Strategie

Strategia cfd esplosione di volatilità delle bande di Bollinger

Fare trading in Borsa con i cfd richiede metodo, dedizione e pazienza. Ma rilassati, perché si tratta di virtù che si possono acquisire, la voglia e la determinazione possono facilmente derivarti dalla consapevolezza che stai inseguendo un unico grande obiettivo: quello di fare profitti soddisfacenti con costanza nel tempo. I cfd possono essere una grande scorciatoia per raggiungere la tua libertà economica, non si tratta di un traguardo che puoi raggiungere da un giorno all’altro, ma se non muovi il primo passo, la meta resterà sempre alla stessa distanza.

Migliori piattaforme per investire in Borsa

Broker Caratteristiche Deposito Recensioni Apertura conto
Plus500 Una delle piattaforme leader in Europa, perfetta per fare trading in Borsa (servizio CFD) 100 dollari Recensione Iscriviti
Social Trading, CopyTrading 200 dollari Recensione Iscriviti
24 Option Notifiche di trading gratis. Formazione 1 a 1 200 dollari Recensione Iscriviti
Iq Option Demo gratuita illimitata, deposito minimo 10 euro 10 dollari Recensione Iscriviti
Markets.com Facilissima da usare, demo gratis, corsi gratis 100 dollari Recensione Iscriviti

Oggi vogliamo offrirti una strategia di Borsa che abbiamo testato personalmente e della quale abbiamo riscontrato l’assoluta efficacia. Questo metodo si basa semplicemente sull’utilizzo del grafico a candele giapponesi, il più utilizzato in assoluto nel campo del trading online con qualsiasi strumento finanziario. È incredibile quale possa essere il potere di questi “semplici” segni tracciati sul grafico, saperli leggere non è particolarmente difficile, ma le informazioni che si possono carpire sono veramente molte e ti offrono una grossa mano per investire.

Dopo questa premessa, veniamo al dunque. Per ottenere guadagni considerevoli operando sulla borsa o su altri mercati finanziari con i cfd i migliori traders al mondo, così come i meno esperti, sono chiamati ad adottare strategie di investimento. Il mondo delle strategie per il trading online fortunatamente è molto variegato e vi è ampia possibilità di scelta tra le varie tecniche da seguire. Oggi stiamo per proportene una che si basa su un indicatore tecnico di facile lettura: le bande di Bollinger. Per quanto questa espressione possa sembrarti astrusa, non perdere il prosieguo dell’articolo perché stiamo per illustrarti ogni aspetto di tale strategia con semplicità ed attenzione ai dettagli, proprio per un pubblico alle prime armi.

Strategia cfd esplosione di volatilità delle bande di Bollinger: intuitiva ed efficace

L’analisi tecnica sui grafici di prezzo è la base quasi per tutte le strategie di trading. Come già saprai per operare sui mercati una funziona fondamentale è svolta dal grafico, che non è altro che una rappresentazione visiva dell’andamento del prezzo, delle sue oscillazioni, delle sue tendenze e del comportamento di chi vende e di chi compra. Tra gli indicatori tecnici un posto di assoluta rilevanza è occupato proprio dalle bande di Bollinger, uno degli indicatori più utilizzati in assoluto dai trader per le sue potenzialità e la sua precisione nella lettura delle situazioni di mercato.

Le bande di Bollinger offrono utili informazioni ai fini dell’investimento in Borsa. Certo va ricordato che l’analisi tecnica per quanto efficace, non è una scienza esatta, non è in grado di prevedere perfettamente cosa sta per accadere ad un prezzo, ma semplicemente offre segnali operativi che si verificano nella maggior parte dei casi. Proprio per questa ragione è fondamentale che venga utilizzata nel trading online sui cfd.

John Bollinger e l’efficacia delle sue bande

Le bande di Bolinger sono un indicatore in grado di fornire sia segnali di acquisto che di vendita. Inoltre le bande di Bollinger offrono utili indicazioni anche sulla volatilità sul mercato, questi dati possono essere sfruttati con successo sia nel caso del trading intraday, che del multiday di medio termine, tutto starà alle attitudini del trader. John Bollinger non ha certo bisogno di presentazioni: a lui si devono molte delle intuizioni che a pieno titolo possono entrare nella nostra ideale enciclopedia dell’analisi tecnica; a lui, tra le altre, si deve la creazione delle famose ”bande” che portano appunto il suo nome e di cui ci accingiamo a trattare.

Come funzionano le bande

Le bande di Bollinger sono essenzialmente delle medie mobili il cui movimento si basa semplicemente sulla volatilità del mercato. Per ragioni di completezza riportiamo il metodo di calcolo delle bande di Bollinger, ma tu puoi anche scegliere di ignorarlo se preferisci perché esso no n influirà sull’utilizzo della strategia.

Il calcolo delle bande viene effettuato partendo dal riferimento di una media mobile a 20 periodo (non a caso la media mobile è alla base di numerosi indicatori di trading), a questa media viene sottratto ed aggiunto il valore della deviazione standard, questo stesso valore viene in seguito moltiplicato per un fatto che solitamente è 2. Le bande di Bollinger che si visualizzano sul grafico sono 3. La banda superiore viene calcolata aggiungendo la variazione standard, mentre la banda inferiore si ottiene sottraendo la deviazione standard, il tutto sempre partendo dalla media mobile a 20 periodi di cui sopra.
Se su un grafico di prezzo inserisci le bande di Bollinger avrai:

  • Banda superiore: che indica la zona di iper comprato, ovvero un’area in cui il prezzo del titolo è in eccesso di rialzo.
  • Banda inferiore: che indica una zona di iper venduto, ovvero un’area in cui il prezzo del titolo è in eccesso di ribasso.
  • Banda centrale: non è altro che la media mobile a 20 periodi che è servita per il calcolo delle bande.

bande di bollinger

Strategia cfd esplosione di volatilità delle bande di Bollinger: la volatilità

Accenniamo brevemente al concetto di volatilità per capire la sua importanza nel trading sui cfd. Quello di volatilità è un concetto strettamente legato a quello di andamento dei prezzi. Per volatilità in generale si intende: la velocità, l’instabilità di movimento dei prezzi.

