Strategie

Money Management: Cos’è e come funziona nel trading?

In questa guida offriremo una spiegazione chiara sul Money Management, un eccellente metodo di gestione del denaro applicato al mondo del trading.

Prima ancora che considerare strategie di investimento vere e proprie, è opportuno comprendere come gestire il denaro nella fase di investimento. Ecco perché la nostra redazione ha deciso di fornire una panoramica esaustiva sul Money Management; partiamo proprio da una tabella con le informazioni generali:

🥇 Metodo Money Management
🎯 Finalità Gestione del denaro
📊 Applicazione Trading online
👍 Per approfondire Ebook di LiquidityX

🔽SUGGERIMENTO🔽

Possiamo approfondire tutti i concetti legati a questa disciplina grazie all’ottimo Ebook in PDF offerto da LiquidityX. Una guida digitale perfetta per i principianti, ricca di esempi pratici, dove studiare le basi del trading ed imparare ad investire senza errori.

Questo Ebook è completamente gratuito e per richiederlo basterà completare la registrazione, inserendo una email valida. Senza dubbio è il primo passo per comprendere al meglio le potenzialità di questa metodologia:

Clicca qui per scaricare l'Ebook gratuito di LiquidityX

Cos’è il Money Management?

Il Money Management è un approccio strategico al trading che mira a minimizzare il rischio e a massimizzare i rendimenti. Implica la definizione di regole rigorose sulla quantità di denaro che ci si può permettere di perdere in ogni operazione e il rispetto di tali limiti.

Come vedremo, la gestione del denaro implica anche controllare le proprie emozioni durante il trading. Ciò significa non lasciare che le emozioni prevalgano sulle decisioni di trading e attenersi al proprio piano anche quando le cose vanno contro di noi.

Regole per fare Money Management

Ci sono diverse tecniche e regole di money management che i trader possono utilizzare per gestire il proprio portafoglio di investimento. Ecco alcune delle strategie più comuni:

  • Diversificazione del portafoglio: gli investitori dovrebbero diversificare il proprio portafoglio di investimento, scegliendo una varietà di asset diversi, come azioni, obbligazioni, materie prime e criptovalute. In questo modo, si riduce il rischio di perdita dovuto alla volatilità del mercato.
  • Limitazione delle perdite: i trader dovrebbero porsi un limite massimo di perdite per ciascun investimento. In questo modo, si evita di subire una perdita eccessiva e si limita il rischio complessivo del portafoglio.
  • Utilizzo di stop loss: gli investitori possono utilizzare gli ordini stop loss per limitare le eventuali perdite nelle operazioni aperte. L’ordine stop loss consente di vendere automaticamente un asset quando raggiunge un determinato prezzo stabilito dal trader.
  • Utilizzo di margini: il margin trading consente ai trader di negoziare con maggiori quantità di denaro rispetto a quello disponibile nel loro account. Sebbene il margin trading possa aumentare i profitti, aumenta anche il rischio di perdita. I trader dovrebbero utilizzare il margin trading con cautela e fare attenzione alle posizioni aperte.

Nel paragrafo successivo, vedremo come realizzare nell’atto pratico queste strategie. 

Come si fa il Money Management nel trading?

Per realizzare un’ottima strategia di Money Management, dovrai adottare una pratica ben precisa. Ecco una guida passo a passo che dovrai seguire:

