Azioni

Comprare azioni Heineken: la guida completa

Heineken è un’azienda produttrice di birra nata in Olanda, nel lontano 1864. Il fondatore è Gerard Adriaan Heineken, imprenditore olandese che ha dato inizio a una delle aziende più prolifiche del settore.

L’azienda si conferma ad oggi la seconda in termini di importanza, dietro solo alla AB-InBev e SABMiller, la cui fusione è avvenuta nel 2016.

La sua è una produzione con numeri da capogiro: sono 200 e oltre i milioni di ettolitri di birra che vengono distribuiti nel mondo, grazie ai 250 marchi presenti in azienda.

Heineken è quotata alla borsa di Amsterdam e all’OTC Markets Group di New York ed è controllata rispettavamente dalla famiglia Heineken e dagli Hoyer. Inoltre ad oggi è considerata una delle migliori azioni olandesi su cui puntare.

Sebbene l’azienda abbia subito una grave perdita nel 2020, a causa della pandemia e delle relative cancellazioni di importanti competizioni agonistiche, prima fra tutte la Champions League, il suo titolo è molto forte e presenta un buon indice di volatilità.

🥇 Azienda Heineken
📈 Borsa Euronext – Amsterdam
🎯 Ticker HEIA
⭕ Isin NL0000009165

Per poter acquistare o vendere le azioni Heineken e investire in modo sicuro vi suggeriamo un ottimo broker online: eToro.

Clicca qui per comprare subito azioni Heineken

Quotazione in tempo reale azioni Heineken

Nel grafico si può osservare l’andamento in tempo reale, delle azioni Heineken:

Dati finanziari Heineken:

  • Capitalizzazione: 56,76 Mrd
  • Entrate: 5,01 Mrd
  • Reddito operativo: 732,50 Mln
  • Flusso di cassa netto: -1,13 Mrd
  • Disponibilità liquide: 1,97 Mrd

Come comprare azioni Heineken

Uno dei migliori strumenti per negoziare azioni Heineken, è quello dei contratti per differenza, i CFD. I CFD offrono la possibilità di scambiare assets, basandosi sulla fluttuazione del prezzo dei titolo in borsa, comodamente da casa, e in pochi minuti.

Piattaforme come eToro, offrono un servizio di WebTrader molto efficente, intuitivo e semplice da utilizzare. E’ possibile negoziare azioni Heineken, senza spese di commissione e con spread molto competitivi. Per fare pratica è possibile utilizzare il Conto Demo gratuito, e imparare a familiarizzare con gli strumenti delle piattaforma, e gli indicatori tecnici.

Per maggiori informazioni vai sul sito di eToro.

Dove comprare azioni Heineken

Che si tratti di comprare azioni Heineken, o qualsiasi altro assets finanziario, eToro è una delle piattaforme storiche più utilizzate.

Attraverso eToro è possibile utilizzare i contratti per differenza anche con il titolo Heineken. Vediamo quali sono le due modalità strategiche legate ai CFD su tale indice azionario:

  • Metodo 1 al rialzo: attraverso tale modalità, il negoziatore, dopo le opportune analisi sul grafico, potrebbe essere intenzionato all’acquisto sulla base di ipotetici aumenti di prezzo nella quotazione.
  • Metodo 2 al ribasso: in modo opposto alla metodologia 1, in questo caso, il trader potrebbe focalizzarsi sulla strategia di vendita, ipotizzando un crollo dei prezzi all’interno della volatilità.

Fra gli altri vantaggi citiamo: spread bassi, strumenti interattivi, ampio database di assets finanziari, grafici in tempo reale e indicatori statistici.

Clicca qui per registrarti ad eToro in pochi minuti.

Comprare azioni Heineken: la storia

Heineken è un’azienda olandese che produce birre ed è stata fondata nei Paesi Bassi dall’imprenditore Gerard Adriaan, nel 1864.

La storia del gruppo ha inizio nel piccolo birrificio De Hooiberg, ad Amsterdam, acquistato per 48.000 fiorini. L’attività verrà chiusa nel 1988 e sarà trasformata in un museo: l’ “Heineken Experience”.

Il 15 febbraio del 1865 viene fondata l’Heineken & Co, che diventerà in seguito, nel 1873, l’Heineken’s Bierbrouwerij Maatschappij NV, pur mantenedo Gerard Adrian come maggiore azionista.

L’estro del fondatore, lo porterà nel 1869 a creare una tecnica per la fermentazione a basse temperature, che gli consentirà di produrre una birra più chiara e a lunga conservazione.

Il secondo stabilimento dell’azienda è stato aperto nel 1874, a Rotterdam, grazie al continuo e incessante aumento della richiesta del prodotto.

Alla morte di Gerard, la società è passata in mano alla moglie, Marie Tindal e, nel 1914 al figlio Henry Pierre.

Dopo aver acquistato il birrificio belga Léopold, a Bruxelles, e aver partecipato alla joint-venture, insieme alla Fraser & Neave, per la creazione della Malayan Breweries Ltd di Singapore, il gruppo inizia una vera scalata al successo.

