Volkswagen

Volkswagen è molto probabilmente la marca più amata dai nostri automobilisti italiani, e la Golf è senza dubbio la berlina due volumi che è preferita rispetto alle soluzioni di Fiat e Alfa Romeo, proprio grazie ai costi contenuti e qualità maggiore e prestazioni ben superiori che riesce ad offrire questa marca incredibilmente popolare nel nostro mercato italiano, ma anche nel mondo. Tuttavia Volkswagen non è solo Golf, ma un’azienda con quasi 100 anni di storia, vocabolo che significa letteralmente vettura del popolo. Lo sapevate che la Lamborghini, Bugatti e Audi sono del Gruppo Volkswagen? Continuate a leggere, e vi spiegheremo perché.

Migliori piattaforme per investire in Borsa

Broker Caratteristiche Tipologia Recensioni Apertura conto
Plus500 Una delle piattaforme leader in Europa, perfetta per fare trading in Borsa (serivzio CFD) CFD Recensione Iscriviti
24 Option Notifiche di trading gratis. Formazione 1 a 1 CFD, Opzioni Recensione Iscriviti
Iq Option Demo gratuita illimitata, deposito minimo 10 euro Opzioni Recensione Iscriviti
Markets.com Facilissima da usare, demo gratis, corsi gratis CFD Recensione Iscriviti
rischio di trading

La sede di Volkswagen AG è a Wolfsburg, nella bassa Sassonia. Fu fondata nel 1937, Volkswagen è il marchio che detiene il massimo delle vendite del gruppo Volkswagen, la holding creata nel 1975, e adesso è il secondo più grande costruttore di auto del mondo. La Volkswagen ha ben tre auto nella top 10 delle auto con più vendite di tutti i tempi stilato dal 24/7 Wall St; troviamo dunque la leggendaria Volkswagen Gold, la Volkswagen Beetle e la Volkswagen Passat. Con queste tre auto, la Volkswagen può vantare il primato di più auto che qualsiasi costruttore nella lista abbia mai prodotto, che include nomi di modelli di auto che hanno passato negli anni vari restyling e generazioni.

Volkswagen come Volkswagen Group (VW AG)

Tuttavia, in questo articolo non parleremo soltanto della Volkswagen come costruttore di auto, ma bensì della holding, ovvero la Volkswagen Group (VW AG) e che quindi comprende una serie ben più ampia di marchi ed attività, questa holding è quotata alla borsa di Francoforte con il simbolo “VOW”.

Volkswagen progetta, crea e distribuisce autoveicoli, moto, motori e turbomacchine, offrendo finanziamenti, leasing e flotte. Si trova al secondo posto per numero di veicoli prodotti, dietro Toyota e davanti General Motors. Detiene la capitalizzazione di mercato più grande in europa da ormai due decenni. Nel 2013 si è piazzata al nono posto nella Fortune Global 500, la classifica con le aziende più grandi al mondo. Nel 2014 ha raggiunto una produzione di ben 10.14 milioni di veicoli.

Il Gruppo Volkswagen, vende automobili sotto il marchio di diverse gloriose case automobilistiche, come: Bentley, Bugatti, Lamborghini, Audi, Porsche, SEAT, Škoda e Volkswagen. Vende moto attraverso il brand Ducati, e veicoli commerciali attraverso MAN, Scania, Neoplan e Volkswagen Commercial Vehicles. Il gruppo Volkswagen è diviso in due divisioni primarie: automobilistico e finanziario, e ha all’incirca 340 divisioni. L’azienda lavora in circa 150 paesi e opera in 100 fabbriche in 27 paese. Sono presenti due joint-ventures (FAW-Volkswagen and Shanghai Volkswagen).

La Volkswagen ha controllato il 19.9% di Suzuki tra il 2009 e il 2015. La Suzuki ha completato il buy-back per un totale di 3.8 miliardi di dollari, proprio qualche ora prima dello scandalo emissioni che ha coinvolto la Volkswagen.

La Volkswagen Aktiengesellschaft è un’azienda quotata in borsa principalmente alla Borsa di Francoforte, dove fa parte dell’indice Euro Stoxx 50, il gruppo Volkswagen è anche presente a diverse borse mondiali, tra cui: London Stock Exchange, Luxembourg Stock Exchange, New York Stock Exchange e SIX Swiss Exchange. Lo stato della Bassa Sassonia, detiene il 12.7% delle azioni dell’azienda, con il 20% dei diritti di voto.

Storia di Volkswagen

Volkswagen fu fondata nel 1937 per produrre la vettura che sarebbe diventata nota come il Maggiolino. La società di produzione è cresciuta rapidamente negli anni 1950 e 1960, e nel 1965 ha acquisito Auto Union, che in seguito ha prodotto i primi modelli Audi del dopoguerra. Volkswagen ha lanciato una nuova generazione di veicoli a trazione anteriore nel 1970, tra cui la Passat, Polo e la famosissima Golf; quest'ultima è diventata il suo best-seller. Volkswagen ha acquisito una partecipazione di controllo in Seat nel 1986, diventando così il primo marchio non tedesco della società, e ha acquisito il controllo della Škoda nel 1994, Bentley, Lamborghini e Bugatti nel 1998, Scania nel 2008 e di Ducati, MAN e Porsche nel 2012. le operazioni della società in Cina sono cresciute rapidamente negli ultimi dieci anni, e il paese è diventato il suo più grande mercato.