  1. Determina il tuo capitale di trading: Questo è il denaro che utilizzerai per investire e fare trading. Assicurati di utilizzare solo denaro che puoi permetterti di perdere.
  2. Imposta la tua percentuale di rischio: Decidi quanto sei disposto a rischiare in ogni operazione. Si consiglia di non rischiare più del 1-2% del tuo capitale di trading in ogni operazione.
  3. Stabilisci la tua strategia di uscita: Imposta uno stop loss (una soglia di protezione per limitare le tue perdite) e un take profit (una soglia di guadagno). In questo modo, puoi limitare le tue perdite e massimizzare i tuoi guadagni.
  4. Diversifica il tuo portafoglio: Diversifica il tuo portafoglio investendo in diversi asset come azioni, obbligazioni, materie prime e criptovalute. Così ridurrai il rischio complessivo di perdita del tuo portafoglio di trading.
  5. Utilizza l’effetto leva con cautela: L’utilizzo dell’effetto leva può aumentare i profitti, ma anche il rischio di perdita. Usa l’effetto leva con cautela e non investire mai più di quanto puoi permetterti di perdere.
  6. Monitora costantemente le tue operazioni: Se vedi che una posizione sta andando contro di te, chiudila immediatamente. Non rimanere in una posizione troppo a lungo se non sta dando i risultati sperati.
  7. Pianifica gli obiettivi di profitto: Pianifica obiettivi di profitto realistici per il trading a breve, medio e lungo termine. In questo modo, eviti di assumere troppi rischi e massimizzi i tuoi guadagni.

Dove imparare a fare Money Management?

Per imparare a fare Money Management ti servirà molto più di questa guida e di qualche nozione. Per questo, noi di Investireinborsa.me, ti presentiamo un’ottima soluzione per approfondire l’argomento e imparare a fare Money Management come un vero professionista. 

Stiamo parlando dell’eBook gratuito di LiquidityX, focalizzato proprio su questo argomento. Al suo interno troverai:

  • Esempi pratici di money management
  • Consigli degli esperti
  • Regole e nozioni su come realizzare questa strategia al meglio

La guida è gratuita ed è adatta a tutte le tipologie di trader, dai più principianti agli esperti, così che tutti possano capire a fondo l’importanza di questa pratica e ottimizzare al massimo le loro operazioni. Ecco il link per scaricare l’eBook in pochi step e iniziare fin da subito la tua formazione:

Clicca qui per scaricare l'eBook gratuito di LiquidityX

Come calcolare un buon Money Management?

Per calcolare un buon Money Management dovrai far tesoro dei passaggi che ti abbiamo precedentemente elencato e dovrai prestare attenzione ad alcuni parametri fondamentali che li riguardano. In generale, ecco come calcolare un buon Money Management:

  • Stabilisci il tuo capitale di trading: il primo passo è stabilire il tuo capitale di trading, ovvero la quantità di denaro che hai a disposizione per investire.
  • Imposta la percentuale di rischio: il secondo passo è impostare la percentuale di rischio per ogni operazione di trading. Si consiglia di non rischiare più del 1-2% del tuo capitale di trading in ogni operazione.
  • Calcola la dimensione della posizione: una volta che hai impostato la tua percentuale di rischio, puoi calcolare la dimensione della posizione. Per fare ciò, devi determinare lo stop loss per la tua posizione e poi calcolare la dimensione della posizione in modo tale da limitare la perdita massima alla tua percentuale di rischio.

Vediamone un esempio pratico:

Esempio di calcolo del Money Management

Ad esempio, supponiamo che tu abbia un capitale di trading di $10.000 e decidi di rischiare il 2% del tuo capitale in ogni operazione. Questo significa che la tua soglia di rischio per ogni operazione è di $200.

Se vuoi acquistare azioni di una società a $100 l’azione, e decidi di impostare uno stop loss a $90, il tuo rischio sulla posizione sarebbe di $10 per azione ($100 – $90), che corrisponde al 10% del prezzo dell’azione.

Per limitare la tua perdita massima alla tua percentuale di rischio del 2%, dovresti quindi acquistare 20 azioni (20 x $10 = $200), ciò significa che il tuo rischio per questa operazione è limitato a $200.

Per massimizzare i tuoi profitti e minimizzare le tue perdite, puoi anche impostare un take profit, ad esempio a $120 per azione. In questo modo, se il prezzo delle azioni raggiunge il tuo take profit, guadagnerai $400 sulla tua posizione (20 azioni x $20 di guadagno per azione).

Quali sono i diversi tipi di Money Management?

Esistono due tipi principali di gestione del denaro: il criterio frazionario fisso e il criterio di Kelly.

