Piattaforme

Interactive Brokers: Recensione ufficiale ed opinioni 2022

In questa guida noi di InvestireInBorsa ci occuperemo di recensire nel dettaglio Interactive Brokers, una delle piattaforme di investimento più famose al mondo.

Tra tutte le piattaforme di Trading in circolazione, il conto IB viene considerato uno dei migliori Broker online in circolazione.

Aprire un conto Interactive Brokers vuole dire investire su decine di strumenti finanziari, con dati di mercato in tempo reale e svariati prodotti e servizi quali azioni, opzioni, future e molto altro.

Partiamo quindi da una tabella riepilogativa delle principali caratteristiche di Interactive Broker:

🥇  Broker Interactive Broker
💰  Deposito minimo €2.000
💻  Piattaforma Portale clienti – Trader Workstation – IBKR Mobile
📊  Asset principali Azioni – Forex – Indici – Opzioni – ETF – Criptovalute
📈  Leva 1:30
🏢  Sede centrale Greenwich (Connecticut)
🎯  Sedi operative Oltre 15 sedi su tutti e 5 i continenti
⭐️  Regolamentazione ASIC – FCA  – CySec – FINRA – SEC -FSA

Nel corso della recensione scopriremo inoltre se davvero IB è un’ottima soluzione per la propria attività di investimento oppure se ci sono piattaforme di trading più adeguati alle proprie esigenze.

Pro e contro della piattaforma Interactive Brokers

Prima di concludere la nostra recensione di Interactive Brokers, facciamo il punto della situazione mettendo sul piatto delle bilancia tutte le caratteristiche positive e negative della piattaforma.

⭐️  Pro 🔥  Contro 
Piattaforma completa e professionale Deposito minimo iniziale di €1.000
Regolamentazione e licenze su scala internazionale Formazione essenziale
Ampio portfolio di asset disponibili Penalizzazione dell’inattività 
Demo Gratuita Commissione fissa sull’eseguito
  Non è sostituto d’imposta

Vantaggi Interactive Brokers:

  • Piattaforma completa e professionale che permette di accedere a numerosi strumenti di trading avanzato e consente di investire anche in modalità grafica
  • Regolamentazione e licenze su scala internazionale che ne garantiscono l’affidabilità ed elevati di standard di sicurezza per gli utenti
  • Ampio portafoglio di asset disponibili in modo da diversificare al meglio il proprio portafoglio di investimenti
  • Demo Gratuita su cui far pratica e prendere dimestichezza con la piattaforma ed i suoi strumenti

Svantaggi Interactive Brokers: 

  • Deposito minimo iniziale di €1.000 che la rendono una piattaforma non accessibile ai tanti investitori che vorrebbero iniziare ad investire con somme più piccole
  • Formazione essenziale che conferma che l’utente target della piattaforma è un trader esperto e/o professionale
  • Penalizzazione dell’inattività con un Canone mensile di €10
  • Commissione fissa sull’eseguito che pesa soprattutto su chi investe poco denaro su ogni singolo trade
  • Non è sostituto d’imposta, quindi in fase di dichiarazione dei redditi l’utente deve provvedere in autonomia al calcolo ed al pagamento delle tasse dovute

Si tratta quindi di una piattaforma non particolarmente adatta ad un principiate o a chi dispone di un budget di investimento iniziale contenuto.

SUGGERIMENTO: se rientri in queste categorie una alternativa migliore viene offerta da eToro che permette di copiare i trader migliori della piattaforma o iniziare ad investire in autonomia con un deposito minimo di €50.

Clicca qui per iniziare ad investire con il Copy Trading di eToro

Chi è Interactive Brokers

Quando parliamo di Interactive Brokers (IB) ci riferiamo ad uno dei colossi del settore, un gigante del Trading Online con radici molto antiche. Infatti questa compagnia è stata fondata nel lontano 1973 a New York, da Thomas Peterffy.

Nel corso degli anni la sua offerta si è espansa fino a permettere la negoziazione di azioni, commodities, futures e altri Asset che analizzeremo nel corso della guida.

