di analisi tecnica utilizzata per individuare i livelli chiave di supporto e resistenza in un mercato finanziario. I Pivot Point sono stati introdotti per la prima volta negli anni ’30 da trader di commodities, ma negli anni successivi sono stati adattati per essere utilizzati in altri mercati finanziari, come il forex, le azioni e i futures.

Nei prossimi paragrafi vedremo nel dettaglio come funziona la strategia Pivot Point. 

Cosa indicano i Pivot Point?

I Pivot Point, in particolare, sono uno strumento dell’analisi tecnica utilizzato per determinare i livelli di supporto e resistenza nel mercato finanziario. Questi livelli sono calcolati sulla base dei prezzi di apertura, chiusura, massimi e minimi di un periodo di tempo specifico, utilizzando una formula matematica.

In generale, il Pivot Point è il livello principale, indicando il punto in cui si presume che la direzione del mercato possa cambiare. Se il prezzo supera il livello del Pivot Point, si presume che il trend sia rialzista, mentre se scende al di sotto del livello del Pivot Point, si presume che il trend sia ribassista.

I livelli di supporto e resistenza sono calcolati attorno al livello del Pivot Point e servono come indicatori di possibili zone di inversione del trend. I livelli di supporto sono i livelli di prezzo al di sotto del Pivot Point dove si presume che il prezzo possa rimbalzare verso l’alto, mentre i livelli di resistenza sono i livelli di prezzo al di sopra del Pivot Point dove si presume che il prezzo possa incontrare difficoltà a salire ulteriormente.

Esistono alcune varianti dei Pivot Point, tra cui lo Standard, il Fibonacci e il Camarilla, ognuno con le proprie formule di calcolo e i propri livelli di supporto e resistenza specifici.

Come imparare ad utilizzare i Pivot Point?

Giunti a questo punto, dovresti già avere un’idea generale di che cosa sono e come funzionano i Pivot Point. Per utilizzarli al meglio, tuttavia, questa guida potrebbe non essere sufficiente e dovrai integrare le tue conoscenze leggendo una risorsa più approfondita. 

A tal proposito, noi di Investireinborsa.me, ti consigliamo di scaricare l’eBook gratuito di LiquidityX, disponibile proprio nella sezione educativa del broker online. Al suo interno troverai:

  • 👉🏻 Guide passo a passo su come utilizzare i Pivot Point
  • 👉🏻 Esempi pratici
  • 👉🏻 Consigli degli esperti del settore

L’ebook, tra l’altro, è scritto in modo chiaro ed intuitivo, così che sia trader principianti, sia quelli più esperti possano comprenderne il contenuto con facilità. Per iniziare ad utilizzare al meglio fin da subito i Pivot Point utilizzando questa risorsa, ecco il link per scaricare l’eBook in pochi step:

Clicca qui per scaricare l'eBook gratuito di LiquidityX

Come si calcolano i Pivot Point?

I Pivot Point sono calcolati utilizzando i dati di prezzo dell’intervallo di trading precedente e fornendo i livelli di supporto e resistenza per l’intervallo di trading attuale. Ci sono diverse formule matematiche che possono essere utilizzate per calcolare i Pivot Point, ma la più comune è la formula “Pivot Point Standard”.

La formula del Pivot Point Standard prevede di calcolare il livello di base (Pivot Point) come media aritmetica del prezzo di chiusura, massimo e minimo dell’intervallo di trading precedente:

Pivot Point (PP) = (High + Low + Close) / 3

Dove:

  • High è il prezzo massimo dell’intervallo di trading precedente
  • Low è il prezzo minimo dell’intervallo di trading precedente
  • Close è il prezzo di chiusura dell’intervallo di trading precedente.

Una volta calcolato il livello di base (Pivot Point), i livelli di supporto e resistenza possono essere calcolati come segue:

  • Primo livello di supporto (S1) = (2 x PP) – High
  • Secondo livello di supporto (S2) = PP – (High – Low)
  • Terzo livello di supporto (S3) = Low – 2 x (High – PP)
  • Primo livello di resistenza (R1) = (2 x PP) – Low
  • Secondo livello di resistenza (R2) = PP + (High – Low)
  • Terzo livello di resistenza (R3) = High + 2 x (PP – Low)

Dove:

  • PP è il livello di base (Pivot Point) calcolato utilizzando la formula sopra indicata.
  • High, Low e Close sono i prezzi massimo, minimo e di chiusura dell’intervallo di trading precedente.

In sintesi, i Pivot Point possono essere calcolati utilizzando la formula del Pivot Point Standard e fornire livelli di supporto e resistenza per l’intervallo di trading attuale. Ci sono anche altre formule matematiche per calcolare i Pivot Point, come ad esempio la formula di Fibonacci e la formula di Camarilla.

Come si interpretano i Punti Pivot?

L’interpretazione dei Pivot Point si basa sulla relazione tra i livelli dei Pivot Point e il prezzo corrente del mercato.