La gestione del denaro a frazione fissa prevede l’investimento di una percentuale fissa del saldo del conto in ogni operazione. Ad esempio, se avete un saldo del conto di 10.000 dollari e investite il 5% per ogni operazione, investirete 500 dollari per ogni operazione.

Il criterio di Kelly è un approccio più aggressivo che prevede l’investimento di una certa percentuale del saldo del conto in base al livello di fiducia nell’operazione. Ad esempio, se il saldo del conto è di 10.000 dollari e si ha l’80% di fiducia in un’operazione, si può investire l’8% del saldo del conto, ovvero 800 dollari.

Quale approccio di gestione del denaro è il migliore?

Non esiste una risposta giusta o sbagliata quando si tratta di scegliere un approccio di gestione del denaro. Dipende dalla vostra tolleranza al rischio e dai vostri obiettivi di investimento.

Se siete disposti ad assumervi più rischi, allora è meglio utilizzare il criterio di Kelly. Se invece siete avversi al rischio, allora l’approccio del frazionale fisso potrebbe più adatto.

Money Management e Stop Loss

Una delle cose più importanti da fare quando si fa trading è impostare un ordine di stop loss. Si tratta di un ordine di vendita di un titolo quando raggiunge un determinato prezzo. 

Gli ordini di stop-loss servono a limitare le perdite. Impostandolo, potete proteggervi dal rischio di perdere troppo denaro in una singola operazione. Esistono due tipi principali di ordini di stop-loss:

  • Gli ordini di stop-loss assoluti sono piazzati a un prezzo fisso. Ad esempio, se acquistate un’azione a 100 dollari, potreste inserire un ordine assoluto a 90 dollari. Ciò significa che se il titolo scende a 90 dollari l’ordine sarà attivato e la posizione sarà venduta.
  • Gli ordini di trailing stop-loss vengono piazzati a un prezzo inferiore al prezzo di mercato corrente. Il prezzo si sposta verso il basso man mano che il prezzo del titolo scende. Ad esempio, se si acquista un’azione a 100 dollari e questa scende a 90 dollari, l’ordine scatta e la posizione viene venduta.

Money Management e Take Profit

Oltre agli ordini di stop-loss, un altro strumento importante per la gestione del rischio è rappresentato dagli ordini di take-profit. Gli ordini di take-profit vengono utilizzati per bloccare i profitti quando il prezzo di un titolo raggiunge un determinato livello.

Gli ordini di take-profit vengono solitamente piazzati a un prezzo superiore a quello attuale del mercato. Ad esempio, se acquistate un titolo a 100 dollari e questo sale a 120 dollari, potreste piazzare un ordine take-profit a 130 dollari. Ciò significa che se il titolo raggiunge i 130 dollari, l’ordine scatta e la posizione viene venduta.

Come per gli ordini di stop-loss, non esiste un momento ideale per utilizzare un ordine di take profit. Dipende dalle circostanze individuali e dagli obiettivi di investimento. Tuttavia, gli ordini take profit possono possono essere utilizzati per bloccare i profitti e proteggersi dalle perdite in caso di ribasso del prezzo di un titolo.

Quali sono gli errori più comuni di gestione del denaro?

La gestione del denaro è un aspetto critico del trading e gli errori di gestione del denaro possono portare a perdite significative. Tra gli errori più comuni che un trader può commettere rientrano: 

  • Non avere un piano di gestione del denaro: il più grande errore che puoi fare è quello di non avere un piano di gestione dei fondi. Senza un piano, non sei in grado di limitare il rischio o massimizzare i profitti.
  • Rischiare troppo in una singola operazione: un altro errore comune è quello di rischiare troppo in una singola operazione. Questo può portare a grandi perdite in caso di un movimento improvviso del mercato.
  • Non impostare uno stop loss: non impostare uno stop loss significa non avere un limite di perdita massima per una posizione. Ciò significa che le tue perdite potrebbero essere molto maggiori di quanto avresti voluto se il mercato si muove in modo sfavorevole.
  • Non diversificare il tuo portafoglio: concentrarsi su un solo asset o settore può aumentare il rischio. Diversificare il tuo portafoglio di trading può proteggere il tuo capitale e ridurre il rischio globale.
  • Essere influenzati dalle emozioni: prendere decisioni di trading basate sull’emozione piuttosto che sulla logica può portare a scelte sbagliate. Le emozioni come la paura, l’avidità e l’euforia possono spingerti a fare scelte irrazionali che danneggiano il tuo portafoglio.

