Twitter

Twitter, il social network che permette di mandarsi “Cinguettii” di 140 caratteri, è una delle società più innovative degli ultimi anni. Scopriamo Twitter insieme, e perché è importante investire nelle azioni di questa società. Fu creato nel 2006 da Jack Dorsey, Evan Williams, Biz Stone e Noah Glass e lanciato nell’estate del 2006. Il servizio cominciò a crescere molto velocemente, e più di 100 milioni di utenti si registrarono nel 2012, scrivendo circa 340 milioni di tweets al giorno. Nel 2013 entrò nell’ambita lista dei 10 siti più visitati del mondo.

Migliori piattaforme per investire in Borsa

Broker Caratteristiche Tipologia Recensioni Apertura conto
Plus500 Una delle piattaforme leader in Europa, perfetta per fare trading in Borsa (serivzio CFD) CFD Recensione Iscriviti
24 Option Notifiche di trading gratis. Formazione 1 a 1 CFD, Opzioni Recensione Iscriviti
Iq Option Demo gratuita illimitata, deposito minimo 10 euro Opzioni Recensione Iscriviti
Markets.com Facilissima da usare, demo gratis, corsi gratis CFD Recensione Iscriviti
rischio di trading

Gli utenti registrati possono leggere e scrivere, ma quelli non registrati possono solo leggere. Twitter si trova a San Francisco, ma ha più di 25 uffici in tutto il mondo. E’ stato descritto come l’SMS di internet. Nel 2015 Twitter ha più di mezzo miliardo di utenti, di cui 302 milioni sono utenti attivi.

Storia di Twitter

Le origini di Twitter risalgono ad una lunga sessione di brain-storming fatta dalla compagnia di podcasting Odeo. Dorsey propose quindi un’idea di una persona che usa il servizio di un SMS per comunicare con un piccolo gruppo. Il progetto originale fu chiamato twttr, un’idea ispirata a Flickr e alla lunghezza dei 5 caratteri degli shortcode negli SMS americani. Twitter.com era già infatti in uso, fu poi comprato successivamente. Il primo Tweet fu proprio di Jack:

Il punto di più grande popolarità di Twitter fu senza dubbio nel 2007, durante la South by Soutwest Interactive (SXSWi). Durante quell’evento, l’uso di Twitter aumentò da 20k tweet al giorno fino a 60k. Le reazioni alla conferenza furono molto positive, Twitter quel giorno aveva definitivamente iniziato il suo grande percorso fatto di successi.

La compagnia, da quel giorno, ha avuto una crescita molto ampia, nel 2007 c’erano 400k tweet postati per trimestre. 100 milioni invece per trimestre nel 2008. Pensate che nel 2010 gli utenti di Twitter postavano 50 milioni di Tweet al giorno. Il giorno in cui morì Micheal Jackson, su Twitter ci fu un blackout, in quanto furono mandati 100k messaggi all’ora.

Il 12 Settembre 2013, Twitter annunciò di entrare in borsa, tramite una deposizione alla SEC. Twitter ebbe intenzione di raccogliere 1 miliardo di dollari come base per il suo debutto in borsa. L’IPO affermava che c’erano 200 milioni di utenti attivi mensilmente e 500 milioni di tweet giornalieri.

Il 7 Novembre 2013, ci fu il primo giorno di contrattazioni al NYSE. Twitter aprì a 26 dollari per chiudere a 44.90 lo stesso giorni. Dando quindi una valutazione all’azienda di ben 31 miliardi di dollari.

Modello di Business di Twitter

Nel Luglio del 2009, i ricavi di Twitter furono pubblicati illegalmente su TechCrunch. Già in quegli anni, Twitter guadagnava tantissimo, ben 400k $ nel terzo trimestre e 4 milioni nel quarto trimestre. Per quanto riguarda le proiezioni per il 2013 invece, Twitter affermò di essere in grado di guadagnare 1.54 miliardi di dollari in profitti lordi, 111 milioni di profitti al netto, e 1 miliardo di utenti. Nessuna informazione sul modo in cui Twitter avrebbe raggiunto tali dati.

Il modo in cui Twitter guadagnare è una piattaforma pubblicitaria a pagamento, dove le compagnie possono “promuovere i propri tweets” per apparire in cima ai risultati di ricerca. Un servizio molto simile a Google Adwords. Sony, Red Bull, Best Buy e Starbucks sono alcuni dei tanti partner ad usufruire dei Tweet Sponsorizzati.

