Guida

I rischi della Borsa

Quali sono i rischi della Borsa? Non solo gli utenti tengono lo sguardo fisso sugli andamenti ed i rendimenti dei vari mercati, ma anche dei vari rischi ai quali si va incontro durante il trading online.

Ricordiamo tuttavia che elaborare previsioni sui vari rischi è estremamente difficile, in quanto il margine di errore è estremamente alto.

I rischi della Borsa

I rischi della Borsa

Cercare infatti di conoscere nel dettaglio i vari rischi è senza dubbio una parte molto importante per investire nel 2018. Un livello molto alto di rischio infatti, può portare ad un cambio repentino del valore complessivo propri investimenti.

Rischi in borsa: perché le previsioni sono così importanti

Essere al corrente dei rischi presenti in Borsa è importante per ogni singolo trader e investitore. Qualsiasi sia il tipo di asset che viene mantenuto in portafoglio, è necessario conoscere i rischi previsti, in quanto ciò consente di mettersi al corrente del possibile disastro, che del resto è sempre dietro l’angolo e non può essere ignorato.

Non stiamo soltanto parlando dei canali di investimento classici, ma anche quelli virtuali.

Investire in Borsa oggi infatti significa considerare i rischi finanziari ma anche constatare i problemi che ci potrebbero essere sotto il punto di vista geopolitico durante il prossimo anno.

Anche nel settore del Forex e dei CFD è prima di tutto necessario considerare tutti i possibili rischi finanziari durante l’anno in corso mentre si decide di lavorare alla propria strategia di trading.

Il consiglio pratico che possiamo darvi è quello di valutare la questione del rischio anche quando si fa pratica con un conto demo, come quello di IQ Option, clicca qui per aprire un conto.

Rischi Borsa: l’opinione di Natixis

Durante l’anno in corso, il rischio di bolle finanziarie è tra i rischi economici più importanti nel 2018 secondo il colosso dell’analisi Natixis. Secondo un’indagine che è stata effettuata dagli analisti agli investitori, circa il 77% delle persone intervistate si è dichiarato spaventato dai tassi d’interesse, che potrebbero aver portato alla creazione di bolle speculative.

L’indagine che è stata effettuata da Natixis ha portato al fatto che tanti investitori, dato che sono alla continua ricerca di rendimenti, hanno portato gli asset ad essere più rischiosi, in quanto il prezzo si è gonfiato a dismisura.

Per chi conosce un minimo di storia della finanza, i prezzi degli asset gonfiati a dismisura e non più allineati con la vera economia, possono arrivare ad esplodere da un momento all’altro.

Ma quali sono i mercati borsistici più inclini al rischio bolla?

I sondaggi sono l’unico strumento a disposizione per prevedere questo rischio. Il 30% degli intervistati ha paura di una bolla sul mercato azionario, il 42% di una bolla sul mercato obbligazionario e il 64% di una bolla sul Bitcoin.

Tuttavia è di fondamentale importanza considerare anche che con le piattaforme di trading con i CFD è possibile guadagnare anche se il prezzo del Bitcoin dovesse crollare. In questo caso, consigliamo di aprire un conto demo con la piattaforma di eToro (clicca qua per aprirne uno). Questa piattaforma infatti, consente di fare trading copiando i migliori in assoluto.

La volatilità in Borsa

Secondo gli analisti, i rischi che ci sono per chi investe in Borsa sono maggiormente dovuti alla volatilità. La volatilità potrebbe essere portata dalle tensioni geopolitiche.

Un aumento della tensione geopolitica potrebbe avere un effetto sul prezzo delle materie prime. Valuta bene questo rischio quindi se scegli di investire sulle commodities con il trading di CFD.

I rischi in Borsa secondo la Deutsche Bank

Deutsche Bank ha deciso di stilare una classifica dei 30 possibili rischi borsistici:

  • Aumento dell’inflazione USA nel 2° trimestre 2018
  • Uscita BCE nel 2° trimestre 2018
  • Aumento spread IG e HY USA per minor interesse estero
  • Nuova presidenza Fed
  • Inflazione tedesca che sorprende al rialzo
  • Salari tedeschi che sorprendono al rialzo
  • Fine dei tassi negativi in Europaù
  • Cambiamento di governance nella Bank of Japan
  • Aumento dei term premia su Treasury e Bund con la fine dei QE
  • Discrepanza tra valutazioni e fondamentali sull’azionario USA
  • Correzione del mercato azionario USA
  • Balzo della volatilità
  • Esplosione della bolla Bitcoin
  • Corea del Nord
  • Impatto della riforma fiscale USA maggiore del previsto
  • Crescita dell’insoddisfazione negli USA; aumento del populismo
  • Indagine Mueller (sull’influenza russa nelle elezioni USA 2016)
  • Elezioni di metà mandato USA, novembre 2018
  • Elezioni in Italia, primavera 2018
  • Sviluppi su Brexit e negoziati
  • Possibile nuovo governo nel Regno Unito
  • Ipotesi annullamento della Brexit
  • Elezioni presidenziali Irlanda
  • Elezioni locali Regno Unito
  • Elezioni presidenziali Russia
  • Aumento dei prezzi delle materie prime
  • Bolla immobiliare in Canada o Australia
  • Bolla immobiliare in Svezia o Norvegia
  • Bolla immobiliare in Cina; conseguente correzione dell’azionario
  • Economia cinese più in difficoltà del previsto

