Guida

Investire in Russia: Azioni, ETF e obbligazioni

La Russia non è mai stato il paese più semplice da capire. Winston Churchill ha descritto il paese come un “enigma, avvolto in un mistero all’interno di un rompicapo” e oggi molti investitori condividono il suo punto di vista. Investire in Russia può essere redditizio, ma bisogna capire come fare.

AVVISO: Al momento della scrittura, la guerra tra Russia ed Ucraina è ancora in corso. Pertanto manterremo le informazioni generali per poi aggiornare il contenuto al termine del conflitto, data l’imprevedibilità dello stesso.

È ancora difficile per molti investitori scuotere i loro ricordi dell’era sovietica. Tuttavia, in Russia è ancora possibile generare rendimenti. Il trucco per gli investitori è comprendere le opportunità della Russia e i suoi rischi.

🎯 Nazione Russia
💰 PIL $1.480 Mrd
📈 PIL Pro Capite $10.120
⭕ Borsa finanziaria Mosca
Investire in Russia

Un suggerimento iniziale? Il broker eToro offre una vasta scelta di azioni ed ETF legati alla Russia, con possibilità di creare un portafoglio di investimento professionale e diversificato. Bastano 50 euro per attivare un conto e gli standard di sicurezza sono tra i più elevati in assoluto:

Clicca qui per aprire subito un conto di investimento con eToro

Come investire in Russia?

La Russia è due volte più grande dei contigui Stati Uniti, con una popolazione istruita e una ricchezza molto più grande di quanto ci si aspetterebbe di trovare in un’area vasta fino a 17 milioni di chilometri quadrati. Una nazione del genere non dovrebbe essere l’invidia del mondo, la sua superpotenza indiscussa?

Tuttavia, il prodotto interno lordo pro capite della Russia rimane impantanato in un 71esimo insignificante posto nel mondo (secondo i dati più recenti del FMI), molto inferiore rispetto agli input (livelli di alfabetizzazione, accesso al capitale) indicherebbe.

Nonostante questi forti squilibri ci sono delle interessanti opportunità per investire in Russia, offerte da asset tradizionali quali le azioni o gli ETF. Diamo uno sguardo approfondito ad ogni aspetto.

Azioni

Il mercato azionario russo è legato alle aziende a partecipazione statale, legate alle materie prime. Ecco quali sono le aziende più famose e negoziabili anche da piattaforme di investimento presenti in Italia:

  • Gazprom: colosso energetico russo fondato nel 1989, che porta avanti attività di estrazione, raffinazione, trasporto e vendita di gas naturale. La società è di proprietà del governo russo , come buona parte delle società energetiche di questo paese.
  • Lukoil: società energetica russa con sede a Mosca, specializzata in attività di estrazione, raffinazione, trasporto e vendita di petrolio, gas naturale e prodotti petroliferi raffinati.
  • Sberbank: grande banca russa di proprietà statale con sede a Mosca. La società era conosciuta come “Sberbank of Russia” fino al 2015 e commercia con molti paesi europei ed economie emergenti.
  • Yandex: società multinazionale russa specializzata in Internet e in nuove tecnologie, compreso il trasporto, la ricerca, i servizi informatici, l’e-commerce, la geolocalizzazione, le applicazioni mobili e la pubblicità online. 

Dove negoziare tutte queste interessanti azioni? Sicuramente su eToro, il Broker online che offre accesso al mercato azionario russo attraverso una piattaforma professionale e di alta qualità. Con soli 50 euro avremo modo di iniziare ad investire in queste aziende, dopo aver fatto pratica su un conto Demo gratuito:

Clicca qui per negoziare le migliori azioni russe su eToro

Indice Moex

Il Moex, il principale indice della borsa russa, è al rialzo da fine 2019 dopo un periodo di calo durato quasi 2 anni, i dati storici sono limitati visto che si tratta di un indice relativamente recente ma attualmente non ha un trend chiaro anche se il rialzo degli ultimi mesi fa ben sperare per il futuro.

Offre una soluzione ottimale per investire nel comporto azionario russo, diversificando l’investimento già in partenza. Suggeriamo di utilizzare i CFD, strumento finanziario derivato che ci permetterà di investire sul Moex con un click e comodamente online.

Suggeriamo questa opzione soprattutto per gli investitori alle prime armi, poiché avranno modo di iniziare ad investire in modo diversificato senza troppi rischi:

Clicca qui per negoziare il MOEX nella piattaforma di eToro

ETF

Ecco una soluzione ottimale per investire in Russia ed in generale nell’economia di una nazione: gli ETF. Questi fondi sono negoziabili online e permettono di accedere ad un portafoglio strutturato e ben diversificato, creato da professionisti del settore.