Gli anni d’oro

Negli anni ’30 l’azienda riesce ad aprire nuove filiali in Egitto, Congo belga e a Giava. Un grande passo in avanti viene compiuto nel 1933 quando, grazie all’importatore Leo van Munching, Heineken diventa la prima birra importata negli Stati Uniti.

Un momento storico, dopo la fine del proibizionismo in USA, in cui il gruppo diventa il simbolo di una nuova era, libera e anticonformista.

Una fusione importante avviene nel 1968, quando Heineken si unisce alla storica rivale Amstel.

Dal 1971 avvengono una serie di importanti acquisizioni di produttori di birra in tutto il mondo:

  • la francese Brasserie de l’Espérance, che produce la birra Ancre
  • l’italiana Dreher
  • l’irlandese Murphy’s (1983)
  • la spagnola El Aguila (1984)
  • la Royal Brand Brewery (1984)
  • la svizzera Calanda Bräu (1993)
  • l’italiana Birra Moretti (1996)

Successivamente all’accusa di avere una posizione dominante sul mercato italiano, mossa dall’Antitrust , nel 1997 il gruppo è obbligato a cedere lo stabilimento situato a San Giorgio di Nogaro, acquistato dalla Birra Castello S.p.A.

Heineken, nel 1999, viene riconosciuta come marchio del secolo dalle autorità olandesi.

Gli anni 2000

Nel 2000 Heineken acquisisce i birrifici BBAG, Krusovice e Rodic e Scottish & Newcastel, quest’ultima poi acquistata dalla Carlsberg nel 2008.

Dall’altra parte del mondo le cose continuano ad andare alla grande: nel 2010 l’azienda compra la birreria di FEMSA, importante imbottigliatore che entrerà poi nel capitale con una quota del 20%.

Sintetizziamo qui di seguito le ulteriori acquisizioni del gruppo:

  • Asia Pacific Breweries (2012)
  • Desnoes&Geddes e GAPL (2015), quote vendute dalla Diageo, in Malaysia e Giamaica
  • 50% di Lagunitas Brewing Company di Petaluma, in California (2015), per poi acquisirne il controllo nel 2017
  • Hibu (2017), birrificio artigianale in Brianza
  • Kiring (2017), in Brasile
  • 40% del China Resources Beer, il maggiore produttore di birra cinese

I marchi

In Italia la Heineken produce o distibuisce i marchi che elenchiamo di seguito:

  • Adelscott
  • Affligem
  • Amstel
  • Brand Bier
  • Buckler
  • Cervisia
  • Cruzcampo
  • Dolerei
  • Desperados
  • Dreher
  • Fischer
  • Henninger
  • Ichnusa
  • Heineken
  • Karlovacko
  • McFarland
  • Birra Messina
  • Birra Moretti
  • Murphy’s
  • Newcastle Brown Ale
  • Prinz
  • Postel
  • Sagres
  • Sans Souci
  • Strongbow
  • Sol
  • Von Wunster
  • Wieckse Witte
  • Zywiec

Una lista senza dubbio impressionante, che non può fare altro che farci comprendere ancora di più la forza dell’azienda olandese e la sua distribuzione capillare.

Azioni Heineken Modello di Business

Heineken è una S.p.A. cioè una società di capitali, con personalità giuridica e un’autonomia patrimoniale perfetta, nella quale le partecipazioni dei soci sono rappresentate da titoli trasferibili, le cosiddette azioni.

Nella società per azioni il capitale sociale è frazionato in un determinato numero di azioni, ciascuna delle quali incorpora una certa quota di partecipazione e di diritti sociali inerenti alla quota stessa.

Il gruppo è quotato alla Borsa di Amsterdam e all’OTC Markets Group di New York con rispettivamente i simboli HEIA e HEINY, integrando il calcolo dell’indice borsistico olandese AEX, ed è controllato dalla famiglie Heineken e Hoyer.

L’azionista di maggioranza è l’Arche Green N.V., di proprietà di entrambe le famiglie sopra citate, mentre il singolo azionista di maggioranza è Charlene de Carvalho Heineken, figlia di Freddy.

L’attuale CEO è il 58enne belga Jean-François van Boxmeer che, dopo quasi 15 anni di mandato, si dimetterà a favore del 46enne Dolf van den Brink, già a capo della divisione asiatica dell’azienda.

Gli azionisti al 31 dicembre 2013 sono così rappresentati:

  1. Heineken Holding N.V. Quota 50.005%
  2. Fomento Economico Mexicano, S.A.B. de C.V. Quota 12.532%
  3. Altri Quota 37.463%

L’azienda ha sviluppato nuovi brand di bevande, diversificando la sua offerta che le permetterà di far crescere ulteriormente le sue già ingenti entrate e di acquisire una nuova clientela.

Punti di forza

Come azienda, Heineken può contare su oltre 300 marchi di birre in tutto il mondo, garantendosi una massima estensione sul mercato e una diversificazione molto ampia della clientela.

Il marchio ha una immagine estremamente positiva e una reputazione tanto alta da potergli permettere di godere della fiducia degli azionisti, che da sempre vedono di buon occhio tali caratteristiche.