Come è possibile notare, una parte di questi rischi finanziari sono gli stessi che sono stati citati all’interno dell’analisi di Natixis.

Scegliere un Broker Adeguato

Sicuramente, il modo per rischiare il meno possibile all’interno della Borsa è uno, ed è quello di scegliere una piattaforma di trading regolamentata, un broker sicuro e valido.

Scegliere una piattaforma di trading sicura e regolamentata significa prima di tutto registrarsi all’interno di una piattaforma che mette al primo posto le necessità degli utenti, proteggendolo da possibili frodi.

Come si fa a definire un broker regolamentato ed autorizzato? Semplicemente lo si fa in base a dei criteri. Ma quali sono questi criteri?

In maniera molto semplice, possiamo dire che un broker è definito regolamentato ed autorizzato quando è sottoposto a controllo da parte di autorità internazionali. Questo deve rispettare i limiti imposti.

In Italia, ad esempio, l’ente che regola e gestisce questo sistema è la CONSOB.

Licenza Cysec

Licenza Cysec

Sotto il punto di vista internazionale invece, le società sono altre e devono tutte sottostare alle normative della MiFID. Questo significa dunque che se, una piattaforma è regolamentata direttamente da un’autorità internazionale che fa parte dell’Unione Europea, questa piattaforma è allo stesso tempo autorizzata ad operare anche in Italia.

Dunque, di conseguenza, tutti i broker che hanno richiesto ed ottenuto la regolamentazione come CySEC, FCA, BaFin, ecc, possono operare in Italia, sotto il controllo della CONSOB in base a quanto disposto dalla MiFID.

La lista delle piattaforme di trading autorizzate e regolamentate dalla CONSOB è molto lunga, tuttavia noi abbiamo deciso di scegliere soltanto i migliori.

Piattaforme con Sede in Italia

È estremamente importante tenere in grande considerazione la regolamentazione, autorizzazione oppure la certificazione CONSOB.

Per mezzo dell’autorizzazione CONSOB, le piattaforme possono inoltre anche operare all’interno del territorio italiano. Questo significa dunque che tutti i cittadini italiani possono iniziare ad utilizzarlo.

Tutti i broker che offrono i propri servizi in Italia, devono essere sottoposti a supervisione da parte dell’ente di regolamentazione. Per questo motivo, tutti i broker che vogliono operare, in modo legale ed autorizzato in Italia, devono essere controllati ed autorizzati dalla CONSOB.

La CONSOB è l’organo di regolamentazione Italiano, si tratta di un organo che ha il compito principale di controllare il corretto svolgimento delle pratiche dei broker nei confronti degli utenti e stilare poi una lista dei broker “registrati” sicuri, denunciando invece quelli non sicuri attraverso numerosi bollettini pubblicati ogni mese.

Piattaforme di trading autorizzate consob crypto – Forex – CFD

Precisiamo proprio già da subito che per regolamento ESMA, non è più permesso ai trader operare con le opzioni binarie. I broker regolamentati, di conseguenza, non possono più offrire servizi di trading binario.

La CONSOB ha quindi anche tra i suoi compiti principali quello di autorizzare determinate piattaforme di trading. Queste piattaforme di trading per essere autorizzate devono quindi offrire dei servizi di trading a tutti i broker italiani.

La CONSOB ha quindi come obiettivo principale quello di monitorare in continuazione l’operatività delle piattaforme in modo da tutelare gli investitori italiani.

Sono solo questi alcuni dei motivi per i quali riteniamo sia alquanto importante evitare le piattaforme non regolamentate e operare solo con broker regolamentati.

All’interno del sito sono presenti anche una lista dei warning ovvero degli allarmi in casi di truffe o abusivismo finanziario.

Per fare un esempio, nel solo 2018 sono stati 51 i casi denunciati, e tanti altri sono stati denunciati nel 2017.

Vediamo dunque insieme le migliori piattaforme di trading per investire in sicurezza. Tutte piattaforme totalmente sicure e regolamentate.

