Guida

Investimenti Sicuri | Guida Completa ed Aggiornata

Esistono davvero investimenti sicuri? Inutile illudersi, qualsiasi tipologia di investimento, in un modo o nell’altro, deve essere associata ad un particolare grado di rischio.

La componente del rischio è quindi un elemento che deve sempre essere considerato durante le scelte d’investimento. E’ importante imparare a conviverci, onde evitare che prenda il sopravvento sulle nostre decisioni.

Come ridurre il rischio negli investimenti? Nonostante non sia possibile eliminare completamente la componente del rischio, è possibile minimizzarla attraverso scelte di investimento oculate o ricorrendo alla diversificazione.

Contrariamente da quanto si pensi, la diversificazione è un sistema molto semplice e permette di modificare l’equilibrio del proprio portafoglio, soprattutto se utilizzato correttamente. Si basa sulla diramazione del proprio investimento su più assets, invece che su un singolo strumento.

Questa è la prima strada per rendere maggiormente sicuri i nostri investimenti.

Quali sono gli investimenti sicuri più popolari? Ecco una classifica con tutte le migliori opzioni per investire il nostro denaro a basso rischio:

INVESTIMENTO RISCHIO (0/3) RENDIMENTO (0/3)
Conto corrente 🔥 ⭐️
Obbligazioni 🔥🔥 ⭐️
Buoni postali 🔥🔥 ⭐️
Conto bancoposta 🔥🔥 ⭐️
Conto deposito 🔥 ⭐️
Pronti contro termine 🔥 ⭐️
Azioni da dividendo 🔥🔥 ⭐️⭐️⭐️
Fondi comuni 🔥🔥 ⭐️⭐️⭐️
Robot Advisors 🔥🔥 ⭐️⭐️
Asset Class 🔥🔥🔥 ⭐️⭐️⭐️
Investimenti sicuri

Ovviamente ogni opzione ha Pro e Contro, analizziamo tutto nel dettaglio!

1. Conto corrente

Ecco la soluzione più sicura per i nostri soldi: il conto corrente. Certo, non è una vera e propria soluzione di investimento, in quanto si tratta di tenere il denaro fermo sul conto.

Questa soluzione, molto amata dagli italiani, ha in realtà una lunga serie di controindicazioni. In primo luogo la perdita di potere di acquisto dovuto all’inflazione. Se il soldi sono -fermi- l’inflazione andrà man mano ad erodere il nostro capitale.

A ciò si aggiungono i costi fissi che dobbiamo sostenere per disporre del conto corrente: bollo, canone annuo e altro ancora.

I conti correnti sono sicuri? Si, almeno fino a 100.000 euro. In tal caso il nostro capitale è al sicuro anche in caso di fallimento della banca. Stiamo ovviamente parlando di denaro parcheggiato sul conto e non investito in azioni bancarie: in tal caso non avremo nessuna garanzia.

2. Obbligazioni

Tra gli investimenti considerati sicuri dobbiamo annoverare le obbligazioni. Si tratta di contratti stipulato con uno Stato o con un’azienda privata, mediante il quale l’investitore offre il denaro a cambio di un obbligo di rimborso.

A tal riguardo, è importante sapere, che ogni singolo Stato, come ad esempio la Germania, l’Italia, o la Francia, possiede ed emette specifici titoli, associabili al processo di investimento.

Anche in questo caso, in base al singolo stato, si potrebbero presentare dei particolari eventi e fattori, che potrebbero portare rischi più o meno alti sull’operazione. 

Leggermente diverso il concetto di obbligazione societaria: in questo caso il rischio di default per un’azienda è più alto, ecco perché bisogna selezionare per bene eventuali società dove andremo ad investire i nostri soldi.

Spesso si può anche optare per un mix di obbligazioni societarie garantite dallo Stato. Classico esempio di aziende quotate in Borsa a partecipazione Statale.

Il “Contro” delle obbligazioni? Quelle considerate sicure rendono pochissimo, meno dello 0,5% annuo. 

3. Buoni Postali

Soluzione simile (garantita dallo Stato) è quella offerta dai Buoni Postali, tuttavia in questo caso parliamo di un 0,50% lordo annuo: pochissimo.

Senza dimenticare l’orizzonte temporale da considerare per avere dei rendimenti decenti almeno 20 anni. 