Inoltre, il gruppo compie un grande sforzo comunicativo e pubblicitario, sponsorizzando inoltre molti eventi sportivi tra cui la UEFA Champions League, di cui è main sponsor dal 2005.

Non meno importante è sicuramente il possedimento di circa 125 birrifici in oltre 70 paesi nel mondo, garantendo a Heineken di mantenere la sua produzione in tutti i suoi mercati, limitando quindi i costi di trasporto e di poter diversificare la produzione a seconda dei gusti dei clienti.

Infine, l’impegno dell’azienda nella transazione ambientale ed energetica le permette di essere classificata tra i marchi eco-green e di godere quindi dell’approvazione di una clientela sempre più esigente e rispettosa dell’habitat naturale.

Comprare azioni Heineken

Azioni Heineken dividendo

La società Heineken rilascia dividendi ai suoi azionisti. L’ultimo dividendo dichiarato, risale al 4 agosto 2021, relativo all’esercizio 2020, pari a 0,28 dollari per azione, con un rendimento dell’1,00%.

DATA DIVIDENDO DIVIDEND YIELD
04.08.2021 0.28 1.00%
26.04.2021 0.7 0.72%
27.04.2020 1.04 2.23%
31.07.2019 0.64 1.70%
29.04.2019 1.01 1.66%

Azioni Heineken Partner e Competitors

Heineken è un’azienda leader del settore in cui opera, seconda solo alla sua eterna rivale: la AB-InBev e SABMiller.

Il gruppo non teme la concorrenza e guarda al domani con grande ottimismo, basti pensare che nel 2017 ha ottenuto un fatturato di 21,8 miliardi di euro, con un utile netto di 1,9 miliardi di euro.

Ma vediamo ora nel dettaglio quali sono i suoi principali partner e quali i competitors.

Partner

  • CFAO, con cui ha creato una joint-venture in Costa d’Avorio, per poter costruire una fabbrica da sfruttare allo stesso modo
  • Asia Brewery, con cui ha creato una joint-venture nelle Filippine, per sviluppare un ulteriore segmento della sua attività
  • UEFA Champion’s League, di cui è main sponsor dal 2005
  • UEFA Euro 2020

Competitors

  • AB-InBev e SABMiller, attualmente il leader del mercato internazionale
  • Carlsberg, consorziata con Heineken avendo acquistato alcune aziende in comune
  • SAB Miller, quarto gruppo mondiale del settore

Azioni Heineken Previsioni

Le azioni della Heineken sono quotate alla borsa di Amsterdam e all’OTC Markets Group di New York ed è controllata rispettavamente dalla famiglia Heineken e dagli Hoyer, integrando il calcolo borsistico olandese AEX.

L’azienda ha attraversato due fasi storiche molto nette e definite: un calo vertiginoso delle azioni fino a marzo del 2009, raggiungendo i 20,37 euro e una potente ripresa rialzista che ha portato il suo valore oltre gli 80 euro.

Il titolo, dunque, ha una volatilità molto forte e si dimostra essere di grande interesse per gli investitori di tutto il mondo.

Osserviamo ora il grafico dell’andamento del titolo nell’ultimo anno:

comprare azioni Heineken

 

A febbraio del 2020 Heineken ha comunicato un aumento degli utili del 2019, comunicazione che arriva poco prima dell’inizio del lockdown, situazione di cui ha indubbiamente sofferto anche quest’azienda, soprattutto per la cancellazione di importanti eventi di cui è partner o main sponsor.

Le sue azioni di marketing nell’imediato futuro, saranno sicuramente un modo vincente per poter acquisire nuovi clienti, aumentare le vendite e suscitare l’interesse di ulteriori investitori, provenienti da ogni parte del globo.

Altre azioni per investire

Ogni buon broker conosce l’importanza di saper diversificare il proprio portafoglio. Ecco, dunque, altre buone aziende da tenere in considerazione:

Conclusioni

Heineken è senza alcun dubbio una società forte e importante, che ricopre il secondo posto nel settore della produzione delle birre, seconda solo al colosso AB-InBev e SABMiller.

In questa guida abbiamo cercato di analizzare l’andamento del suo titolo, la storia del brand e le sue quotazioni in tempo reale, per offrire una panoramica generale, efficace e esaustiva in merito.

Vuoi comprare o vendere le azioni di Heineken? Niente paura, ti mostriamo noi la soluzione migliore! Con poche e semplici mosse potrai aprire il tuo conto su eToro:

Apri qui un conto azionario con eToro  

Quando è stata fondata Heineken?

Heineken è un’azienda olandese che produce birre ed è stata fondata nei Paesi Bassi, più precisamnete a Amsterdam, dall’imprenditore Gerard Adriaan, nel 1864.

Qual è il fatturato di Heineken?

L’azienda, leader mondiale nel settore della produzione di birre, nel 2017 ha ottenuto un fatturato di 21,8 miliardi di euro, con un utile netto di 1,9 miliardi di euro.

Il nostro voto
Clicca per lasciare un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Lascia un Commento

hello world