Guida

Nick Leeson | Tutti i segreti del Trader Canaglia

In questa guida parleremo di Nick Leeson, uno dei primi trader inglesi a negoziare con contratti derivati e futures.

Durante la sua carriera Leeson ha messo in piedi investimenti estremamente azzardati e il suo agire al di là delle regole e senza autorizzazione, l’hanno condotto in un vortice di perdite incontrollate.

I suoi tentativi di recupero e lo stress psicologico di tenere tutto nascosto, cercando di recuperare al rialzo, non hanno fatto altro che peggiorare le cose.

Dopo che con le sue azioni ha portato al fallimento la Barings Bank, la più vecchia e prestigiosa banca del Regno Unito, Leeson è stato arrestato e condannato a 6 anni.

Oggi la storia di Nick Leeson continua ad essere un ottimo monito per qualunque trader. Dimostra che mantenere il giusto mindset è essenziale, perché scegliere strumenti altamente redditizi non basta, se poi si perdono completamente la lucidità e il controllo nella gestione del rischio.

Nick Leeson gli investimenti

Nicholas Leeson, meglio noto come Nick Leeson, è nato a Watford nel 1067. Subito dopo il diploma ha ottenuto il suo primo lavoro come semplice impiegato d’ufficio alla Coutts, una banca privata.

Nel giro di 2 anni è passato alla Morgan Stanley dove ha lavorato con successo, utilizzando principalmente strumenti di investimento tradizionali.

Successivamente è stato assunto dalla Barings Bank dove ha iniziato ad utilizzare i primi rudimentali strumenti di trading.  Nel 1992 Leeson è stato nominato manager e incaricato di gestire Futures sul Mercato di Singapore per conto di Barrings Bank.

Durante il suo primo anno di lavoro al SIMEX (Singapore International Monetary Exchange), il suo approccio fortemente speculativo e alcuni investimenti riusciti, gli hanno permesso di mettere su un bel capitale.

Ormai convinto delle proprie capacità e non contento dello stipendio di $50.000 e premi annuali da $150.000 erogati dalla Barings, ha iniziato ad agire al di fuori dalle direttive bancarie e all’insaputa dei suoi superiori.

I problemi e i primi debiti non sono tardati ad arrivare, e le prime 20.000 sterline di debito accumulate sono state accuratamente archiviate, in una cartella denominata Error 88888.

Nessuno dei suoi superiori si era accorto dell’ammanco e Leeson ha continuato ad operare in modo sempre più rischioso, per cercare di “recuperare il danno” prima che qualcuno lo scoprisse.

Alla fine del 1994 i debiti registrati nella cartella Error 88888 erano passati da 20 a 208 mila sterline, e anziché spiegare tutto ai suoi superiori Leeson tenta il tutto per tutto, puntando sulla stabilità del mercato asiatico.

Il terremoto di Kobe del gennaio 1995 rade al suolo parte dell’Asia ed anche le speranze di Leeson di poter sistemare cose, ed ancora una volta ignora la possibilità di chiedere aiuto, scegliendo di mettere in piedi investimenti ancora più disperati e straordinariamente rischiosi.

Questa volta scommette su una rapida ripresa dei mercati, un altro buco nell’acqua che lo mette definitivamente con le spalle al muro. A quel punto scappa, lasciando una nota sulla sua scrivania in cui scrive semplicemente “Mi dispiace”.

La fuga di Leeson rivela un debito accumulato di ben 827 milioni di sterline, che determina il fallimento Barrings Bank e il suo successivo riacquisto dalla Banca olandese ING, al prezzo simbolico di £1.

Cosa è cambiato dopo Nick Leeson

Nick Leeson non rientra tra i migliori investitori, per il suo approccio deontologicamente scorretto e per la completa assenza di una corretta gestione del rischio.

Ma la sua esperienza ha permesso sia di alzare l’asticella a livello di sicurezza sui mercati, sia a livello di consapevolezza su quanto lo stress psicologico possa influire e far danni nelle scelte di un trader.

Oggi enti di vigilanza come l’ESMA garantiscono che quanto fatto da Leeson non possa ripetersi. L’operato dei Broker deve essere infatti svolto nel rispetto della legge e per questo viene sottoposto a specifici controlli ideati per impedire i tentativi di frode.

Per far fronte al carico psicologico che può portare i trader e i gestori di investimenti a “giocare d’azzardo” e ignorare tutte le regole per una corretta gestione del rischio, sono state invece ideate nuove soluzioni tecnologiche, che permettono di ridurne l’overload informativo.

Aziende di software come WallStreet hanno messo a punto sistemi automatizzati in grado di ridurre il caos del trading floor ed agevolare l’attività di chi investe per conto di terzi.

Il software proposto da WallStreet incrocia informazioni finanziarie in tempo reale e database degli investitori, e genera una lista di riconttato con tutti i clienti impattati da nuova raccomandazione.

Insomma anche una debacle commerciale come quella di Nick Leeson, ha dato modo di creare nuovi strumenti e modalità per fare trading con maggiore consapevolezza e protezione.