IQ Option

Con IQ Option, clicca qui per aprire un conto è possibile investire e fare trading sul mercato forex, con un broker di successo e sicuro. IQ Option, clicca qui per aprire un conto, mette a disposizione una piattaforma di trading online, autorizzata e regolamentata!

Puoi scegliere di utilizzare la piattaforma di trading online IQ Option, con un conto demo gratuito da 10.000 €. In alternativa è possibile scegliere di utilizzare un conto reale con un deposito minimo di appena 10 €.

Sarà possibile avere un accesso immediato diretto a tutte le valute forex, e sarà anche possibile fare operazioni con trade minimi da 1 €.

In pratica, decidendo di fare trading con la piattaforma di IQ Option, sarà possibile scegliere di investire e fare trading con svariate e semplici opportunità di trading. È possibile arrivare fare ciò grazie alla piattaforma semplice da utilizzare, ma allo stesso tempo professionale.

È semplicemente necessario fare aprire un conto demo trading, testare la piattaforma e iniziare ad operare con essa!

Puoi scegliere ad esempio di investire con il broker forex IQ Option con conto demo o conto reale, e allo stesso tempo, sfruttare il servizio di formazione gratuito IQ Option comprendenti le video lezioni gratuite.

All’interno di queste video lezioni sarà possibile imparare come impostare le migliori strategie di trading.

Inoltre, scegliendo IQ Option sarà possibile anche avere la possibilità di investire su un mercato diversificato e quindi operare su svariati mercati finanziari:

  • Conto demo gratuito;
  • Trade minimi da 1 €;
  • Layout multi-grafico;
  • Analisi tecnica;
  • Forex;
  • Materie prime;
  • ETF;
  • Criptovalute, ecc.
  • Caratteristiche del broker IQ Option
  • Piattaforma regolamentata ed autorizzata CySEC;
  • Quotazioni storiche;
  • Piattaforma mobile;
  • Strumenti di trading eccellenti;
  • Avvisi sulla volatilità;
  • Aggiornamenti di mercato;
  • Stock screener;
  • Calendari;
  • Newsletter.

eToro

eToro

eToro

Oltre ad IQ Option, è presente anche la piattaforma di eToro (clicca qua per un conto demo gratuito), leader assoluto nel trading semplice e supportato da Intelligenza Artificiale.

In pratica, la piattaforma di trading eToro, mette a disposizione un conto demo totalmente gratuito ed illimitato. Questo conto è per altro ideale per tutti i trader, che lo possono utilizzare per investire e fare trading con le strategie forex, scegliendo di copiare in automatico altri trader.

Simultaneamente, è possibile aprire un conto reale e investire in modo professionale sul mercato forex, grazie agli indicatori forex. Ma per far questo, è previsto un deposito minimo di 200 €.

Scegli di fare trading con eToro! È possibile impostare i segnali forex direttamente dal broker di trading online, utilizzando al massimo il social trading, che mette a disposizione la possibilità di utilizzare in ogni momento la complicità degli altri trader, ma anche di condividere con gli altri tutte le strategie di trading online.

È possibile dunque fare ciò, sia con un conto di trading demo che con un conto di trading reale. A prescindere dal conto che viene utilizzato, la piattaforma di trading è sempre la solita. È possibile dunque condividere con gli altri trader le strategie di trading migliori. È possibile inoltre anche scegliere di copiare altri trader.

È possibile decidere di scegliere i trader che si vuole copiare sul proprio conto di eToro. Si tratta di una strategia che consente di copiarli ed investire direttamente su di essi. Non importa se si è un trader famoso oppure no.

24Option: piattaforma di trading sicura e regolamentata

La piattaforma di trading 24Option, apri un conto è considerata da moltissimi trader come una piattaforma di trading estremamente ottima per investire all’interno del mercato forex e non solo.

Si tratta di una piattaforma di trading che risulta essere completamente semplice e professionale per tutte le tipologie di trading.

La piattaforma è quindi estremamente versatile, grazie alla sua grafica semplice e professionale, a tutti i trader, principianti e non.

Con la piattaforma di 24Option è possibile scegliere di investire e fare trading non solo sul mercato forex, ma anche sul mercato delle materie prime, e sugli ETF, se non anche sulle criptovalute.

In pratica, puoi investire sul mercato forex, sfruttando i segnali di trading forex gratuiti che sono offerti dal broker.

Commissioni Zero

Il primo modo per evitare i rischi di rimanere intrappolati in un mare di commissioni, è quello di scegliere le piattaforme a commissioni zero, che non impostano alcun tipo di costo per apertura e chiusura di posizione.

Vogliamo inoltre sottolineare che tutte le piattaforme che abbiamo in precedenza consigliato, sono tutte esenti da commissioni.

Lascia un Commento