Soprattutto, è utile specificare che per numero di transazioni giornaliere IB è la piattaforma di Trading più grande degli Stati Uniti.

Di seguito le tappe più importanti della storia di IB:

  • 1982: creazione di Timber Hill Inc per il Trading Online
  • 1985: entrata nel Board del New York Futures Exchange
  • 1994: lancio dei suoi servizi in Europa
  • 2001: Timber Hill diventa ufficialmente Interactive Brokers
  • 2007: sbarco in Borsa con una IPO
  • 2018: riconosciuto Miglior Broker Online da Barron’s

Interactive Broker LLC è una società quotata al Nasdaq con il Ticker IBKR ed è parte dello S&P 500 con le aziende USA più capitalizzate.

Leggi anche: Migliori piattaforme criptovalute.

Interactive Brokers: Regolamentazione

Iniziamo subito analizzando tutte le licenze e le regolamentazioni di Interactive Brokers, un aspetto cruciale per valutare la bontà di un Broker.

Specifichiamo che siamo davanti una realtà aziendale molto grande, con sussidiarie in ogni angolo del mondo, da New York ad Hong. Ecco uno schema della sua struttura societaria:

Interactive brokers LLC struttura aziendale

Di seguito analizziamo le principali regolamentazione in possesso da IBKR.

Interactive Brokers LLC

Società regolamentata dalla U.S.Securities and Exchange Commission e dalla Commodity Futures Trading Commission.

Interactive Brokers Canada Inc.

La società è membro della Investment Industry Regulatory Organization of Canada (IIROC) e del Canadian Investor Protection Fund.

Interactive Brokers U.K. Limited

Autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority (FCA) con numero iscrizione: 208159.

Interactive Brokers Luxembourg SARL

Regolamentata dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier (CSSF).

Interactive Brokers Ireland Limited

Società regolamentata dalla Banca centrale d’Irlanda (CBI) ed è membro del Irish Investor Compensation Scheme (ICS).

Interactive Brokers Hong Kong Limited

La società è regolamentata dalla Securities and Futures Commission di Hong Kong ed è membro di SEHK e HKFE.

Interactive Brokers Australia Pty. Ltd.

Società è autorizzata e regolamentata dalla Australian Securities and Investments Commission ASIC (AFSL: 453554).

A queste aggiungiamo altre società con regolamentazione in India, Singapore, Giappone.

Interactive Brokers: Piattaforma di Trading

Quale piattaforma di Trading utilizza Interactive Brokers? Lo strumento più completo messo a disposizione da IB si chiama TWS ovvero Trader WorkStation ed è una piattaforma proprietaria attraverso cui è possibile negoziare sui mercati finanziari di tutto il mondo.

TWS offre vantaggi interessanti come la gestione automatica del rischio e la ricerca di notizie in tempo reale oltre ad una serie di strumenti con cui è possibile personalizzare la schermata principale della propria TWS. Ecco i principali:

  • Finestra conto
  • Requisiti di margine
  • Transazioni
  • Liste prezzi
  • Avvisi
  • Profitti e perdite

Chiariamolo subito: si tratta di un’interfaccia estremamente professionale, ma anche piuttosto complessa da utilizzare.

Tanto che Interactive Brokers fornisce una seconda piattaforma proprietaria accessibile da web ed app chiamata Portale Clienti, che offre un’interfaccia decisamente più intuitiva. 

Per coloro che invece preferiscono la Metatrader è rivolgersi a Trade.com e Capex, i migliori Broker in Italia con MT4, che la rendono disponibile anche in modalità demo da PC e da App.

Clicca qui per registrarti gratis sulla Metatrader Capex

Conto e Demo Interactive Brokers

Questo aspetto rappresenta il principale punto debole del Broker. Infatti il deposito minimo per investire con Interactive Broker è di $1.000 o equivalenti in altra valuta.

Una cifra davvero molto alta che rischia di precludere l’accesso al Trading in CFD a numerosi piccoli investitori. Mediamente il deposito minimo è di €100, ma esistono piattaforme che come XTB che permettono di iniziare ad operare anche con un budget a partire da €10.