Sottoscrivendo 3 o 4 ETF ecco che il nostro portafoglio di investimento sarà già diversificato, un vantaggio notevole soprattutto per coloro che non sono ancora pratici con la borsa ed i mercati finanziari.

Quali sono i migliori ETF legati alla Russia? Ecco una lista completa:

  • Xtrackers Msci Russia
  • Lyxor Msci Russia
  • HSBC Msci Russia Capped

Suggeriamo di dare uno sguardo alla sezione ETF di eToro, tra le più complete in assoluto: oltre 240 Fondi sui quali investire. Ovviamente sono presenti anche ETF legati alla Russia, negoziabili online e con un investimento iniziale di soli 50 euro:

Clicca qui per vedere tutti gli ETF Russia negoziabili su eToro

Materie prime

Indipendentemente dalla fonte di energia, il governo russo controlla il mercato delle materie prime, con conseguenti profitti indicibili per la classe oligarchica della nazione.

Inter RAO, la principale utility elettrica della nazione, è di proprietà di un consorzio di imprese statali. L’idea che l’estrazione e la generazione energetica sia aperta alle imprese private, qualcosa di scontato negli Stati Uniti, è letteralmente un concetto estraneo in Russia.

La produzione di petrolio della Russia è in grado di competere solo con la sua produzione di gas naturale: è il leader mondiale in entrambi. La nazione produce 10 milioni di barili di greggio al giorno, attraverso diverse società. Il più grande di questi include:

  • Rosneft (LSE: ROSN)
  • Lukoil (LSE: LKOD)
  • Surgutneftegas (LSE: SGGD)

Ecco che negoziare petrolio, gas ed altre materie prime è un modo per seguire l’andamento dell’economia russa, fortemente correlate al prezzo delle commodity.

Clicca qui per negoziare le migliori materie prime su eToro

Obbligazioni

Nel corso degli ultimi anni, complice la crescita economica della Russia, anche i suoi Bond rientravano tra le migliori obbligazioni da comprare, con un rendimento annuale che superava il 5%.

Ad oggi non è possibile o comunque conveniente puntare sui Bond Russi, sono troppe le incertezze legate alla guerra in Ucraina. Non appena il normale svolgimento dei mercati finanziari sarà ripristinato, la nostra redazione analizzeremo i migliori Bond della Russia.

Investire in Russia: Pro e contro

Dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica del 1991, l’economia russa è andata meglio di quella della maggior parte delle altre 14 repubbliche minori dell’ex Unione Sovietica. (Gli stati baltici orientali occidentali di Lettonia, Estonia e Lituania, ora saldamente uniti come membri a pieno titolo dell’Unione europea , sono andati molto meglio economicamente.

Analizziamo vantaggi e svantaggi legati all’investimento in Russia, con una breve analisi per ogni aspetto.

Pro

  • Risorse naturali: l’economia russa, basata principalmente sull’estrazione delle Materie Prime, non è diventata una ricchezza significativa per i suoi 150 milioni di cittadini. Ufficialmente, la Russia ha abbandonato il comunismo decenni fa. Ma la realtà conta più delle etichette. Mentre la Russia post-sovietica gode apparentemente di un’economia di mercato, i suoi leader hanno ritenuto il suo settore energetico dominante, troppo cruciale per lasciar decidere ai capricci di acquirenti e venditori indipendenti. Petrolio, gas naturale, elettricità e altro sono sotto il controllo de facto del governo federale.
  • Settore energetico: numerose risorse naturali rappresentano la principale attrazione della Russia per gli investitori. Petrolio e gas svolgono un ruolo importante nell’economia russa in termini di produzione per scopi interni ed esportazioni. Nel 2010 il paese aveva quasi 80 miliardi di barili di riserve petrolifere comprovate e si posizionava in cima alla classifica mondiale del gas naturale. La Russia ha anche un’esposizione al settore energetico attraverso una serie di importanti joint venture in tutta l’Africa e altre nazioni produttrici di energia. 
  • Capitale umano: la Russia è un paese molto ricco di risorse, non solo in idrocarburi e minerali, ma anche in termini di capitale umano, talento e istruzione. La tradizione educativa sovietica della Russia, superba in matematica e scienze, eccellente nelle lingue, produce ancora molti grandi cervelli. Il Paese gode di un sorprendente tasso di alfabetizzazione del 99% e circa la metà dei cittadini del paese ha una sorta di istruzione post secondaria.

