Azioni

Comprare azioni Barclays: una guida completa [2020]

In campo finanziario e non solo, Barclays è uno dei brand più noti a livello globale. Al giorno d’oggi infatti quella che ci troviamo davanti è una realtà solida e affermata al servizio di famiglie e di imprese. Una banca internazionale, nata a Londra e ampliatasi poi in tutto il mondo, che ha saputo nel corso della sua lunga storia innovare e innovarsi. Ecco perché comprare azioni Barclays potrebbe essere un investimento decisamente azzeccato.

Questa banca britannica si distingue dalla concorrenza per la sua capacità di crescere costantemente, unita a una volontà di programmare a lungo termine. L’obiettivo è quello di fornire ai propri clienti solo prodotti e servizi che puntino all’eccellenza, ponendo di fatto Barclays nell’elite del mondo finanziario.

Oggi la banca si occupa di fornire servizi sia a livello corporate che ai privati, aggiungendo prodotti come le carte di credito e le carte revolving. La società è infatti pioniera nel settore, dopo la fondazione di una divisione apposita che nella seconda metà del secolo scorso ne ha decretato il successo soprattutto in ambito europeo.

In questa guida faremo emergere i motivi per cui gli investimenti in azioni del gruppo possono essere convenienti. Per il momento possiamo dire che di tanti broker presenti online, eToro è senza dubbio il più sicuro per vendere e comprare azioni Barclays.

Le migliori piattaforme per comprare azioni Barclays

In rete è possibile trovare diversi Broker che permettono di operare sui mercati finanziari online in totale sicurezza. Parliamo di piattaforme che sottostanno alla vigilanza e alle autorizzazioni di istituti italiani (CONSOB) e internazionali, e che sono pertanto regolamentate in ogni aspetto.

Ti presentiamo ora una lista dei broker più affidabili e sicuri per comprare azioni Barclays:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 200€
Licenza: Cysec
  • Social Trading (Copia i migliori)
  • Semplice ed intuitivo
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Si applicano termini e condizioni
    Piattaforma: forextb
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Corso trading gratis
  • Segnali di trading gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Si applicano termini e condizioni
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Demo gratis
  • Corso trading gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Si applicano termini e condizioni
    Piattaforma: plus500
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma professionale
  • Sicura e affidabile
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Si applicano termini e condizioni
    Piattaforma: iqoption
    Deposito Minimo: 10€
    Licenza: Cysec
  • Demo Gratuita Illimitata
  • Deposito minimo basso
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Si applicano termini e condizioni

    La storia di Barclays

    Barclays Bank plc nasce nel 1690, oltre tre secoli fa, a Londra. Qui i banchieri John Freame e Thomas Gould decisero di aprire un banco, che assunse nel 1736 il nome famoso ancora oggi. Fu in quella data infatti che James Barclay, genero di Freame, entrò a far parte del gruppo come socio.

    L’aquila nera ad ali spiegate, entrata nell’iconografia della Barclays, trova la propria origine nell’insegna affissa sulla seconda sede istituzionale della banca. Al numero 54 di Lombard Street infatti era presente questa immagine quando, nel 1728, la società vi si trasferì. Nel corso degli anni Barclays riuscì a espandere sempre più la propria dimensione societaria, acquisendo nuovi soci e arrivando nel 1896 ad assumere la ragione sociale di società per azioni. Nacque Barclays and Co., grazie alla fusione con molte altre banche di Londra e della provincia inglese.

    Tutta la prima metà del ventesimo secolo fu contrassegnata da continue acquisizioni che permisero al gruppo di ampliare la propria rete. Dapprima si conclusero trattative nei territori coloniali (Sudafrica, Egitto, India), per estendere il proprio raggio d’azione anche oltremare. Negli anni Sessanta arrivò invece lo “sbarco” in territorio statunitense, con la fondazione della Barclays Bank of California a San Francisco.

    Sono gli anni in cui vengono immessi sul mercato finanziario europeo i primi prodotti innovativi. È del 1966 la prima carta di credito in Europa; un anno dopo, nel 1967, fu il momento del primo sportello bancomat, installato a Enfield.

    Venendo alla storia recente, al giorno d’oggi le società del gruppo Barclays sono principalmente due:

    • Barclays, dedicata ai servizi bancari su territorio inglese e su scala globale attraverso cinque diverse divisioni;
    • Barclaycard, preposta ai servizi relativi alle carte di credito, che figura tra i soci fondatori del circuito Visa.

    Come comprare azioni Barclays

    Oggi chi decide di investire in titoli azionari può scegliere tra diverse alternative. Se da un lato rimane ancora possibile affidarsi a una banca per aprire una posizione, dall’altro non bisogna sottovalutare le opportunità offerte dai Broker online.