Specifichiamo che si tratta di un Broker ECN, ecco perché ci sono costi fissi a differenza dei Market Maker che sono gratuiti. In generale rientra nella categoria dei Broker NO Esma in quanto ha sede negli USA.

Interactive Brokers fornisce inoltre ai suoi clienti la possibilità di accedere ad una Prova Gratuita di tutte le sue piattaforme in modo di sperimentare le caratteristiche di ciascuna in modalità demo. Per procedere poi all’attivazione del conto reale sarà necessario effettuare semplicemente il versamento del deposito minimo.

SUGGERIMENTO: per chi volesse iniziare subito a fare pratica su conto demo senza poi dover versare un deposito minimo elevato può rivolgersi a XTB che consente di accedere anche ad un corso di trading completo e gratuito pensato per i trader principianti.

Clicca qui per registrarti gratuitamente sulla piattaforma XTB

Come aprire un conto su Interactive Broker

Per poter attivare il proprio conto di trading con Interactive Brokers è sufficiente accedere alla piattaforma e seguire 3 semplici passaggi:

  1. Inserire i dati identificativi richiesti (Nome, Cognome, mail e password)
  2. Attendere la validazione del conto
  3. Effettuare il deposito minimo

Una volta ottenuta la conferma della validazione sarà possibile accedere alla piattaforma con le credenziali scelte in fase di registrazione. 

E’ bene ricordare che tutti i conti Interactive Brokers danno accesso alle seguenti funzionalità:

  • Supporto pluripremiato, composto da un team di esperti che offre assistenza in 14 lingue, 24 su 24 per 5 giorni alla settimana
  • Sicurezza del conto garantita attraverso sistemi tecnologici e crittografia avanzata 
  • Protezione dei Fondi dal saldo negativo e attraverso conti segregati che prevedono una polizza assicurativa con copertura fino a 1.000.000£ 

Leggi anche: ProRealTime.

Costi e Commissioni Interactive Brokers

Altro punto debole di Interactive Brokers: la presenza di commissioni fisse per il Trading Online. Nello specifico, seppur basse per le azioni Americane, partono invece da €4 ad eseguito per le azioni Italiane.

Analizziamo i costi nel dettaglio:

  • Azioni USA: $0.05
  • Azioni EU: da $4 ad eseguito
  • Futures EU: da $1 a $4
  • Futures USA: $2.5

A ciò bisogna aggiungere il costo di abbonamento per la piattaforma di trading, pari a $10 mensili. Sarà possibile eliminare questa fastidiosa commissione solo generando uno spread (per il Broker) pari proprio a $10.

Certo, è una scelta volta a scoraggiare l’inattività dei Trader. Tuttavia è doveroso specificare che la maggior parte dei Broker non applicano nessuna commissione del genere. Anche Capex, che permette di investire sia su webTrader che su metatrader 4 e 5 non prevede costi di abbonamento di alcun genere.

Clicca qui per iniziare ad operare su metatrader Capex anche in modalità demo

Materiale Didattico Interactive Brokers

Anche Interactive Brokers offre ai propri clienti una sezione dedicata alla formazione. Nello specifico questa area didattica è divisa in 5 aree:

  • Trader’s Academy
  • Trader’s Insight
  • Webinars
  • Glossario
  • Calendario

Una proposta abbastanza completa ma molto basica. Soprattutto, pur dopo aver studiato sui loro Webinar, resta la barriera del deposito minimo di €1.000!

Ecco una soluzione alternativa a commissioni zero: il Broker XTB offre un corso di trading completo, gratuito e ricco di spunti pratici, pensato per i principianti  e per chi vuole imparare le basi del Trading, dalla A alla Z.

Il corso e il conto demo sono accessibili anche dall’App XTB, che permette di fare pratica con denaro virtuale e senza rischi. 

Clicca qui per accedere alla formazione gratuita ed al Conto Demo di XTB

Tassazione Interactive Broker 

Ecco un aspetto sempre più richiesto dai Trader, ovvero come si comporta interactive broker nell’ambito della tassazione dei redditi generati con la propria attività di trading.