Tutti questi errori possono essere evitati seguendo alcune semplici regole di Money Management. Avendo un piano chiaro e attenendosi ad esso, si può evitare di prendere decisioni impulsive che possono portare a grosse perdite.

Pro e contro del Money Management

Come abbiamo detto più volte lungo il corso della guida, se non si gestisce correttamente il proprio denaro, si rischia di far “esplodere” rapidamente il proprio conto e di essere costretti a uscire dal mercato.

Data la crescente importanza di questa pratica, per concludere questo articolo ti presentiamo una lista dei pro e dei contro del Money Management:

PRO

  • Riduce il rischio di rovina
  • Massimizza i profitti
  • Gestisce le emozioni durante il trading
  • Consente di effettuare un maggior numero di operazioni di successo

CONTRO

  • Può portare a perdere opportunità
  • Può richiedere molto tempo
  • Richiede disciplina

Inoltre, se siete alle prime armi con il trading, è essenziale che impariate a gestire il denaro prima di rischiare un capitale. Infatti, anche il miglior sistema di trading del mondo non vi farà ottenere buoni risultati se non gestite correttamente il rischio e il vostro capitale.

money management

Note finali

Quando si parla di money management, non esiste un approccio unico per tutti. Dipende dalle circostanze individuali e dagli obiettivi di investimento. Tuttavia, seguendo alcune semplici regole, è possibile evitare di commettere gli errori più comuni che possono portare a grandi perdite.

Anche la diversificazione del portafoglio è importante per ridurre il rischio di perdere denaro in un singolo investimento. E infine, stabilire regole chiare per prendere profitti e ridurre le perdite per evitare che le emozioni prendano il sopravvento. Per approfondire tutti questi aspetti è utile leggere l’Ebook di LiquidityX ed imparare ad investire senza errori:

Piattaforma: liquidityx
Deposito Minimo: 250€
Licenza: Cysec
  • Corso gratuito
  • Trading Central
  • REGISTRATI
    1star 1star 1star 1star 1star

    Leggi anche:

    FAQ

    Perché il money management è importante?

    La gestione del denaro è un termine generico che comprende tutti gli aspetti della responsabilità finanziaria. La comprensione e la padronanza della gestione del denaro sono fondamentali per la stabilità finanziaria e per una strategia di trading efficace.

    Qual è la regola più importante della gestione del denaro?

    Regola d’oro: non spendere più di quanto si guadagna. Se spendete sempre meno di quanto guadagnate, le vostre finanze saranno sempre in buona salute. Comprendete la differenza tra bisogni e desideri, vivete nei limiti del vostro reddito e non contraete debiti inutili. Vale nella vita così come nel trading.

    Il nostro voto
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Sull'autore

    Alessia Colucci

    Alessia Colucci, laureata in economia nel 2023, ha sviluppato negli anni una fervente passione per gli investimenti. Fin dai primi mesi accademici, ha iniziato a dedicarsi al mondo finanziario, acquisendo una notevole esperienza nei mercati. La sua sete di conoscenza l'ha spinta a divorare libri su ogni aspetto economico del settore, contribuendo così a consolidare le sue competenze. Oggi, anche grazie alla sua profonda conoscenza di questo ambito, Alessia è riuscita ad unire la sua passione per la scrittura alla sua expertise economica. La sua abilità nel tradurre concetti complessi in linguaggio accessibile le consente di redigere guide professionali per investitori di ogni livello, per aiutarli ad operare al meglio.

    Lascia un Commento