    Come vedremo in maniera più approfondita, ci troviamo davanti a un bivio dove conviene soppesare attentamente pro e contro offerti da una e dall’altra possibilità. È vero che il metodo “tradizionale” offre molte garanzie di affidabilità, però siamo sicuri che le piattaforme di trading online non facciano altrettanto? Aggiungendo, magari, ulteriori vantaggi dei quali non eravamo a conoscenza?

    Cerchiamo di fare chiarezza sull’argomento, analizzando a dovere le due principali strade che l’investitore può scegliere per comprare azioni Barclays.

    Comprare azioni Barclays in banca

    Sappiamo che il metodo base e più noto per comprare azioni è quello di rivolgersi a un istituto bancario. Erroneamente però si ritiene questo soggetto come l’unico capace di dare all’investitore la sicurezza e l’affidabilità che un’operazione di questo tipo richiede.

    Sul fatto che operare tramite una banca sia un metodo sicuro, non ci piove. Esistono però delle condizioni obbligatorie che possono rendere la compravendita decisamente poco conveniente, sia dal punto di vista economico che sotto l’aspetto pratico. Parliamo di:

    • tempi burocratici;
    • necessità di aprire un conto titoli;
    • commissioni;
    • assistenza non adeguata.

    Il primo punto infatti riguarda le tempistiche che all’atto pratico servono per recarsi in filiale e successivamente per l’apertura e la chiusura delle posizioni di mercato.

    A ciò si aggiunge la necessità di avere un conto dedicato per operare in titoli azionari, la cui apertura comporta dei costi che vanno a pesare sul profitto finale. Peso che viene ulteriormente aggravato dalla presenza di commissioni sulle operazioni: seppur si tratti di percentuali spesso basse, parliamo comunque di costi accessori che è necessario tenere in considerazione.

    Ultimo, ma non per importanza, è il fatto che nelle transazioni con le banche un investitore meno esperto non può fare affidamento su trader specialisti per ottenere una consulenza.

    Capiamo quindi come, scegliendo di comprare azioni Barclays tramite un istituto bancario, il rischio sia quello di trovarsi davanti a dei contro che finiscano per minare sensibilmente i pro. Un’alternativa però c’è: vediamo di cosa si tratta.

    Comprare azioni Barclays con i CFD

    CFD è un acronimo, il cui significato è “contract for difference”. Parliamo di un tipo di operazione che permette di ottenere un profitto dalle variazioni di prezzo del titolo. La domanda sorge spontanea: ma le variazioni non possono essere sia in positivo che in negativo?

    Esattamente, infatti operare con i CFD permette di guadagnare sia da situazioni di rialzo che di ribasso delle azioni su cui abbiamo deciso di investire. Non dovremo quindi preoccuparci, a differenza degli investimenti tradizionali, di un possibile calo dei titoli scelti. Andiamo a vedere più nel dettaglio come funziona.

    Perché scegliere i CFD per investire in azioni Barclays

    Operare con i CFD si differenzia dall’investimento classico in azioni perché qui abbiamo tra le mani uno strumento derivato negoziabile online. I Broker che operano online e permettono di investire tramite i CFD offrono ai loro clienti numerosi vantaggi rispetto al canale bancario tradizionale. Comprare azioni Barclays sulle piattaforme di trading online comporta:

    • accessibilità;
    • assenza di commissioni;
    • sicurezza e regolamentazione.

    Siamo in un contesto infatti in cui non è necessario essere fortemente capitalizzati. I servizi dei Broker sono accessibili a tutti, dagli investitori meno esperti a quelli più navigati, senza che vi sia il bisogno di investire grandi somme.
    Inoltre, a differenza delle banche, non bisogna aprire conti dedicati, evitando le relative spese di apertura. Non ci sono nemmeno commissioni per l’apertura di posizioni per l’acquisto di titoli.

    È lo spread infatti a rappresentare il guadagno per i Broker online, che ottengono profitto dalla differenza tra prezzo di acquisto e prezzo di vendita dei titoli.

    Parliamo di piattaforme che sono sotto la vigilanza e il controllo di istituti che operano a livello europeo e nazionale, come la CONSOB. Di conseguenza i CFD sono assolutamente sicuri e controllati in ogni loro aspetto.

    Comprare azioni Barclays con eToro

    Parliamo di eToro perché a nostro avviso è la piattaforma migliore tra quelle che permettono di operare in Italia. Al di là di tutte le certificazioni in suo possesso e di cui abbiamo già parlato, l’esperienza utente è di primo livello. Grazie all’interfaccia intuitiva e completamente sicura messa a disposizione, in pochi click sarà possibile catapultarsi nel mondo del trading online, pronti a investire sulle azioni scelte, anche quelle Barclays.

    Cosa rende però eToro la scelta migliore? Vediamolo brevemente.

    CFD

    Intanto siamo davanti a un Broker che permette di investire in CFD. Abbiamo detto in sintesi di cosa si tratta, cerchiamo di capire ora come funziona. Dal momento che questi strumenti replicano l’andamento di un asset, l’investitore potrà scegliere due strade tra loro alternative, a seconda di quelle che sono le previsioni per quel determinato titolo.