Interactive Broker agisce come sostituto d’imposta? La risposta è negativa, dal momento che questo broker ha sede negli USA e non prevede quindi il servizio fiscale per i clienti EU.

Non si tratta di un Broker sostituto d’imposta, sempre più rari a dire il vero. Infatti non è facile districarsi nel sistema fiscale Italiano e quindi per adempiere le proprie pendenze con il fisco bisognerà ricorrere ad un commercialista e presentare la dichiarazione dei redditi annuale.

Trattandosi di un Broker estero ci saranno da dichiarare eventuali proventi catalogati nella sezione “redditi esteri“, suggeriamo quindi di preparare i seguenti moduli:

  • RT per le plus/minusvalenze
  • RW per l’IVAFE
  • RL
  • RM

Opinioni e recensioni su Interactive Brokers

Quali sono le opinioni su Interactive Brokers? Sulla base delle recensioni rilasciate su TrustPilot, il portale più affidabile in materia di rating, il giudizio su IB non è propriamente positivo:

interactive brokers opinioni

Le principali critiche ad Interactive Brokers vengono rivolte al servizio clienti, considerato assente e poco professionale. Inoltre, pare che la Brexit abbia causato un bel problema con i conti Trading dei clienti.

A causa di regolamentazioni da aggiornare, molti investitori si sono ritrovati con il conto bloccato, tanto che IB è corsa ai ripari inserendo un Disclaimer già nella Home Page con la istruzioni da seguire in caso di problematiche con l’account.

Da un Broker con un deposito minimo così, alto ci aspettavamo un Rating più lusinghiero.

Competitor Interactive Brokers

Ecco una lista di Broker simili a Interactive Brokers che consentono di iniziare ad investire con un deposito minimo più basso e si posizionano tra le migliori piattaforme di Trading:

Si tratta di broker regolamentati che permettono di negoziare senza commissioni fisse sull’eseguito e commissione di inattività ed allo stesso tempo offrono risorse formative ampie ed accessibili anche a chi è alle prime armi.

Conclusioni

Interactive Brokers è un operatore molto famoso nel mondo finanziario, sbarcato da anni anche in Europa. Seppur sicuro e professionale, presenta due pecche notevoli:

  • Deposito minimo alto
  • Commissioni fisse

Non tutti hanno a disposizione €2.000 per investire con questo Broker. Soprattutto, nessun Trader vuole più pagare commissioni fisse per ogni eseguito: un suicidio finanziario!

Ecco perché negli ultimi anni abbiamo assistito all’ascesa di operatori quali eToro o Trade.com, famosi per essere sicuri,professionali e con un deposito minimo accessibile (bastano €100).

In conclusione, l’apertura del conto con Interactive Broker è una soluzione che potrebbe essere presa in considerazione solo da coloro che investono su Futures e Warrant o che comunque approcciano il trading in maniera professionale.

La nostra Valutazione finale di Interactive Brokers è quindi di: 5/10

Per chi non ha mai investito invece, potrebbe non essere la piattaforma di trading migliore con cui iniziare. Prima fra tutte eToro che consente operare in acquisto diretto e in CFD da un unico conto di trading e con un deposito iniziale a partire da €50.

Clicca qui per registrarti e iniziare a fare trading in pochi minuti con eToro

 

FAQ

Dove ha sede Interactive Brokers?

Questo Broker ha sede a New York. Si stratta quindi di un Broker No Esma.

Qual è il deposito minimo per investire con Interactive Brokers?

La cifra minima richiesta per aprire un conto è di $2.000 o equivalenti in altra valuta.

Interactive Brokers offre un conto Demo?

Si, è possibile richiedere la sua piattaforma TWS in versione Demo per fare pratica.

Interactive Brokers applica commissioni fisse?

Si, trattandosi di un Broker ECN applica costi fissi per ogni eseguito. Tutte le info nella nostra guida.

Il nostro voto
Clicca per lasciare un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Lascia un Commento

hello world