Alta volatilità: un mercato è considerato altamente volatile quando è caratterizzato dalla instabilità, i prezzi vi si muovono in velocità creando numerose occasioni profittevoli per gli investitori.

esplosione volatilità bande di bollinger

Bassa volatilità: un mercato è considerato bassamente volatile quando i prezzi vi si muovono con meno agilità e le condizioni del mercato risultato piuttosto statiche. Un mercato di questo tipo difficilmente genera buone occasioni di trading.

contrazione volatilità bande di bollinger

Al fine di misurare la volatilità dei prezzi su un mercato esistono degli indicatori che ce ne danno un valore come ad esempio proprio le bande di Bollinger, oppure anche l’ATR specificamente studiato per mostrare la volatilità.

La volatilità se alta in un mercato può diventare come un’arma a disposizione dei traders, ma solo se usata nel modo giusto. Se pensiamo al mercato Forex la volatilità tocca i suoi picchi di intensità quando le maggiori borse al livello mondiale aprono contemporaneamente. Quando, in certi momenti delle giornate di contrattazione, gli orari di apertura delle borse di Londra, New York, Tokyo, Sidney, vengono a sovrapporsi si creano ottime opportunità di trading. Si tratta senza dubbio di alcuni dei momenti di maggiore volatilità, ma anche liquidità (quantità di denaro in circolo) dei mercati.

La volatilità è generalmente caratterizzata da persistenza: ciò significa che la volatilità che c’è stata nel giorno precedente molto probabilmente continuerà anche nel giorno successivo. Quindi se in un giorno X la volatilità è stata alta è molto probabile che il giorno dopo essa continuerà allo stesso modo, questa cosa accade anche in caso di bassa volatilità. La volatilità è caratterizzata dal fatto di essere ciclica. Ciò significa che si muove rispetto a moti prestabiliti, picchi e cadute, che la rendono prevedibile, è per questo che molte strategie di trading si basano su di essa.
Ma come possono le bande di Bollinger esprimere la volatilità?

Per capire quale sia la volatilità di un mercato basta osservare la banda superiore e quella inferiore. Se la distanza tra di loro aumenta significa che in quel momento la volatilità sul mercato è molto forte. Invece quando la distanza tra la banda superiore e quella inferiore diminuisce sia ha una contrazione della volatilità. Quando si verifica un forte avvicinamento delle bande esterne dell’indicatore, questo dato è molto importante perché prelude ad una esplosione della volatilità sul mercato.

Questo fatto a sua volta ti indica che i prezzi stanno per essere caratterizzati da una forte direzionalità, rialzista o ribassista. Ovviamente bisogna saper discernere le cose: nelle ore notturne sul già citato mercato Forex si assiste sempre ad una contrazione della volatilità, ma semplicemente perché non ci sono investitori attivi sui mercati.

Come abbiamo già anticipato le bande di Bollinger ti mostrano anche quando il prezzo è in fase di iper comprato o iper venduto. Ma come si opera in questi casi?

Entrata a mercato short: puoi posizionarti a mercato short nel momento in cui noti che il prezzo è a ridosso della banda superiore dell’indicatore, in quel caso il mercato si trova in iper comprato ed i prezzi non potranno che calare di li a poco.

segnale short bande di bollinger

Entrata a mercato long: puoi posizionarti a mercato long nel momento in cui noti che il prezzo è a ridosso della banda inferiore dell’indicatore, ciò significa che il mercato è in iper venduto ossia in eccesso di ribasso, le forze contrarie del mercato stanno per spingere il prezzo al rialzo in breve tempo.

segnale long bande di bollinger

Ovviamente anche le bande di Bollinger possono essere caratterizzate da falsi segnali, per questa ragione è altamente consigliato l’utilizzo accanto a questo indicatore di un ulteriore segnale derivante, o dall’analisi candlesticks (soprattutto se intendi operare su base daily) oppure dall’oscillatore RSI. Se i dati dei due indicatori combaciano allora le probabilità di essere caduto in una delle trappole del mercato è pressoché irrisoria e puoi intascare i tuoi profitti in tranquillità.

Conclusioni

Se hai intenzione di imparare bene questa strategia, puoi utilizzarla per investire in Borsa ed ottenere grandi risultati, ma d’altro canto non trascurare mai gli aspetti del money management. Sfrutta i segnali di trading provenienti dalle bande di Bollinger, ma posizionati sempre con uno stop loss ben piazzato in modo da non causare mai perdite che eccedano il 5% del capitale totale a tua disposizione. Se tu decidessi di non rispettare questa regola basterebbero pochi investimenti in perdita per causare l’azzeramento del tuo capitale di trading, non sottovalutare mai il rischio, ma opera affinchè tu possa mantenere intatto il tuo capitale e guadagnare sempre.

Sull'autore

Redazione

Lascia un Commento