    Infatti se dalle nostre analisi riteniamo che le azioni avranno un rialzo nel futuro prossimo, quello che dovremo fare sarà aprire un CFD long, detto anche rialzista. In questo modo riusciremo a guadagnare da ogni punto base di rialzo azionario.

    Se invece siamo giunti alla conclusione che a breve il nostro titolo incontrerà una flessione, apriremo un CFD short, o ribassista. In questo scenario, in maniera analoga ma opposta al precedente, riusciremo a trarre profitto da ogni punto di discesa.

    Si capisce quindi come le possibilità di guadagno siano decisamente maggiori rispetto a un investimento tradizionale a mezzo bancario. Tutto ciò che dovremo fare sarà capire e prevedere quale potrà essere la prossima variazione del titolo sul mercato finanziario.

    Copy Trading

    eToro si distingue dalla concorrenza per la sua particolare e innovativa sezione Copy Trading. Si tratta di un’opzione interessante sia per gli utenti meno esperti che per gli investitori di lunga data, dal momento che offre vantaggi a entrambe le categorie.

    Il Copy Trading replica il comportamento tenuto da alcuni dei migliori trader presenti sul mercato, che potremo scegliere da una ricca lista basandoci sui loro risultati. Una volta scelti, sarà come aver affidato a loro i nostri capitali. Per gli utenti alle prime armi sarà quindi come avere una guida per entrare nel mondo del trading e capirne i meccanismi, mentre per i più esperti sarà un’ottima possibilità per risparmiare tempo, mettendo comunque i propri risparmi in mani sicure.

    etoro top traders

    Curioso di capire in prima persona come funziona? Clicca sul nostro link e potrai testarne le funzionalità anche da conto Demo:

    Prova il servizio di Copy Trading di eToro

    Grafico e andamento azioni Barclays 2020

    Le azioni Barclays, quotate alla London Stock Exchange, sono tra i titoli britannici più popolari sul mercato finanziario. Nel grafico che riportiamo qui sotto è possibile vedere l’andamento del titolo negli ultimi 5 anni:

    grafico andamento azioni barclays

    Estendendo l’analisi a un periodo più ampio, si registra un forte calo avvenuto nel corso di due anni, tra fine febbraio 2007 e marzo 2009. La variazione in quel periodo fu brutale e portò il titolo da un valore di 790,00 GBX a 64,80. Da quel momento però vi fu una buona ripresa e negli ultimi dieci anni le azioni Barclays hanno fatto registrare sì delle oscillazioni, ma sempre senza grosse differenze tra picchi minimi e massimi.

    A dimostrazione di questa stabilità troviamo un fatturato che negli ultimi anni è stato perlopiù costante: nel 2016 il dato registrato è stato di 21,45 miliardi di sterline, variato in 21,14 per il 2018. L’utile netto nel 2019 è salito sensibilmente rispetto all’anno precedente, attestandosi su un valore di 2,46 miliardi di sterline (+ 54%). Di conseguenza la banca ha alzato anche i propri dividendi, portandoli a 9 pence rispetto ai 6,5 del 2018.

    Quotazione azioni Barclays e target price

    Negli ultimi sei mesi il trend generale è stato rialzista, passando dai 136,60 GBX di fine agosto 2019 ai 168 di fine gennaio 2020. Secondo gli analisti, tale andamento dovrebbe rimanere costante per il breve periodo, giungendo a quota 181,4. Successivamente si potrebbe incontrare però uno status tecnico negativo per quanto riguarda il medio periodo.

    Secondo 14 analisti di Wall Street, il target price per le azioni Barclays per i prossimi 12 mesi sarà su un valore di 215,91 GBX, ottenuto da una media tra il valore massimo di 252 e un minimo di 185.

    Conclusioni

    Abbiamo avuto modo di vedere come, dopo un periodo piuttosto difficoltoso, Barclays sia riuscita a rialzarsi e a trovare un proprio equilibrio sul mercato finanziario. I dati in nostro possesso dimostrano che dopo il tracollo del 2009 la situazione si è decisamente stabilizzata e ciò emerge sia dal valore azionario che dal fatturato. Le sensazioni per il prossimo futuro sono positive, come segnalato dall’aumento dei dividendi e dalle analisi fatte dai broker che prevedono un trend generale dl rialzo.

    Comprare azioni Barclays potrebbe quindi essere una buona scelta: l’importante è tenersi aggiornati su quelle che sono le notizie riguardanti la compagnia, in modo da poter effettuare un investimento consapevole. Altrettanto importante è affidarsi a un partner professionale, che permetta di operare in maniera sicura sui mercati online. La scelta migliore al momento per il trading? Secondo noi è eToro.

    Prova le potenzialità di eToro con un conto Demo gratuito

    Se sei interessato a investire anche in altre grandi aziende, dai un’occhiata a queste guide:

    Il nostro voto
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Lascia un Commento