BPM (Banca Popolare di Milano)

Per Azioni BPM, si intende le azioni della Banca Popolare di Milano, quindi parte delle quote di una società cooperativa con responsabilità limitata, che fu fondata a Milano nel lontano 1865, e che è quindi la banca più importante di tutto il Gruppo; l’undicesima banca d’Italia in termini di capitalizzazione, ed è addirittura la quinta nella classifica degli istituti popolari, sempre in termini di capitalizzazione. I dipendenti di questa banca sono più di 7000, i clienti quasi 1 milione e mezzo (quasi tutti privati), una raccolta di 32.000 milioni di euro, in ben 654 sportelli. Con il motto di «Il futuro è di chi fa», le Azioni BPM sono tra le più ambite nella borsa italiana, scambiate con il simbolo di PMI. La concentrazione di questa banca, è prevalentemente nella parte settentrionale dell’Italia, con una forte presenza online grazie a WeBank, che possiede ben 2 filiali virtuali. Le azioni di Banca Popolare di Milano, sono presenti nell’indice più importante italiano: il FTSE Mib.

Per chi è interessato alle previsioni sulle quotazioni delle azioni BPM, consigliamo il servizio professionale di segnali offerto gratuitamente da 24option: per scoprirlo clicca qui.

Migliori piattaforme per investire in Borsa

Broker Caratteristiche Tipologia Recensioni Apertura conto
Plus500 Una delle piattaforme leader in Europa, perfetta per fare trading in Borsa (serivzio CFD) CFD Recensione Iscriviti
24 Option Notifiche di trading gratis. Formazione 1 a 1 CFD, Opzioni Recensione Iscriviti
Iq Option Demo gratuita illimitata, deposito minimo 10 euro Opzioni Recensione Iscriviti
Markets.com Facilissima da usare, demo gratis, corsi gratis CFD Recensione Iscriviti
rischio di trading

Storia di BPM, Banca Popolare di Milano

storia banca popolare di Milano

La Storia della Banca Popolare di Milano è lunga centocinquant’anni, ed incomincia con la fondazione della Capogruppo Banca Popolare di Milano. La storia di BPM, è avvenuta acquisendo altre realtà lungo un percorso che ha portato la banca a diventare pian piano una dei protagonisti del panorama bancario di oggi.

Dalla fine dell’800, verso i primi anni del 900, inizia l’avventura grazie a Luigi Luzzatti e trecentocinquanta cittadini Milanesi, che fanno nascere la Banca Popolare di Milano, un cooperativa di credito atta a fornire un supporto finanziario per le attività che si stavano sviluppando sul territorio. C’è subito un grande interesse, negli anni successivi la crescita della banca è incoraggiante. Durante la Prima Guerra Mondiale, BPM offre dei fondi speciali per offrire aiuto alle famiglie dei dipendenti.

azioni banca popolare di Milano

Nel periodo fascista, fino alla fine della Seconda Guerra Mondiale, BPM continua ad espandersi nel territorio. Nel 1931 viene inaugurata la nuova sede, che oggi è a Piazza Meda (nella foto, il salone centrale della banca). BPM è in prima linea per la ripresa economica, fornendo aiuto a piccole e medie imprese.

Gli anni 50 sono gli anni in cui la BPM inizia a guardare al di là della Lombardia, crescendo anche in altre regioni d’Italia. Nel 1957 arriva la prima incorporazione con la Banca Popolare di Roma. Nel 1960, diventa uno dei principali azionisti di Banca Briantea e Banca Agricola Milanese, successivamente viene acquisita anche Banca Popolare Cooperativa Vogherese.

Nel 1982 la BPM partecipa al salvataggio del Banco Ambrosiano. Alla fine degli anni 80 arriva una delle pietre miliari nella storia di Banca Popolare di Milano: viene comprato il controllo di Banca Agricola Milanese (1985), viene poi anche incorporata la Banca Popolare di Bologna e Ferrara (1988) e viene acquisita Banca Popolare di Apricena (1989). Seguono poi molte altre incorporazioni, e accordi importanti con svariate società del settore bancario e parabancario. Nel 1999 il Gruppo BPM diventa tra i primi istituti a proporre una soluzione di banking online, grazie a WeBank, che poi nel 2009 si trasformerà in banca.

Webank Banca Popolare di Milano

La banca ripone anche molta fiducia nel settore del trading, grazie all’acquisizione di IntesaTrade, che poi diventerà WeTrade, e verrà incorporata in WeBank, che a sua volta viene incorporata nella banca.

Le società controllate dal Gruppo BPM sono diverse, e nel loro complesso offrono una gamma diversificata e completa di prodotti e servizi, prevalentemente del settore bancario:

  • Banca Popolare di Milano S.c.a r.l.
  • Banca Popolare di Mantova SpA
  • Banca Akros SpA
  • ProFamily SpA
Banca Popolare di Milano Borsa

Oggi, le azioni BPM Milano, sono tra le più ricercate e scambiate sui mercati finanziari italiani, e tra le prime nei mercati finanziari europei, insieme alle azioni BPER anch’esse molto ricercate e ambite tra gli investitori di Borsa.