Non ha molto senso tenere bloccate migliaia di euro (almeno 50.000) per diversi lustri ed ottenere un rendimento risibile in termini di performance generate.

Opzione in disuso, continua ad essere popolare tra gli investitori più anziani. Facciamo anche fatica a definire i Buoni Postali come degli investimenti sicuri in quanto il ritorno sul capitale è vicino allo zero.

4. Conto Bancoposta

Molti investitori scelgono il Conto Bancoposta per tenere al sicuro i loro risparmi. La motivazione risiede nella convinzione degli Italiani che le Poste sono più sicure delle banche.

Stanno davvero così le cose? Purtroppo no! Dobbiamo informare i nostri lettori che Bancoposta non rientra nel fondo di garanzia Europeo. Quindi, in caso di crack dell’azienda Poste, nessuno ci rimborserà il denaro.

Come abbiamo visto, in caso di fallimento bancario i conti correnti sono garantiti e tutelati fino a €100.000.

In pochi conoscono questa differenza e continuano a parcheggiare soldi su Bancoposta, accontentandosi di rendimenti nulli e di zero garanzie in caso di default.

5. Conto deposito

In materia di investimenti sicuri ecco i conti Deposito. In questo caso si può ottenere anche un 1,10% lordo, su base annuale.

Per sicurezza e rendimenti minimo, questi conti Deposito sono una buona soluzione. Tuttavia bisogna considerare alcuni aspetti:

  • Spesso il denaro deve essere vincolato
  • Richiedendo in anticipo la somma investita si perdono gli interessi maturati
  • Soggetti a tassazione del 26%

Ebbene si: in pochi lo sanno eppure anche i rendimenti generati dai conti deposito sono oggetto di tassazione. Considerato che le percentuali nette sono bassissime (spesso inferiori all’1%), le tasse da pagare ed i vincoli contrattuali, i conti deposito non sono affatto convenienti!

6. Pronti contro termine

Tra gli investimenti sicuri troviamo il “pronti contro termine”. Si tratta di un contratto di cessione temporanea di titoli, mediante il quale le due parti in causa si impegnano a scambiarsi il titolo al prezzo e nelle modalità stabilite.

L’unico rischio è quello di insolvenza della controparte. In ogni caso, si tratta di strumenti finanziari sempre meno utilizzati sia da privati che da istituti bancari.

7. Azioni da dividendo

Alziamo l’asticella dei rendimenti ed in tema di investimenti sicuri inseriamo le cosiddette azioni da dividendo.

Si tratta di costruire un portafoglio con titoli azionari che sono famosi per elargire un dividendo generoso e costruire quindi una rendita costante nel tempo.

Numerose azioni petrolifere o qualche Big di Wall Street hanno costruito la propria fama proprio sul dividendo, annuale o semestrale. L’aspetto importante è scegliere aziende solide, poco volatili e dall’elevato Dividend Yield.

Sono diverse le aziende che offrono rendimenti da dividendo superiori al 5% e ciò permette anche di compensare qualche piccola perdita del valore azionario. 

Se siamo alla ricerca di investimenti sicuri, professionali e redditizi, allora dobbiamo guardare alle migliori azioni da dividendo!

Dove negoziare queste azioni? Senza dubbio su eToro, un Broker che offre l’opportunità di acquistare materialmente le azioni, permettendo agli investitori di diventare dei veri e proprio azionisti. 

Apri qui un conto azionario con eToro

8. Fondi comuni

Sentiamo spesso parlare dei Fondi comuni come un investimento sicuro.

Ebbene, anche se la scelta è vastissima, con una buona selezione di titoli sarà possibile investire davvero in modo sicuro e senza troppi rischi. Soprattutto, con un rendimento annuale decente.

La scelta al momento di investire in Fondi comuni è molto vasta anche se l’opzione più popolare del momento riguarda gli ETF azionari, meglio se legati ad aziende di energie rinnovabili o Fintech dal grande potenziale.

Certo, dobbiamo mettere in preventivo di rischiare qualcosina in più rispetto alle obbligazioni (neanche troppo!), però almeno avremo possibilità di gestire un buona percentuale a fine anno, mediamente tra il 5% ed il 10%.