Bibliografia su Nick Leeson

Dopo la fuga tra Malaysia, Brunei e Germania Nick Leeson e stato arrestato e condannato a 6 anni e mezzo di carcere, con l’accusa di frode e manomissione di documenti.

Con una diagnosi di cancro al Colon e dopo aver scontato solo 3 anni di detenzione, Leeson è stato rilasciato ed è tornato nel Regno Unito.

Sopravvissuto alla malattia e con l’aiuto della prima moglie, ha pubblicato la sua autobiografia The Rogue Trader (1996) da cui è stato tratto anche il film omonimo.

Dopo la scoperta dei suoi tradimenti con numerose donne Geisha, la prima moglie ha chiesto il divorzio e il trader canaglia si è trovato a dover rimettere in piedi la sua vita per l’ennesima volta.

Dopo un secondo matrimonio, numerosi inviti come ospite a trasmissioni di finanza in TV, un lavoro come General Manager presso la squadra di calcio Galway United Nick ed una Laurea in Psicologia, Leason ha pubblicato il suo secondo libro: Back from the Brink: Coping with Stress (2005).

Questo secondo volume riprende la storia della sua vita esattamente da dove l’aveva interrotta in Rogue Trader, e insieme allo psicologo Ivan Tyrrell approfondisce il tema del carico di stress a cui è sottoposto un trader e degli effetti fisici e mentali che ne possono derivare.

nick leeson info

La strategia di Nick Leeson

Una strana combinazione tra il non essere scoperto e la spinta ad andare all-in su investimenti sempre più rischiosi per cercare di recuperare il danno, hanno portato Leeson a perdere di vista tutti i buoni propositi che un trader dovrebbe rispettare. Soprattutto se il denaro che gestisce non è il proprio.

Si è comportato come un trader estremamente emotivo, ed ha iniziato a investire:

  • contro le regole e direttive della banca per cui lavorava
  • senza seguire una precisa strategia
  • puntando solo su investimenti ad altissimo rischio e senza diversificare

Il risultato delle azioni che ha messo in atto sono state: un debito di oltre 800 milioni di sterline a cui ovviamente non è stato in grado di far fronte, il fallimento di una banca storica ed una condanna alla reclusione.

Strategia alternativa

Inutile dire che la strategia e le scelte di Nick Leeson non sono di certo da prendere ad esempio, ma noi di InvestireIn Borsa vogliamo fare qualcosa in più.

Vogliamo fornirvi tutti gli strumenti per entrare nel mondo degli investimenti, con la massima sicurezza e il miglior profitto, evitando che perdiate la testa e tutto il vostro denaro con investimenti inutilmente rischiosi.

Il primo passo da fare per creare una strategia chiara ed ottenere i risultati migliori, è acquisire il giusto mindset e le giuste competenze attraverso lo studio e la pratica.

Soprattutto per chi è alle prime armi, il primo passo è iniziare a studiare i migliori corsi di trading per principianti.

Noi della redazione vi consigliamo di dare subito un’occhiata al l'ebook di OBRinvest, un corso in PDF completo e totalmente gratuito.

Ecco il link per scaricare il Corso eBook Gratuito di OBRinvest

Prima di accedere alle piattaforme dei migliori broker vi consigliamo inoltre di fare molta pratica sulla piattaforma demo di OBRinvest, un altro strumento essenziale per mettersi alla prova e verificare se si è pronti ad operare come un vero trader.

Vi ricordiamo infine che oltre al corso e le quotazioni dei titoli in tempo reale, la piattaforma di OBRinvest mette a disposizione:

  • assistenza e supporto degli operatori
  • segnali di trading

I segnali di trading sono indicazioni da parte di trader esperti, che notificano quando un titolo diventa particolarmente interessante. OBRinvest è l’unica piattaforma a fornire gratuitamente questo utilissimo servizio ai propri clienti.

Magari la cartella Error 88888 non sarebbe neanche esistita se Nick Leeson avesse sfruttato il supporto di professionisti, come quelli messi a  disposizione da OBRinvest.

A questo punto avete tutto il necessario per iniziare a fare trading in modo sicuro e professionale. Una volta certi delle vostre competenze, basterà un deposito minimo di 250€, per passare al passare al conto reale e iniziare a fare profitti!

Ecco il link per accedere alla piattaforma demo di OBRinvest!

Conclusioni

In questa guida abbiamo visto chi è Nick Leeson e la facilità con cui anche un trader esperto rischia di perdere, soldi se smette di seguire le regole.

Abbiamo esaminato la sua strategia influenzata da perdite nascoste che lo ha portato a scommette su investimenti sempre più azzardati.

Infine abbiamo fornito una strategia alternativa accessibile a tutti, oltre a numerosi strumenti gratuiti per iniziare a fare trading nel migliore dei modi.

Ecco il link per accedere alla piattaforma demo di OBRinvest su cui far pratica ed acquisire il giusto mindset per investire!

Ecco il link per scaricare la piattaforma demo gratuita di OBRinvest!

Il nostro voto
Clicca per lasciare un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Lascia un Commento

hello world