Anche le foto degli utenti possono generare profitto per Twitter, in quanto un accordo con il World Entertainment News Network (WENN) NEL 2011. I profitti nel 2014 per Twitter sono stati di 250 milioni di dollari. I costi per Twitter sono negli impiegati e nei server. I guadagni invece arrivano dai data strema, account promossi, tweet promossi, trend promssi e statistiche. Il valore che porta Twitter nel mondo è invidiabile, permette alle persone di avere una visione chiara delle news e degli eventi, un marketing targetizzato, connessione tra utenti, e applicazioni, che rendono Twitter in alcuni casi molto più semplice e chiaro di Facebook per alcuni tipi di utilizzo.

I segment target di Twitter sono molti: Utenti, Sviluppatori, Aziende. Twitter può contare su numerosi partner chiave: operatori mobili, compagnie multimediali, fornitori di ricerca, costruttori di telefoni. I canali nei quali Twitter può fare riferimento sono la sua web app twitter.com, le app desktop e mobile, SMS, e Twitter API.

Opportunità e rischi con Twitter

quotazioni twitter

Inutile dire che le azioni di Twitter stiano andando sotto le aspettative, siamo infatti quasi su quel livello dei 26 dollari, livello dove TWTR aprì le danze alle contrattazioni nel 2013 al NYSE. Tuttavia, molti analisti, inclusi anche quelli di CNN.com, stanno facendo previsioni ottimistiche sul titolo:

azioni twitter

Se guardiamo infatti l’analisi tecnica, quello che vediamo sul grafico a 5 anni, sembrerebbe essere un doppio minimo, chiaro segnale rialzista. Potrebbe quindi esserci un momento di respiro per le azioni di Twitter, che per molti hanno toccato un vero e proprio pavimento. Questo potrebbe essere il momento giusto per investire long in questo mercato. Sarebbe meglio però attendere un barlume di direzionalità in questo cross prima di entrare long, direzionalità rialzista che potrebbe entrare in gioco almeno sopra i 40-45.

Inoltre, da un punto di vista macro, Twitter ha ancora molte potenzialità, in quanto nel secondo trimestre, l’azienda ha battuto le aspettative. Con 502 milioni di guadagni, e le vendite della pubblicità sono aumentate del 60%, andando a 452 milioni di dollari. Twitter, nonostante la supremazia di Facebook, attrae in qualche modo le persone. Basta vedere Buckingham Palace che ha utilizzato Twitter per annunciare la notizia del fidanzamento del Principe William, e della nascita della Principessa Charlotte. Oppure delle news come l’attentato alla Maratona di Boston, o l’atterraggio nell’acqua del volo 1549 dell’US Airways Flight “Il Miracolo dell’Hudson”. Il 90% dei leader mondiali, re, celebrità, rapper e atleti usano Twitter in qualche modo.

Twitter rimane quindi al passo coi tempi, addirittura precedendo Facebook. Basta guardare quello che è successo con Periscope, acquisito da Twitter, che poi Facebook ha imitato con Facebook Live. Twitter è sinonimo di social ai massimi livelli, innovazione, semplicità tecnologia e intrattenimento… E bisogna investire in questo titolo, oggi più che mai.

Come investire su Twitter

La piattaforma migliore per investire su Twitter è Plus500. Plus500 è la piattaforma leader in Europa per il trading di CFD: Plus500 garantisce eccezionali livelli di affidabilità, sicurezza e trasparenza. Le condizioni per operare con Plus500 sono veramente molto convenienti: non ci sono commissioni e gli spread sono veramente bassi. Per iniziare a operare su azioni Twitter con Plus500 clicca qui.

Borse e indici

Principali borse mondiali
AEX Olanda
CAC 40 Francia
Euro Stoxx 50
Ibex 35
SMI Svizzera
FTSE 100 Gran Bretagna
FTSE Athex Grecia
Hang Seng Hong Kong
Wall Street
NASDAQ
Dow Jones
MIB
Nikkei
DAX
Borsa Italiana

Azioni

A2A
AbbVie
Alibaba
Amazon
Apple
Banca Popolare di Milano
Banco Popolare
CARIGE
Creval
Coca Cola
Deutsche Bank
BPER
Enel
Eni
Facebook
FCA
Ferrari
Generali
Google
Intesa Sanpaolo
Luxottica
Mediaset
Microsoft
Mondo TV
Monte dei Paschi di Siena
Poste Italiane
SAIPEM
Tesla
Twitter
Unicredit
Yahoo
Volkswagen
Telecom Italia
UBI Banca