Contro

  • Corruzione dilagante: la corruzione e la scarsa trasparenza aziendale rappresentano un altro grave rischio per gli investitori. Molti analisti ammettono che questo è un grosso problema, in particolare tra alcune delle società più piccole, i cui conti non sono particolarmente trasparenti. Perfino aziende ben note e rispettate come Ikea, che si concentrano fortemente sulla pratica di attività etiche nelle imprese, hanno dichiarato una moratoria sui successivi investimenti russi a causa delle continue preoccupazioni della corruzione. Sulla base dell’indice di percezione della corruzione, la Russia ha molti ostacoli a pratiche commerciali eque ed efficienti. Persino l’Iran, la Libia e il Pakistan sono considerati meno corrotti.
  • Ingerenza della politica: ecco il maggior rischio per coloro che vogliono investire in Russia. Prendiamo l’esempio di Yukos, probabilmente una delle compagnie petrolifere più grandi e di maggior successo della Russia. Nel 2003 il suo amministratore delegato, Mikhail Khodorkovsky, si è scontrato con l’allora presidente Vladimir Putin e i tribunali russi lo hanno condannato per accuse inventate che hanno portato a una pena detentiva di otto anni. Yukos fu costretto al fallimento e i suoi pezzi furono venduti con uno sconto agli alleati di Putin per frazioni del valore di mercato effettivo. Gli azionisti di Yukos hanno perso quasi tutto per la vicenda.
  • Burocrazia: la Russia a volte ha persino reso difficile per gli investitori stranieri operare in un ambiente libero da pressioni burocratiche. Ad esempio, nel tentativo di convincere gli azionisti a vendere la loro partecipazione nella joint venture TNK-BP , la polizia ha fatto irruzione nell’ufficio di Mosca della BP nel 2008. Varie altre barriere alle società internazionali come Carrefour e DeBeers li hanno costretti a ritirare le loro operazioni in Russia. Il governo russo ha dichiarato di aver esercitato pressioni sulle compagnie energetiche straniere nell’ambito del suo sforzo di consolidare il controllo sui depositi di idrocarburi più grandi e importanti del paese.

Commercio Italia Russia

Per gli investitori italiani, la Russia ha ampie opportunità di crescita economica e di mercato. Dalla svalutazione del rublo e dalla crisi finanziaria della Russia nel 1998, la crescita in Russia è aumentata costantemente per mantenersi relativamente alla pari con altri mercati emergenti dominanti come il Brasile, l’India e la Cina.

I mercati azionari del paese sono saliti alle stelle. Tra il 2005 e il 2010, la borsa russa ha fornito agli investitori rendimenti a due cifre costanti e si prevede che la performance del paese continuerà a mostrare segnali di miglioramento.

La Russia ha una delle più grandi popolazioni del mondo (circa 150 milioni di persone) molte delle quali sono diventate lentamente più ricche negli ultimi dieci anni. Infatti, stanno spendendo una quantità crescente delle loro entrate in beni di lusso, servizi e vacanze. E’ proprio in questi settori che il commercio Italia-Russia è fiorente. Noi esportiamo il lusso del Made in Italy e importiamo petrolio, gas e materie prime.

Un tasso di crescita del PIL in media del 7% tra le crisi del 1998 e del 2008 lo ha reso non solo un grande mercato, ma un grande mercato in rapida crescita. Un PIL pro capite di circa $ 16.000 lo colloca nelle aree più alte dei paesi a reddito medio-alto.

Investire in Russia

Conclusioni

Mentre cercano opportunità di profitto in Russia, gli investitori hanno bisogno di conoscere i rischi della Borsa che potrebbero minacciare il loro investimento.

Sappiamo tutti che gli alti rendimenti provengono da investimenti ad alto rischio e che i mercati emergenti sono l’area probabile in cui trovare rendimenti che superano quelli dei paesi sviluppati.

Mentre la Russia offre alti rendimenti, è dominata dalle compagnie energetiche, i regolamenti sono ancora in fase di sviluppo e ci sono rischi politici maggiori rispetto ad altri paesi.

Come iniziare ad investire? Suggeriamo di attivare un conto su un Broker Multi Asset come eToro, in modo da poter investire su azioni, ETF ed all’occorrenza obbligazioni: un mix perfetto per costruire un portafoglio diversificato e bilanciato!

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 50€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Leggi anche:

    FAQ

    Gli stranieri possono investire nel mercato azionario russo?

    La banca centrale della Russia ha aperto il mercato dei titoli russi agli investitori stranieri, mediante una sessione di investimento ridotta.

    Conviene investire in Russia?

    La Russia è dominata da compagnie energetiche, la regolamentazione è ancora in fase di sviluppo ed i rischi politici sono maggiori che altrove. Questa è una caratteristica sorprendente: sia i rischi che le potenzialità sono entrambe elevate.

    Il nostro voto
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Lascia un Commento

    hello world