Il Modello di Business di BPM, Banca Popolare di Milano

L’obiettivo e modello di business della Banca Popolare di Milano, è quello di essere la banca di riferimento sul territorio, per lo sviluppo del tessuto imprenditoriale e sociale, dando molta importanza alla relazione duratura con il cliente. Grazie all’utilizzo di capitale Intellettuale, Finanziario, Relazionale, Umano e Naturale, le attività principali della banca sono:

  • Raccolta dai risparmiatori
  • Credito ad imprese e privati
  • Consulenza

Tutti fattori generano un valore, e solo una parte trova la rappresentazione nel conto economico, fornendo quindi una valorizzazione del risparmio, sostenimento del credito, e operatività sui mercati finanziari in maniera responsabile. C’è inoltre la ricerca di massima qualità e gestione del rischio, con grande attenzione alle esigenze degli interlocutori. Il modello di business, fa sempre riferimento agli stakeholder (organismi, azionisti, clienti, analisi, media, social).

Opportunità e rischi di investimento in BPM, Banca Popolare di Milano

Prima di investire nelle azioni BPM, occorre studiare di che tipo di azioni stiamo parlando, analizzando le possibili casistiche di andamento (trend) per azioni Banca Popolare di Milano (Azioni BPM). Il settore è quindi una parte importante da considerare, in questo caso quello finanziario e bancario. Durante una possibile crisi economica, settori come questo potrebbero essere molto colpiti, come successe ad esempio nel 2008.

Banca Popolare di Milano Grafico

Questo che è possibile vedere sopra, è il famoso “azioni bpm grafico”. Come è possibile notare dal grafico storico, le azioni di Banca Popolare di Milano, sono state penalizzate dalla crisi finanziaria 2007-08, come tutte le altre banche. Tuttavia, si nota un movimento rialzista, partito dall’inizio del 2012, che sta tentando di ricostruire una risalita dei prezzi per i titoli BPM.

Si tratta di una banca che ha superato i vari test, sempre più severi circa la solidità delle banche. Per non parlare delle svariate leggi comunitarie e nazionali, come ad esempio il caso della Bad Bank.

Per effettuare quindi delle previsioni sulle azioni di Banca Popolare di Milano, non è necessario soltanto dare uno sguardo all’analisi tecnica, ma anche a quella macroeconomica, che è puntualmente fornita grazie alle pubblicazioni di bilanci ufficiali, che possono fornire degli spunti di operatività interessanti, acquisizioni, incorporazioni, ampliamenti e molti altro ancora.

Le azioni della Banca Popolare di Milano, sono ideali per chi vuole fare trading/investimento sia a breve che a lungo termine. Per quanto riguarda il trading a breve termine, è consigliabile lo studio di tutti gli eventi importanti della società, ovvero le previsioni a breve termine, i fatti societari più recenti, le pubblicazioni del bilancio; si tratta di fattori importanti che incidono sul livello dei prezzi a breve termine. Importante non dimenticare inoltre le bpm notizie, ovvero tutte le ultime news pubblicate sulla società Banca Popolare di Milano.

Per quanto concerne invece i trader e investitori che vogliono investire nelle azioni BPM a lungo termine di Banca Popolare di Milano, è importante tenersi aggiornati sulle sintesi annuali preparate dagli analisti, in modo da avere un quadro generale sintetico, che possa dare un’idea sull’andamento generale del titolo azionario. Di grande importanza, sono ad esempio le nuove acquisizioni, cambiamenti societari, fusioni, nuovi servizi, filiali aperte e chiuse, assunzioni e licenziamenti, e altri fattori importanti che solitamente danno “una scossa” al titolo BPM in borsa. Le azioni bpm previsioni sono quindi estremamente ottimistiche, tuttavia con i CFD è possibile investire sia al rialzo che al ribasso, ottimo per chi vuole investire anche sul ribasso del titolo azionario sul breve termine. È possibile dunque fare profitti sia in momenti di rialzo, che di ribasso, per quanto concerne le azioni BPM.

Trading Azioni BPM, Banca Popolare di Milano

Attraverso il trading online con i CFD, è possibile investire sia al rialzo che al ribasso, a breve, medio o lungo termine con le azioni di BPM. I CFD sono degli strumenti finanziari che replicano la quotazione di un dato mercato, in questo caso i titoli BPM. Il trading permette di:

  • Investire con pochissimi capitali in azioni BPM, grazie alla leva
  • Zero commissioni azioni BPM, nessun costo nascosto
  • Totale autonomia
  • Operare tutti i giorni, 5 giorni su 7
  • Vasta gamma, oltre alle azioni BPM

La migliore piattaforma per fare trading con i CFD sulle azioni di Banca Popolare di Milano è Plus500. Si tratta di una piattaforma facilissima da usare, anche per chi è veramente alle prime armi. Plus500 è estremamente sicuro e affidabile, è autorizzato e regolamentato. Vuoi il tuo conto gratis, trading senza commissioni sull'eseguito? Clicca qui e aprilo su Plus500. Se vuoi saperne di più, consulta la nostra recensione di Plus500.

Borse e indici

Principali borse mondiali
AEX Olanda
CAC 40 Francia
Euro Stoxx 50
Ibex 35
SMI Svizzera
FTSE 100 Gran Bretagna
FTSE Athex Grecia
Hang Seng Hong Kong
Wall Street
NASDAQ
Dow Jones
MIB
Nikkei
DAX
Borsa Italiana

Azioni

A2A
AbbVie
Alibaba
Amazon
Apple
Banca Popolare di Milano
Banco Popolare
CARIGE
Creval
Coca Cola
Deutsche Bank
BPER
Enel
Eni
Facebook
FCA
Ferrari
Generali
Google
Intesa Sanpaolo
Luxottica
Mediaset
Microsoft
Mondo TV
Monte dei Paschi di Siena
Poste Italiane
SAIPEM
Tesla
Twitter
Unicredit
Yahoo
Volkswagen
Telecom Italia
UBI Banca