In genere, ci sono tre categorie di livelli di Pivot Point:

  1. Il livello di base (Pivot Point) è calcolato come media aritmetica del prezzo di chiusura, massimo e minimo dell’intervallo di trading precedente. Questo livello è considerato il punto di equilibrio del mercato.
  2. I livelli di supporto sono calcolati come una serie di linee al di sotto del livello di base e forniscono livelli di prezzo dove ci si può aspettare che i prezzi trovino supporto. Questi livelli di supporto sono identificati come S1, S2 e S3.
  3. I livelli di resistenza sono calcolati come una serie di linee sopra il livello di base e forniscono livelli di prezzo dove ci si può aspettare che i prezzi trovino resistenza. Questi livelli di resistenza sono identificati come R1, R2 e R3.

Ti ricordiamo, inoltre che l’interpretazione dei Pivot Point dipende dall’approccio del trader. Ad esempio, un trader potrebbe utilizzare i livelli di Pivot Point come punti di ingresso e uscita dal mercato, acquistando quando il prezzo supera la resistenza del Pivot Point (R1, R2 o R3) e vendendo quando il prezzo scende al di sotto del supporto del Pivot Point (S1, S2 o S3).

Come fare Trading con i Pivot Point?

I pivot points sono uno strumento utile da aggiungere all’arsenale di un trader poiché permettono di calcolare velocemente i livelli sui quali si registrano statisticamente le maggiori reazioni del mercato.

L’utilizzo dei pivot point a fini speculativi si presta ad un utilizzo che consiste nella determinazione del trend primario. La logica è semplice:

  • Se il pivot viene violato al rialzo si ritiene il mercato in fase bullish (rialzista)
  • Se cede la propria quota alle forze dei venditori il mercato è bearish (ribassista)

In genere, i Pivot Point vengono molto utilizzati per investire in opzioni perché sono davvero molto efficaci per investimenti sul breve e medio termine. Vediamo ora alcuni esempi operativi.

➤ Entrata a mercato Long

In questo caso procediamo con l’entrata a mercato Long (Buy) quando ci sarà la rottura della resistenza ed il relativo segnale di acquisto. Ecco un esempio grafico:

segnale acquisto pivot point

➤ Entrata a mercato Short

Procederemo all’apertura di una posizione Short quando il prezzo supera al ribasso il livello di supporto come nel grafico sottostante. I segnali di Trading forniti da questa situazione sono di natura ribassista:

segnale vendita pivot point

L’affidabilità dei Pivot Point è data proprio dal fatto che gli studiosi si sono accorti di quanto gli attori del mercato, inconsciamente o meno, ne tengano conto, questo li rende estremamente importanti per fare investimenti in borsa.

I trader definiti scalper, che amano le scadenze brevi o brevissime, apprezzano particolarmente la strategia Pivot Point poiché si presta molto bene ad intervalli di tempo di breve termine.

Altre strategie di trading

Se vuoi diversificare le strategie da adottare nelle tue operazioni, qui di seguito ti presentiamo altre strategie di trading che potrai adottare:

Conclusioni

In questa guida abbiamo illustrato come fare Trading con la strategia Pivot Point, un metodo certificato e di buon successo per investire. 

🔽SUGGERIMENTO🔽

Come hai potuto notare, ti abbiamo fornito una panoramica generale sui Pivot Point. Se vuoi approfondire l’argomento, ti consigliamo di scaricare l’eBook gratuito di LiquidityX. Se vuoi imparare ad utilizzare come un vero trader professionista questa strategia, non dovrai far altro che seguire i consigli che troverai all’interno di questo eBook e ottimizzare al meglio le tue operazioni. 

Clicca qui per scaricare l'eBook gratuito di LiquidityX

FAQ

Cosa sono i Pivot Point?

Si tratta di valori da inserire nel grafico che indicano livelli di resistenza (massimo) o di supporto (minimo). La loro entità varia a seconda del Timeframe utilizzato.

Come fare Trading con i Pivot Point?

Quando il prezzo si avvicina ad un Pivot, bisognerà valutare la rottura o il rimbalzo. Di conseguenza, apriremo rispettivamente una posizione Long o Short.

Il nostro voto
Clicca per lasciare un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Alessandro

Alessandro Rutar è un appassionato di scrittura, economia e mercato azionario, con una fervida passione per l'analisi finanziaria. Costantemente aggiornato sulle dinamiche del mondo della borsa, ha dedicato anni alla scrittura per le principali riviste di finanza, condividendo le sue conoscenze e esperienze. La sua capacità di interpretare i movimenti del mercato azionario e tradurli in articoli informativi e analitici lo ha reso una figura autorevole nel settore. Grazie alla sua esperienza e alla sua padronanza dei concetti finanziari, Alessandro è riconosciuto come un punto di riferimento per gli investitori che cercano consigli e approfondimenti affidabili per orientarsi nel complesso mondo della finanza.

Lascia un Commento