Modello di Business Volkswagen

Volkswagen, ha come obiettivo primario quello di diventare il leader economico e ambientale tra i costruttori di automobili, entro il 2018; possiamo affermare che la VW non è assolutamente lontana da questo obiettivo, nonostante lo scandalo recente delle emissioni. Infatti, il gruppo Volkswagen è senza ombra di dubbio gestito in maniera profondamente differente rispetto alle altre case. L’obiettivo è quello di generare vendite per 10 milioni di auto l’anno, con guadagni sulle vendite di circa l’8%, in modo da assicurare al gruppo una grande solidità finanziaria in modo da fornire possibilità di azione anche in casi di difficoltà sul mercato.

Il gruppo dà lavoro al oltre 500 mila persone, in tutto il mondo. La Volkswagen dà lavoro più di GM, Ford e FCA messe insieme, nonostante produca un numero ben minore di automobili. Quindi da un punto di vista dell’efficienza, qualsiasi esperto potrebbe dire che la Volkswagen è senza speranze per quanto concerne il rapporto dipendente/veicoli-costruiti, ma in realtà non è così, in quanto la Volkswagen fa più soldi di qualsiasi altro costruttore. Ma come fa? Ha più impiegati di tutti, e produce meno macchine di tutti! Semplice: grazie alla sua struttura incredibilmente perfetta.

Mentre le scuole di business insegnano ai futuri manager nel mondo degli affari, che le operazioni centralizzate possono ridurre i costi eliminando sovrapposizioni e duplicazioni di lavoro, VW mantiene le sue operazioni fortemente decentrate con un sacco di sovrapposizione. Mentre le scuole di business predicano i vantaggi dell’outsourcing e del “tagliare i costi”, VW è verticalmente integrata.

Se un costruttore d'automobili vuole veramente a dominare il mercato, deve comunque accettare una certa quantità di sovrapposizioni e di doppioni. Si può dominare solo con il territorio. Per dominare il mercato sono necessarie numerose marche, e VW mette in pratica questi concetti più di chiunque altro, sovrapponendo la produzione tantissimo. Ma per VW sono più che semplici marche. I vari brand di VW (che abbiamo menzionato qualche paragrafo fa) sono aziende indipendenti, hanno il loro consiglio di amministrazione, i loro statement finanziari e report annuali. Hanno addirittura le loro sedi di design, progettazione e produzione, condividendo solo qualche piattaforma, in una maniera che ricorda molto i fasti di GM (che possedeva nove aziende automobilistiche).

Ogni volta che una casa automobilistica compra un componente da un fornitore, al fornitore è necessario pagare una commissione. Se una casa automobilistica è in grado di fare quei componenti in-house, quel profitto viene mantenuto. Il gruppo VW costruisce un sacco di componenti in-house, ed è proprio questo il suo segreto, non dover dipendere dagli altri, risparmiando, e creando i propri componenti.

Come investire in Volkswagen

Adesso che avete visto la vera forza del gruppo Volkswagen, è arrivato il momento di investire per iniziare a guadagnare grazie alla crescita spaventosa di questa azienda:

azioni Volkswagen

Per investire in Volkswagen, è necessario prima di tutto registrarsi ad un broker valido e regolamentato dalla CONSOB in Italia. Il broker si chiama Plus500 e vi permette di iniziare a contrattare subito le azioni del gruppo Volkswagen, basta cliccare su COMPRA oppure su SCOPERTO:

trading azioni Volkswagen con Plus500

Registrati cliccando qui per iniziare a contrattare le azioni di Volkswagen, investendo in un’azienda solida e con una crescita e dividendi che solo un leader del settore come VW può garantire.

Borse e indici

Principali borse mondiali
AEX Olanda
CAC 40 Francia
Euro Stoxx 50
Ibex 35
SMI Svizzera
FTSE 100 Gran Bretagna
FTSE Athex Grecia
Hang Seng Hong Kong
Wall Street
NASDAQ
Dow Jones
MIB
Nikkei
DAX
Borsa Italiana

Azioni

A2A
AbbVie
Alibaba
Amazon
Apple
Banca Popolare di Milano
Banco Popolare
CARIGE
Creval
Coca Cola
Deutsche Bank
BPER
Enel
Eni
Facebook
FCA
Ferrari
Generali
Google
Intesa Sanpaolo
Luxottica
Mediaset
Microsoft
Mondo TV
Monte dei Paschi di Siena
Poste Italiane
SAIPEM
Tesla
Twitter
Unicredit
Yahoo
Volkswagen
Telecom Italia
UBI Banca