Importante differenza: spesso inseriti all’interno della stessa famiglia, gli ETF sono più profittevoli dei Fondi comuni tradizionali. Inoltre, si negoziano direttamente su eToro, online e senza commissioni fisse:

Scopri qui tutti gli ETF negoziabili su eToro

9. Robot Advisor

Più che una tipologia di investimento sicuro, nel caso dei Robot Advisor parliamo di “metodologia”.

Sempre più diffusi negli ultimi anni, sono dei veri e proprio Robot che ci forniscono consigli di investimento su misura, dopo aver compilato la nostra scheda patrimoniale e finanziaria.

Possiamo quindi settare un profilo di rischio molto basso ed orientare il Robot verso investimenti sicuri e con un minimo di ritorno economico. Il grande vantaggio di questa opzione risiede nella possibilità di abbattere i costi fissi legati alla consulenza, oltre alla garanzia di indipendenza del nostro Advisor.

Legati a questa tipologia di investimento ci sono colossi come Morningstar o Moneyfarm, i quali stanno orientando i loro sforzi verso queste soluzioni Tech!

L’investimento minimo per un Robot Advisor? Si parte da €5.000. Per massimizzare i rendimenti suggeriamo il Copy Portfolio di eToro, probabilmente uno dei migliori Advisor automatici in circolazione.

Sicurezza della piattaforma, rendimenti sopra la media ed una gestione degli investimenti pratica ed immediata:

Scopri qui il funzionamento del Copy Portfolio su eToro

10. Asset Class

Concludiamo la nostra rassegna sugli investimenti sicuri con il cosiddetto “Portafoglio Asset Class“.

Di cosa stiamo parlando? Semplicemente della possibilità di costruire un portafoglio diversificato e ben bilanciato, con la quote capitale che possiamo permetterci di investire.

I principali Asset dove possiamo diversificare i nostri soldi sono i seguenti:

  • Azioni
  • Valute
  • Materie prime
  • Indici

Alcuni azzardano anche le criptovalute, in ogni caso con una percentuale mai superiore al 10% del totale.

Un suggerimento utile per investire in questo modo viene offerto da OBRinvest. Questo Broker dispone di una squadra di Account Manager, veri specialisti del settore, che offrono supporto e consulenza all’investitore.

Basterà completare la registrazione sul Broker per ricevere la prima telefonata e concordare insieme allo specialista la composizione ideale del nostro portafoglio asset class!

Qui puoi richiedere l'assistenza gratuita del Manager di OBRinvest

Investimenti sicuri

Conclusioni

Nel corso della nostra guida, abbiamo più volte ribadito che ad oggi non esistono investimenti sicuri al 100%.

Tuttavia, esistono dei simulatori di investimento, basati sul caricamento di soldi virtuali, che permettono di negoziare senza la paura di perdere denaro reale. Si tratta del conto Demo.

I vantaggi da poter associare ai conti prova sono molti e tutti meritevoli di approfondimento:

  • Permettono di prendere dimestichezza con le piattaforme di brokeraggio online, con le opzioni presenti al loro interno e con eventuali indicatori analitici, da poter utilizzare durante i propri studi.
  • Danno la possibilità di accrescere le proprie competenze e conoscenze del settore di Borsa, avvicinando l’utente a nuovi strumenti finanziari o a nuovi assets ancora poco conosciuti.
  • Permettono di testare nuove strategie di investimento, su tantissimi strumenti finanziari, senza il timore o la paura di poter perdere capitali reali.

La demo presenta quotazioni fedeli alla modalità reale e può essere utilizzata dopo una rapida registrazione.

Per poter usufruire delle loro potenzialità, sono stati quindi presentate le migliori piattaforme di investimento presenti online. Eccole a seguire:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 200€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: obrinvest
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Ebook gratuito
  • Segnali di Trading
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Vi salutiamo con un ottimo video a cura di Moneysurfers che riepiloga i concetti basilari in materia di investimenti sicuri:

    Leggi anche:

    FAQ

    Esistono investimenti sicuri?

    Partendo dalla consapevolezza che il mondo degli investimenti non può mai essere associato al concetto di certezza assoluta, è possibile dire che alcuni degli stessi presentano rischi minori rispetto ad altri.

    Quali sono gli investimenti sicuri considerati con minore rischio?

    Troviamo i titoli di Stato. Con un livello maggiore di rischio, sono poi presenti azioni, materie prime, fino ad arrivare alle criptovalute.

    Il nostro voto
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Lascia un Commento

    hello world